Matteo Signani perde il titolo europeo contro Tyler Denny per una testata - Kombatnet

Matteo Signani perde il titolo europeo contro Tyler Denny per una testata

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Matteo Signani perde il titolo europeo contro Tyler Denny per una testata

In un match che ha subito suscitato un acceso dibattito nel mondo del pugilato, il veterano italiano Matteo Signani ha perso il suo titolo europeo dei pesi medi contro l’inglese Tyler Denny in circostanze molto discutibili. L’evento, tenutosi alla “The Halls” Arena di Wolverhampton, è stato caratterizzato da un’atmosfera tesa e da un arbitraggio discutibile che hanno portato a una sconfitta per Signani.

Matteo Signani, soprannominato “Il Giaguaro” e originario di Savignano sul Rubicone, si è presentato all’incontro come un campione esperto, con la speranza di mantenere il suo titolo. Al suo fianco, Tyler Denny, pugile di 32 anni con un record di 17-2 prima dell’incontro, che sperava di realizzare il suo sogno di diventare campione europeo.

Le prime fasi del match hanno visto Denny adottare un approccio aggressivo, mettendo pressione su un Signani un po’ rigido di gambe e di tronco ed evidentemente più lento con diverse combinazioni a segno. Signani, da parte sua, è riuscito a connettere con diversi colpi singoli potenti che però non sono riusciti a scuotere significativamente Denny. Mentre il match procedeva, Denny ha iniziato a utilizzare tattiche scorrette, ricorrendo a gomitate e testate che hanno causato ferite sulla tempia sinistra e sullo zigomo sinistro di Signani.


Questo non ha impensierito inizialmente troppo Signani, che al quinto round ha anche pressato fortemente Denny mettendolo in difficoltà, facendo sognare il pubblico italiano e facendo anche pensare ad una risoluzione anticipata dell’incontro.

Il sesto round si è poi rivelato decisivo. L’ennesima testata di Denny ha causato un taglio significativo all’arcata sopraccigliare di Signani, portando a un intervento medico. Nonostante gli sforzi di Signani di rimanere in gara, la ferita si è rivelata troppo grave per continuare, portando all’interruzione del match e alla perdita del titolo per il pugile italiano.

Il risultato ha scatenato un’ondata di reazioni tra i fan e gli esperti di pugilato. Si è notato che Signani sembrava essere “solo contro tutti“, affrontando non solo Denny ma anche un arbitraggio discutibile e un pubblico ostile. La percezione che l’arbitro abbia permesso a Denny di agire in modo scorretto, e la natura controversa dell’interruzione del match, hanno sollevato interrogativi sulla legittimità della vittoria di Denny: probabilmente un no contest sarebbe stato più onorevole.


Signani ha comunque dimostrato grande sportività andando subito a salutare l’angolo avversario e complimentandosi con Denny per la vittoria.

Va sottolineato anche come, a fronte di una atleticità più spiccata e maggior velocità dovuta anche alla differenza di età, i colpi di Denny sono spesso andati a vuoto e non si sono dimostrati significativi quando arrivati a segno. Se Signani si è mostrato più rigido, Denny sicuramente non ha sferrato colpi da campione europeo.

Con la carriera di Signani in una fase avanzata, in molti si chiedono se questo potrebbe essere stato il suo ultimo match: tuttavia il “giaguaro” ci ha abituato al suo spirito combattivo e non sembra minimamente intenzionato ad appendere i guantoni al chiodo.


Interessante l’idea di una rivincita in casa a Savignano sul Rubicone, organizzata dal Comune come già fatto in passato, proposta dallo scrittore ed esperto di pugilato Marco Nicolini come un modo equo per risolvere questa controversia. Una tale rivincita non solo offrirebbe a Signani l’opportunità di reclamare il titolo in circostanze più eque, ma darebbe anche a Denny la possibilità di dimostrare la sua vittoria in un contesto meno discutibile.

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...