Lomachenko perde ai punti contro Haney in un match dal verdetto controverso - Kombatnet

Lomachenko perde ai punti contro Haney in un match dal verdetto controverso

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Lomachenko perde ai punti contro Haney in un match dal verdetto controverso

L’incontro di sabato sera al MGM Grand Garden Arena tra il campione indiscusso dei pesi leggeri Devin Haney e l’ex campione in tre divisioni Vasiliy Lomachenko si è concluso con un verdetto controverso che ha lasciato delusi molti appassionati del pugilato. Nonostante una prestazione dominante di Lomachenko nei round finali infatti, tutti e tre i giudici hanno assegnato la vittoria a Haney, che mantiene così le cinture WBA (Super), WBC, IBF, WBO e The Ring.

Gli highlights del match tra Devin Haney e Vasiliy Lomachenko

Il match è stato estremamente bilanciato, con Haney che è partito bene andando a segno più volte al corpo di Lomachenko, soprattutto con il destro. Nonostante sia noto per il suo jab, Haney ha fatto molto poco affidamento sul suo strumento più efficace per contrastare con la forza il lavoro dell’avversario più difficile che avesse mai affrontato fino a quel momento.

L’ucraino Lomachenko (17-3, 11 KO), 35 anni, ha perso per la sua terza volta da quando ha iniziato la sua carriera professionale quasi 10 anni fa. Sabato sera però ha iniziato il match con molta più decisione di quando 3 anni fa ha perso contro Teofimo Lopez per decisione unanime. Durante tutto il match non ha consentito ad Haney di predominare con la forza, sfruttando tutto il suo arsenale tecnico per contrastarlo.


Lomachenko ha dimostrato la sua superiorità negli ultimi round, superando Haney nel numero di pugni lanciati (124-110). Tuttavia, nonostante la sua prestazione impressionante, i giudici hanno assegnato la vittoria a Haney. Tim Cheatham e David Sutherland hanno segnato il match 115-113, mentre Dave Moretti lo ha visto 116-112 a favore di Haney.

La decisione ha deluso i 14.436 spettatori presenti che hanno fischiato il verdetto dagli spalti ma Haney (30-0, 15 KO) si è ritenuto fortunato ad aver vinto contro un avversario di livello come Lomachenko. Nonostante la controversia Haney si è detto contento per la sua prestazione e per il match, affermando che Lomachenko è stato il suo avversario più difficile fino ad oggi.

Haney ha comunque riconosciuto a Lomachenko le sue qualità:


Ragazzi, Lomachenko è un futuro Hall of Famer. È stata una benedizione condividere il ring con lui“, ha detto Haney. “Tanto di cappello a Loma. È stato di gran lunga il mio avversario più duro. È molto furbo e abbiamo messo su un grande match per i fan. Tanto di cappello, è un grande combattente“, ha dichiarato il vincitore.

Sicuramente l’età di Lomachenko si sta facendo sentire ma affrontare un avversario di quel livello, 11 anni più giovane a fine carriera e riuscire a metterlo in difficoltà agli ultimi round arrivando sino ad un verdetto controverso è una cosa che solo i grandi come “The Matrix” possono permettersi di avere in curriculum.

La sua risposta all’intervista sul ring è stata comunque molto posata nonostante fosse chiaro il disappunto per il verdetto sfavorevole:Non ho voglia di parlarne. Tutti hanno visto cosa è successo stanotte. Guarda, penso di aver dimostrato di essere in ottima forma. Ci vediamo la prossima volta. Non mi va di parlarne ora… non è un buon momento per me“. Lomachenko ha evitato ogni tipo di polemica sul verdetto, cercando di concentrarsi sul prossimo match.


La risposta di Lomachenko sul ring al verdetto sfavorevole contro Haney

Il padre ed allenatore di Haney, Bill, è stato veloce a smentire una ipotesi di rematch quando è stato intervistato nel backstage dopo il match, chiarendo che secondo lui il match non è stato così “equilibrato” nonostante secondo i fan e i media Lomachenko avrebbe dovuto vincere.

Il peso welter Terence Crawford ha contestato ampiamente il verdetto: quando gli è stato chiesto se fosse sorpreso per la decisione dei giudici ha risposto “Onestamente sì. Devin è il mio favorito, ho fatto il tifo per lui per tutto il match, ma 116-112 a suo favore è una follia“.

Dopo questa vittoria Haney si trova ad affrontare una decisione importante, poiché sarà libero in quanto al termine del suo contratto con Top Rank e Lou DiBella. Ha diverse opzioni davanti a sé: potrebbe rimanere nella categoria dei pesi leggeri per un ultimo match molto atteso contro Shakur Stevenson, un altro pugile di livello mondiale che era presente sabato sera e che si è dichiarato in disaccordo con il verdetto.


Dopo il match, comunque, Haney ha ipotizzato che il suo tempo nei pesi leggeri sia giunto al termine.

È tutta esperienza. Torneremo indietro, guarderemo il combattimento e ci rifletteremo su. Sono stato a 135 per molto, molto tempo. Sono stato a 135 da quando avevo 16 anni. Torneremo ‘in laboratorio’ e cercheremo di capire cosa mi attende“.

Stevenson ha dichiarato che Lomachenko avrebbe dovuto essere il campione indiscusso ma ha espresso interesse per un incontro con Haney, match che potrebbe essere rivelarsi incredibilmente interessante per gli appassionati del mondo del pugilato.


Altrimenti Haney potrebbe optare per il salto nella categoria dei superleggeri, dove potrebbe cercare un titolo in un’altra divisione e mettersi in posizione per affrontare il vincitore dell’incontro del 10 giugno tra Josh Taylor e Teofimo Lopez Jr..

Un’altra opzione intrigante potrebbe essere un incontro con Gervonta Davis, che ha brillato nella sua vittoria contro Ryan Garcia lo scorso aprile.

Il verdetto controverso ha comunque stonato con la performance eccellente di Lomachenko e il risultato ha sollevato interrogativi sulle decisioni dei giudici nel mondo del pugilato. L’incontro tra Lomachenko e Haney ha dimostrato ancora una volta la necessità di maggiore trasparenza e imparzialità nella valutazione dei match.


Indipendentemente dalle controversie, comunque, entrambi i pugili hanno dimostrato il loro talento e la loro abilità sul ring, donando ai fan uno spettacolo di tutto livello.

Kombatnet DAZN Logo
Kombatnet è Affiliate Partner di DAZN: clicca qui per iscriverti ora!

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...