Saenchai vs Buakaw Bare Knuckle Fighting Championship - Kombatnet News

Saenchai e Buakaw si affrontano in un match di bare-knuckle per la BKFC

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Saenchai e Buakaw si affrontano in un match di bare-knuckle per la BKFC

di Yuri Refolo, fondatore di Kombatnet

Non è ancora chiaro se si tratti di una trovata pubblicitaria solo a fini di marketing per un match-esibizione o se realmente dovremo sorbirci la pagliacciata del secolo, ossia il Re della Muay Thai Saenchai contro la leggenda della K-1 Buakaw in un match dove gli avversari si picchiano a mani (quasi) nude, secondo la disciplina del “bare knuckle“.

Pare che la Bare Knuckle Fighting Championship abbia annunciato l’evento, che si terrà in Medio Oriente e che si svolgerà secondo delle “special rules” (“regole speciali“), le quali ancora non è dato conoscere: presumibilmente differirà dai molti altri match per l’utilizzo dei calci (già inclusi in qualche occasione).


Il “Bare Knuckle” è una pratica di combattimento oggi regolata da numerose associazioni (come la BKFC – Bare Knuckle Fighting Championship) che affonda le radici in varie discipline nate prima dell’adozione delle protezioni per le mani (i cosiddetti guantoni): se ne trovano origini nel pugilato settecentesco inglese, regolamentato dalle famose Broughton Rules e dalle London Prize Ring Rules, prima che le Marquess of Queensberry Rules introducessero l’utilizzo obbligatorio dei guantoni oppure nella pratica del “Vale Tudo“, diffuso in Brasile nella prima metà del ventesimo secolo.

Le varie organizzazioni oggi tendenzialmente propongono una boxe a mani coperte solo da fasciature, senza guantoni.

I due non sono nuovi a questo tipo di combattimento: entrambi sono stati tentati dalle promesse della nuova fiorente promotion, che pare crescere più rapidamente di qualunque altra, data anche la sanguinaria spettacolarità dei propri match.


“Entrambi hanno avuto carriere leggendarie ed hanno combattuto in molti match che hanno fatto la storia della Muay Thai” ha detto il presidente di BKFC David Felman: “I fan degli sport da combattimento si sono sempre divisi su chi avrebbe potuto vincere, ora lo potranno verificare con i loro occhi”.

Sombat Banchamek, AKA Buakaw Banchamek, ha segnato la storia della kickboxing, nella fattispecie della K-1, dove pur senza gomitate e con un clinch limitato ha saputo imporre la sua “K-Thai” diventando una icona per fan e fighter a venire.

Suphachai Saepong, al secolo e per tutti “Saenchai“, di suo, ha collezionato una serie inimmaginabile di match (378, molti dei quali vinti) battendo i più grandi della Muay Thai del suo periodo, vincendo i premi più prestigiosi, diventando più volte campione del Lumpinee e diventando una leggenda vivente della disciplina.


Buakaw ha allentato ultimamente la frequenza dei suoi match, dopo aver fatto piazza pulita dei più grandi: è ritornato di recente a combattere, vincendo ma non convincendo e si dedica ora più all’insegnamento che al combattimento, divertendosi a fare sparring con grandi campioni come Superbon, suo allievo, dimostrando di avere ancora molto da dire con addosso i guantoni.

Saenchai invece da tempo non combatte contro un avversario degno del suo rango: e se si esclude la sconfitta contro Phetmorakot Wor.Sangprapai al Rajadamnern, lo stesso Pethmorakot che ha messo inizialmente in difficoltà il nostro Giorgio Petrosyan ad ONE Championship nel 2019 (match controverso trasformato in no contest a causa del “troppo clinch” del Thai, sic) è dai tempi delle sfide contro Singdam che non si vede Saenchai sudare per una vittoria, il che la dice lunga o sulla qualità dei propri avversari o su motivazioni dalle quali ci teniamo prudentemente lontani, per decenza.

Tralasciando la differenza di peso di oltre 10 kg, di altezza di oltre 10 cm ed i diversi ambiti di competenza, non vediamo davvero l’utilità di formalizzare una delle loro tante scherzose sessioni di sparring dove giocano a rincorrersi, prendersi in giro e tentare colpi improbabili in un match vero e proprio con pubblico pagante.


Ci piace l’idea di vederli scambiare colpi, sì, ma in palestra: non certo vederli esibirsi come fenomeni da baraccone su un ring a fare finta di colpirsi come nel professional wrestling.

Pare che i dubbi siano condivisi anche da chi sa una cosa o due sulla Muay Thai, come Liam Harrison (che ha già affrontato Saenchai ben quattro volte) e afferma: “Sono compagni di allenamento ed amici, si tratta solo di una farsa scenografica o che cosa?”

Il commento di Liam Harrison sul match tra Buakaw e Saenchai - Kombatnet News
Il commento di Liam Harrison sul match Bare Knuckle tra Buakaw e Saenchai

Mentre il tre volte campione ONE Championship dei pesi massimi Brandon Vera si dimostra perplesso: “Non so se voglio vedere questo match”


Il commento di Brandon Vera sul match Bare Knuckle tra Buakaw e Saenchai - Kombatnet News
Il commento di Brandon Vera sul match Bare Knuckle tra Buakaw e Saenchai

Tanti altri hanno commentato negativamente l’evento, tra chi pensa alla sceneggiata prefabbricata e chi non vuole vedere combattere due amici (motivazione blanda: gli avversari sportivi non sono nemici, per quanto altre discipline ci vogliano far credere il contrario, in bilico tra dissing, trash talking e pile di denaro).

Il punto è che non c’è bisogno di degradare la Muay Thai (né la K-1) ad arte scenica e per quanto siano interessanti le dimostrazioni di Buakaw nella Muay Boran contro più avversari (utili più a spianargli la strada come attore che a dimostrare la reale essenza dell’arte marziale dalla quale deriva la Muay Thai) in quel contesto è chiaro l’intento: si tratta di puro intrattenimento e non ci si può confondere.

La Muay Thai prevede anche la declinazione del “Kard Chuek”, i combattimenti con corde di canapa al posto dei guantoni, ma si tratta di tutta un’altra cosa: per quanto anch’essi siano asserviti alle logiche di spettacolo (di recente hanno conosciuto il favore del pubblico grazie ad un reality thailandese), si tratta comunque di match duri e non di farse conclamate. Basta guardare il match tra Saiyok e Sudsakorn per capire che non si tratta di un gioco.


Match di Kard Chuek tra Saiyok Pumpanmuang e Sudsakorn Sor Klinmee nel 2013

Ora, che la Thailandia sia la patria dei match pilotati è un dato di fatto: la stessa costruzione dell’incontro sui 5 round, con gli ultimi due round a gomiti e clinch (o a prudente distanza) è uno storico segno dell’asservimento alle logiche delle scommesse. E gli ultimi scandali riguardanti l’arbitraggio nei grandi stadi che hanno fatto la storia della Thai, come il Rajadamnern ed il Lumpinee, completano solo il quadro di una disciplina che a dispetto della sua cruda durezza si mescola talvolta con la finzione, in un gioco di luci ed ombre che la rende a tratti affascinante, a tratti insopportabile.

Ma prendere palesemente in giro i fan è un’altra cosa: sappiamo tutti che se dovessero veramente combattere all’ultimo sangue non potrebbero esserci possibilità per Saenchai, che è grande quanto una gamba di Buakaw; inoltre i danni che si infliggerebbero sarebbero di portata tale da tenerli fuori dal ring per troppo tempo.

Ed entrambi sono troppo impegnati a consolidare la loro immagine sui palchi ring di tutto il mondo. Uno con l’approccio alla “Trainer Gae“, macinando km sul ring come un carro armato, ignorando i colpi del povero avversario di turno che puntualmente viene messo KO da un colpo perfettamente calcolato (…).


L’altro affrontando una sfilza di avversari desiderosi di fama e puntualmente battuti tra piroette e schiaffetti, in numero tale da sorpassare anche la palmarés di un veterano del ring.

Saenchai vs Nong-O al Lumpinee Stadium nel 2014

Forse è proprio questo il punto: di vedere un magistrale Saenchai VS Nong-O dell’epoca o un Buakaw VS Zambidis possiamo farcene una ragione: non accadrà più.

Buakaw Por Pramuk VS Mike Zambidis al K-1 World MAX 2006 in Giappone

Dobbiamo rassegnarci a cedere il passo all’inesorabile incedere del tempo e possiamo solo sperare di vedere altri nuovi campioni scrivere la storia della loro disciplina d’ora in avanti. Delle vecchie glorie del passato è rimasta solo l’ombra, sempre più sfumata.


C’è una remota possibilità che i due possano dare vita ad uno spettacolo fuori dal comune senza per forza renderlo sanguinolento e inutilmente violento e senza dare l’impressione che sia una danza coreografata. Le possibilità sono basse, ma mai dire mai: e quando si parla di nomi del genere tutto può accadere. Tuttavia la statistica, che pur non è una scienza esatta, ci impone di considerare le probabilità che questo avvenga, dati gli ultimi spettacoli ai quali abbiamo dovuto assistere: e l’ago della bilancia tende tristemente verso la scritta “fake“.

E il tono piccato di chi scrive riflette ovviamente la propria difficoltà a rassegnarsi a cedere a Chronos quanto dovuto, oltre che l’indignazione nel vedere una Gioconda esposta, invece che al Louvre (o magari in un nostro museo, thanx), in un cesso di un autogrill.

Samart Payakaroon, dopo aver fatto la storia, è diventato un attore: ma per tutti era chiaro si trattasse di un film.


Y.R.

Il contenuto di questo articolo contiene argomentazioni personali e non costituisce una presa di posizione ufficiale di Kombatnet riguardo le tematiche ed i contenuti ivi descritti.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...