Joshua punisce un Ngannou impreparato: KO al secondo round - Kombatnet

Joshua punisce un Ngannou impreparato: KO al secondo round

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Joshua punisce un Ngannou impreparato: KO al secondo round

Alla fine è andata come doveva andare: Anthony Joshua ha sconfitto Francis Ngannou per KO al secondo round a Riyadh, ristabilendo la giusta gerarchia nel mondo del pugilato ieri sera, 8 marzo 2024 nell’evento Knockout Chaos.

Un semplice, perfetto diretto destro ha mandato Ngannou al tappeto a un minuto dalla fine del primo round. Ngannou è riuscito ad alzarsi, ma non ha sostanzialmente scambiato nulla con Joshua. All’inizio del secondo round Joshua è andato a segno con un altro destro, ed ancora una volta Ngannou è stato messo al tappeto. Si è nuovamente rialzato ma nemmeno il tempo di rimettersi in guardia, è stato centrato da un destro finale di Joshua che l’ha steso e messo KO. A Ngannou, incosciente, è stato somministrato l’ossigeno sul ring. Joshua è apparso fresco come dopo uno sparring leggero.

In tanti avevano creduto alla possibilità di una scalata nel mondo della nobile arte da parte del fortissimo Ngannou, reduce da una “sconfitta-non sconfitta” contro un Fury appesantito finito addirittura al tappeto con l’ex fighter di MMA.


Già con Fury erano trapelati dei video dagli allenamenti ed era chiaro che Ngannou fosse pesante, lento, non avesse footworkmovimento di tronco, ossia sostanzialmente e semplicemente “non fosse un pugile“. Senza nulla togliere al suo background da fighter e campione, s’intende.

Sul ring contro Fury la combinazione di semplicità, capacità di ascolto dell’angolo, la sua forza e soprattutto il fatto che Fury sembrava essere arrivato sul ring appena uscito da una serata con gli amici in pizzeria, avevano fatto in modo che la sconfitta fosse “dignitosa“, quasi “dubbia” (Fury aveva veramente disonorato la Nobile Arte quella sera).

Questo ha erroneamente portato a pensare che contro un pugile diligente, tecnico, impostato e soprattutto grosso come e più di Ngannou, il camerunense avesse qualche chance. La risposta è davanti agli occhi di tutti: non ne ha, almeno per il momento. Ngannou avrebbe perso anche contro un “piccoloUsyk, probabilmente anche contro un medio. La guardia aperta attraverso la quale sono arrivati quei tre pericolosissimi treni di Joshua è solo una delle tante mancanze alle quali Ngannou dovrebbe provvedere prima di pensare di salire su un ring a praticare la Nobile Arte. Nonostante le prove di forza alle macchinette segnapunti, Ngannou non è ancora un pugile, punto. Se lo diventerà, a trentasette anni, è tutto da vedere.


Quando sei in rotta per il titolo dovresti restare concentrato” ha detto Joshua: “Questo match mi ha fatto deviare dalla mia missione principale… ma quando ho visto Ngannou combattere contro Tyson Fury mi sono detto ‘diamine, questo ragazzo sa combattere’ e ho voluto provarci“.

È una ispirazione, è un grande campione. Questa sconfitta non toglie nulla alle sue capacità, perché nel pugilato si vince o si perde. Riuscirà a rialzarsi” ha detto sportivamente Joshua.

Incredibilmente, anche dopo il duro scambio di parole in conferenza stampa, Tyson Fury ha detto nel post match: “Ha creduto nei suoi sogni e li ha seguiti. Ha fatto un sacco di soldi, il che è grandioso per supportare la sua famiglia. Ha fatto un gran percorso. Che vada avanti se vuole continuare a boxare. È ancora imbattuto come campione nelle MMA. Anche se è stato battuto stasera, potrebbe tornare nelle MMA e distruggere quel mondo ancora una volta. Che tenga la testa alta“.


Fury ha poi continuato: “Ho fatto una performance schifosa contro Ngannou. Non l’ho mai negato. Joshua questa sera l’ha messo KO ed è quello che un pugile avrebbe dovuto fare con lui. Se Joshua combatterà mai con me in futuro dopo che ho sistemato Usyk il prossimo anno, sarà molto diverso“.

Fiumi di parole sono state scritte, a volte sprecate, per definire questo incontro: “una farsa“, “un banco di prova per Joshua“, “una possibilità per Ngannou“.

La doccia fredda di realtà per tutti i sognatori è quello che è successo ieri sera: nessun fighter si improvvisa. Così come un pugile dovrebbe lavorare anni per poter entrare in una gabbia e competere con i top ten, Ngannou non avrebbe dovuto essere inserito dalla WBC nei top ten e non avrebbero dovuto concedergli la possibilità di sfidare i più grandi, se non prima di una dura gavetta come fa chiunque si avvicini ad una disciplina da combattimento. “Non si diventa pugili in un anno, nemmeno se sei campione di MMA” è il mantra che rimbalza sui social da tempo e si è rivelato tristemente predittivo.


Ora per Ngannou è il tempo di capire se vuole fare un passo indietro e tentare di restare nel mondo del pugilato oppure sedersi sulla pila di soldi (venti milioni di dollari solo ieri sera) guadagnati e smettere di combattere. Il nigeriano non sembra essere uno che si arrende e la sua storia personale può confermarlo, tuttavia vanno sicuramente rivalutati gli obiettivi. Per ora pare improbabile un ulteriore confronto con uno dei top ten: probabilmente nessuna promotion sarebbe interessata a rivederlo combattere, dopo la brutta sconfitta di ieri sera, men che meno appare credibile, un rematch con Fury, paventato in conferenza stampa da Ngannou stesso.

Forse un match contro Wilder potrebbe avere senso, ma Ngannou dovrebbe stare attento: una sconfitta segnerebbe la sua definitiva esclusione dal mondo del pugilato che conta.

Per Joshua invece il futuro è più roseo: se la vittoria di ieri sera fa crescere di poco il suo curriculum sportivo, lo rilancia d’altro canto come pugile capace di competere anche con i “picchiatori” (Ngannou avrebbe dovuto “distruggerlo” secondo alcuni) e forse ora lo vedremo impegnato in qualche match che ci farà sobbalzare dal divano.


Messaggio di scuse di Francis Ngannou su Instagram - Kombatnet
Messaggio di scuse di Francis Ngannou su Instagram – Kombatnet

Entrambi i fighter comunque hanno dato prova di grande sportività e a differenza di tanti altri incarnano l’immagine del fighter corretto, educato, dalla boxe pulita e lontano da dissing e trash talking (nonostante entrambi siano stati adeguatamente provocati). Alla fine del match Joshua si è avvicinato a Ngannou e gli ha detto “Non lasciare il pugilato. Continua. Hai fatto un buon lavoro. Hai combattuto contro due dei migliori“.

Ngannou ha postato poi un messaggio di scuse sui suoi canali social rivolte ai suoi fan, lasciando intendere che continuerà a combattere. Come e dove, non si sa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...