Stevie Ray dalla UFC alla depressione la povertà ed il ritorno alle MMA fino al premio milionario in PFL - Kombatnet News

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

Steven Ray, classe 1990, ha raccontato la sua lunga battaglia contro la depressione dal momento in cui ha appeso i guanti UFC al chiodo fino alla finale della Professional Fighters League con in palio un premio da 1 milione di dollari.

L’ex star dell’UFC ha sconfitto l’ex campione del mondo Anthony Pettis per la seconda volta in sei settimane venerdì 5 agosto 2022 all’HULU Theatre del Madison Square Garden guadagnandosi così l’accesso alla finale della Professional Fighters League, dove affronterà il canadese Olivier Aubin-Mercier in un match con in palio una borsa dalle sette cifre.

Si tratta del quarto match in pochi mesi che ha consentito al fighter di risolvere ampiamente i suoi problemi economici.


Questi successi non sono arrivati con facilità e senza fatica: infatti nel 2020, all’apice della sua carriera, un bollettino medico arrivato come una doccia fredda avrebbe bruscamente interrotto la sua ascesa. Il cronicizzarsi dei problemi al ginocchio avevano infatti spinto numerosi specialisti ad intimargli di interrompere la sua attività sportiva e ritirarsi dalle MMA.

Il fighter ha quindi spiegato come abbia dovuto combattere contro la depressione ed il gioco d’azzardo quando ha preso la dura decisione di ritirarsi prematuramente dalle MMA.

Solo poche settimane prima Ray aveva battuto il veterano Michael Johnson nella sua più grande vittoria fino a quel momento ma il sommarsi dei problemi fisiologici ad alcuni problemi burocratici con il suo visto hanno portato Ray ad interrompere improvvisamente la sua carriera.


Tuttavia in cuor suo sapeva che quella decisione non corrispondeva a quello che realmente voleva ed quindi ha continuato a competere in competizioni di grappling prima di firmare nuovamente con una promotion di MMA, la PFL. E adesso gli manca solo una vittoria per cambiare per sempre la sua vita e quella della sua famiglia.

“Si potrebbe pensare che, avendo appena battuto Anthony Pettis per ben due volte in sei settimane, questo sia il massimo che possa accadere nella mia carriera”, ha spiegato Ray dopo il combattimento. “Ma ad essere onesto c’è di più ed ho un po’ di cose da raccontare riguardo ciò che mi è successo due anni e mezzo fa.”

“Ho vinto il più grande incontro della mia carriera fino a quel momento, battendo Michael Johnson a Singapore e ho subito firmato un nuovo contratto di quattro incontri con l’UFC. Tuttavia, subito dopo, la mia carriera è crollata quando mi è stato detto da un dottore che non avrei mai potuto combattere di nuovo e sono stato di conseguenza licenziato dall’UFC senza poter fare quei quattro match.


“Ho dedicato 12 anni della mia vita cercando di arrivare in cima allo sport per provvedere alla mia famiglia, quindi potete immaginare come mi sia sentito in quel momento”.

In quel periodo, Stevie Ray ha dovuto passare attraverso un abisso di depressione, non avendo a disposizione altre possibili entrate per far fronte alle esigenze della sua famiglia.

“La mia macchina si rompeva perché non ne potevo comprare una decente e mi sarebbero servite 500 sterline che non avevo per metterla a posto. Poiché non avevo soldi giocavo d’azzardo cercando di farne un po’ di più. E li perdevo tutti”.


Nel 2019, in seguito alla tragica morte per suicidio del pugile Connor Law di soli 26 anni, afflitto da problemi di depressione, ha rilasciato un toccante video dove affrontava i problemi mentali ai quali una persona può andare incontro.

Aspettando la nascita del suo terzo bambino, disperatamente a corto di denaro, Stevie Ray è stato sull’orlo del lastrico per molto tempo.

“Mi è stato offerto un altro match ma non avevo un visto per gli Stati Uniti all’epoca e non sarei riuscito ad ottenerlo, e questo era ovviamente un problema. Ho dimostrato in seguito che si trattava di un errore, un problema nel sistema, anche perché ora ho un visto per gli USA di quattro anni ma all’epoca… non mentirò, ho pianto un po’ quando mi è stato detto che la mia carriera era finita”.


“La quantità di sacrifici che ho dovuto fare: ho quattro figli, ho una moglie, ho un mutuo, molte cose stanno succedendo. Non mi è più permesso di fare il pompiere. Cosa posso fare della mia vita? Sono bravo solo a combattere, non sono davvero bravo in molto altro perché mi sono dedicato così tanto al combattimento che è l’unica cosa che so fare”.

Ma toccato il fondo, passata la pandemia di Covid-19 e ripresi i match in tutto il pianeta, Ray ha affrontato sé stesso, ha preso il coraggio a due mani ed ha deciso di tornare a combattere, sia contro gli avversari in gabbia che contro i suoi problemi fisici e contro la depressione. Inizialmente ha deciso di combattere solamente nel grappling.

Inizialmente, anche dopo aver deciso che sarebbe tornato, Ray non era sicuro se sarebbe tornato o meno a combattere ad alti livelli. Si è allenato duramente nella palestra Higher Level Mixed Martial Arts, facendo il pendolare da Whitburn a Fife ogni giorno per raggiungere la sua forma attuale.


Stevie Ray fighter MMA scozzese - Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo  - Kombatnet News
Stevie Ray fighter MMA scozzese – Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo

È così riuscito a superare i suoi problemi al ginocchio ed alla fine è tornato in gabbia, risorgendo da un periodo buio della sua vita per guadagnarsi un posto negli spareggi sottomettendo Pettis. E ora è in finale dopo aver battuto ancora una volta l’americano ai punti sui tre round.

“Non è solo questo quello che ho fatto”, ha detto Ray riferendosi alle vittorie. “E’ quello che ho dovuto superare nei due anni e mezzo per poi tornare in gabbia”.

“Ed eccomi qui, ho appena combattuto tre volte in quattro mesi e ora sono a un passo dal milione di dollari e dalla vittoria del titolo mondiale. Gli ultimi tre anni della mia vita sono stati come delle montagne russe”.


Contro tutte le aspettative, lottando contro ogni avversità che la vita gli ha messo contro, Ray è tornato in grande stile ed ora è a solo una vittoria di distanza dalla vittoria che potrebbe cambiargli la vita: un esempio di forza d’animo da imitare.

In questo, lo scozzese ha già vinto.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...