Alessio di Chirico spiega cosa è successo a Formentera - "Mi ha messo una mano in faccia ed ho reagito" - Kombatnet

Alessio di Chirico spiega cosa è successo a Formentera: “Mi ha messo una mano in faccia, ho reagito”

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Alessio di Chirico spiega cosa è successo a Formentera: “Mi ha messo una mano in faccia, ho reagito”

In un post emotivamente coinvolgente sui social l’ex fighter di MMA UFC Alessio di Chirico, recentemente coinvolto in una aggressione ai danni di un tassista di Formentera, ha spiegato la sua versione dei fatti, che muove l’ago della bilancia verso il centro:

Ora che sono a casa e la mia famiglia non è più in pericolo è necessario per me fare luce sull’accaduto.

Siamo usciti dal ristorante dove avevamo cenato e abbiamo chiamato il taxi, il conducente ha insistito per farmi mettere davanti lasciando I bambini sul sedile posteriore senza seggiolino con mia moglie, che aveva già in braccio uno dei nostri due figli che stava dormendo, a tenerli.


Durante il viaggio mio figlio ha sbattuto diverse volte la testa sul sedile di fronte a lui, in mancanza di un seggiolino adatto ai bambini e senza la presenza di un adulto che lo tenesse in braccio.

Non avevo realizzato il rischio che stavamo correndo quando abbiamo deciso di proseguire la corsa ma durante il viaggio mi sono spaventato e preoccupato tanto da chiedere con insistenza all’autista di lasciarmi andare dietro con lui.

Il momento dell'arresto di Alessio di Chirico da parte della Guardia Civil di Formentera - Kombatnet
Il momento dell’arresto di Alessio di Chirico da parte della Guardia Civil di Formentera

Dopo la mia richiesta il guidatore si è fermato frenando bruscamente in mezzo alla campagna minacciando di lasciarci li, al buio, con I bambini che si sarebbero certamente impauriti e con il rischio di essere investiti. Alla sua affermazione di non voler tornare indietro al ristorante per chiamare un altro taxi l’ho pregato di ripartire e immediatamente dopo mio figlio ha sbattuto di nuovo la testa sul sedile.


Alle nostre ulteriori lamentele rispetto alla situazione ha di nuovo fermato l’auto in piena campagna. Una volta arrivati in hotel, dopo l’ennesima testata di mio figlio, ha addirittura sorriso.

Ho pagato.

Abbiamo discusso verbalmente e ci siamo insultati, siamo scesi, lui è venuto verso di me per attaccarmi mettendomi una mano in faccia e ho reagito. L’ho colpito una sola volta, ci sono video che lo testimoniano. Ho sbagliato e sono pronto a pagare le conseguenze del mio errore provo vergogna per quello che è successo.


Ho smesso con lo sport un anno fa proprio per stare più vicino alla mia famiglia e invece oggi per questo stesso motivo stanno arrivando minacce di morte a mia moglie e ai miei figli. Mi assumo ogni responsabilità nella maniera più netta possibile. Ho speso la mia intera carriera per difendere e diffondere I valori della lealtà, della sportività, del rispetto e sono assolutamente consapevole che la violenza non possa essere una soluzione, in nessun caso.

Accetto le critiche e mi scuso con tutte le forze che ho con tutte le persone che ho deluso.

Prima di tutti mi scuso con la persona che ho colpito.


Vi chiedo di lasciar fuori la mia famiglia da questa situazione. Grazie.

Sono arrivate molte reazioni di sostegno da fighter noti nei commenti al post, da Marvin Vettori, a Georgian Cimpeanu, a Dimitri Angelini:

Il tassista, il trentaduenne Omar Bouhia, ha subito una frattura dello zigomo ed i vetri degli occhiali che portava si sono conficcati nell’occhio rendendo necessaria una operazione chirurgica al volto: ne avrà per un po’. Il tassista è considerato a Formenterauna gran brava persona, molto rispettosa, gentile e cordiale con tutti” secondo quanto riporta Formentera News: sicuramente la sua appartenenza ad un movimento politico aiuta anche l’amplificarsi della notizia, presumibilmente strumentalizzata dalle associazioni politiche locali. Omar Bohuia infatti è candidato al Consiglio nella lista di GxF (Gent per Formentera), partito che si autodescrive “di sinistra, ambientalista e nazionalista dedicato a sostenere le necessità specifiche dell’isola“.


Il tassista Omar Bouhia aggredito da Alessio di Chirico a Formentera - Kombatnet
Il tassista Omar Bouhia aggredito da Alessio di Chirico a Formentera

Sempre secondo “Formentera News” infatti pare che la nota associazione Asociación de Vecinos y Vecinas de la Isla de Formentera (AVIF) abbia convocato un presidio “contro la violenza” in piazza Sant Francesc ed abbia chiesto inoltre che Di Chirico venga considerato “persona non grata a Formentera” e che paghi le cure mediche, dal trasferimento in elicottero all’ospedale di Ibiza al ricovero, dalla sala operatoria alle varie medicazioni.

Di Chirico, sicuramente emotivamente scosso dalla situazione, è stato arrestato e poi rimesso in libertà dal giudice, che non ha ritenuto esserci rischio di fuga o reiterazione del reato. Il fighter potrà quindi fare rientro in Italia, restando a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa del processo in cui dovrà rispondere dell’accusa di lesioni aggravate.

Al di fuori del gesto inconsulto che sarà giudicato da chi di dovere nelle sedi competenti, è allucinante pensare che in seguito ad una colluttazione vengano effettuate minacce di morte alla moglie ed ai figli di Di Chirico: si tratta di un comportamento vergognoso ai danni di innocenti che ci auguriamo venga punito con la massima severità.


Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...