Shakur Stevenson annuncia il ritiro dal pugilato dopo soli 7 anni - Kombatnet

Shakur Stevenson annuncia il ritiro dal pugilato dopo soli 7 anni di carriera

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Shakur Stevenson annuncia il ritiro dal pugilato dopo soli 7 anni di carriera

Con una mossa che ha sorpreso il mondo del pugilato, Shakur Stevenson ha formalmente concluso la sua promettente carriera pugilistica lunga sette anni, proclamando il suo addio al ring su Twitter, nonostante abbia raggiunto le vette di tre titoli mondiali in tre categorie di peso diverse.

Nonostante Shakur (imbattuto con un record di 210 e 10 KO) non abbia esplicitato le ragioni dietro questa scelta inaspettata, si sospetta che la decisione della WBO di organizzare un match tra l’ex campione del mondo Emanuel Navarrete e il carismatico Denys Berinchyk per il titolo vacante dei 135 libbre, abbandonato di recente da Devin Haney, abbia giocato un ruolo chiave nel suo ritiro.

Shakur Stevenson annuncia il suo ritiro su Twitter - Kombatnet
Shakur Stevenson annuncia il suo ritiro su Twitter – Kombatnet

Era noto che Stevenson avesse nel mirino il meno quotato Navarrete, dopo essere stato trascurato da Vasily Lomachenko e aver visto Frank Martin ritirarsi dall’idea di un confronto sul ring.


Tra gli appassionati di boxe si è comunque diffuso un certo malcontento: molti ritengono che la frustrazione di Shakur derivi dall’incapacità di sfidare i nomi più grandi della categoria dei leggeri. La sua fama di “runner“, ossia di pugile elusivo e difficile da colpire, sembra essere la ragione principale per cui viene evitato.

Nell’ultimo incontro di Stevenson, durante le Olimpiadi USA del 2020 contro Edwin De Los Santos a novembre, il suo stile di combattimento era caratterizzato da un continuo arretramento, mischiato ad una certa esitazione e timore. Questo atteggiamento ha scatenato la disapprovazione del pubblico a partire dal quarto round, con fischi e critiche anche durante l’intervista post-match.

Da quel momento Shakur non ha avuto successo nel convincere i grandi nomi della boxe a sfidarlo, per un motivo molto semplice: nessuno vuole essere costretto a inseguire un pugile con doti da sprinter.


Nel caso Shakur decidesse di ritornare dal ritiro, dovrebbe considerare alcune mosse strategiche per rilanciare la sua carriera: adottare uno stile di combattimento più statico e meno evasivo, innanzitutto. Poi salire di categoria, passando ai pesi 140 o 147, dato che ha già esaurito le sue opportunità nei 135. Infine confrontarsi con avversari come Subriel Matias e JaronBootsEnnis.

Se ipotizziamo che Stevenson mantenga la sua decisione di ritirarsi, questo apre le porte a Raymond Muratalla come aspirante al titolo WBC dei pesi leggeri. Senza nulla togliere a Shakur, Muratalla offre uno spettacolo ben più entusiasmante sul ring rispetto a Stevenson e porta una ventata di freschezza nella categoria delle 135 libbre come campione WBC. A differenza di Stevenson, Muratalla non evita lo scontro diretto e sul ring mischia sapientemente il pugilato con lo spettacolo.

E che cosa vuole il pubblico di più se non un buon pugile con grandi doti di intrattenitore?


Anche il terzo in lista, William Zepeda (290, 25 KO), potrebbe essere in lista per un supermatch contro Maxi Hughes (2662, 5 KO) per la cintura dei pesi leggeri WBC il 16 marzo a Las Vegas.

In tanti si stanno chiedendo a che gioco stia giocando Shakur: sarebbe meglio stesse più attento, perché la corda, quando la si tira troppo, si può anche spezzare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...