Gladiatori in un banchetto - La dieta dei combattenti in epoca greco romana - Kombatnet Blog

La dieta dei combattenti nell’epoca greco romana

La dieta dei gladiatori, degli atleti e dei combattenti nell’epoca greco romana

Gli atleti di oggi sono spesso seguiti da nutrizionisti, dietologi, medici e preparatori che ne curano in maniera metodica e sistematica l’alimentazione per garantire il massimo rendimento ed il giusto bilanciamento tra apporto calorico, bilanciamento energetico, valori nutrizionali ed in genere le necessità sotto gara e lontano dai match.


Analizzeremo qui le abitudini alimentari dei “fighter” antichi (gladiatori, atleti, militari) nel periodo greco-romano nella zona del bacino del mediterraneo.

Leggi tutto l’articolo…
Quanto guadagna un figher in Italia e nel mondo - Giorgio Petrosyan 1 milione dollari ONE Campionship - Kombatnet

Quanto guadagna un fighter?

Quanto guadagna un fighter?

Quanto si può guadagnare con gli sport da combattimento e le arti marziali in Italia e nel mondo?

Un fighter in Italia può guadagnare cifre che vanno da rimborsi spese di 50-100 euro nel caso dei novizi fino a migliaia di euro a match per gli atleti più blasonati. Nel mondo un fighter può guadagnare molto di più, fino a compensi dell’ordine dei centinaia di milioni di euro. La sproporzione è notevole. 

Leggi tutto l’articolo…

Arti marziali e sport da combattimento: due facce di una stessa medaglia?

Arti marziali e sport da combattimento: due facce di una stessa medaglia?


Su Quora, noto social network dove gli utenti possono chiedere risposte a persone competenti in materia, mi hanno chiesto di rispondere alla seguente domanda:

Perché così tanti pugili sembrano avere poca stima di chi pratica le arti marziali?

Questa è stata la mia risposta.

Leggi tutto l’articolo…

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

Su Quora, noto social network improntato su domande e risposte, è stata fatta da un utente la seguente domanda:

“Nelle arti marziali, è vero che la tecnica può battere i muscoli?”


Si tratta di un grande classico tra tutte le domande, è un po’ la storia di Davide contro Golia di biblica memoria e la risposta può andare da banalità trash alle quali ci ha abituato il web (“MMA VS BODYBUILDER CHI VINCE“) a livelli un po’ più articolati e, si spera, un po’ più di spessore.

Pubblico qui di seguito la mia risposta.

<<Tendenzialmente sì.

davide contro golia - chi vince tra tecnica e forza bruta - kombatnet
Leggi tutto l’articolo…

Le differenze tra Muay Thai, Kickboxing, K1

Le differenze tra Muay Thai, Kickboxing, K1

La Muay Thai, o Boxe Thailandese è una disciplina molto diversa dalla Kickboxing: analizziamone insieme differenze e strategie di combattimento utilizzate dagli atleti sul ring e durante la preparazione in palestra.

le differenze tra muay thai boxe thailandese kickboxing e k1 - kombatnet


Partiamo dal concetto di
Kickboxing: si tratta di un termine “cappello” per definire una serie di discipline regolamentate diversamente tra loro, accomunate dall’utilizzo prevalente di calci e pugni (“Kick”, calcio e “Boxing”, pugilato), talvolta anche di ginocchiate e proiezioni.

Leggi tutto l’articolo…

La perfezione inefficace

La perfezione inefficace

Perché la tecnica non è tutto, in un match

Come fighter amatoriale mi sono trovato davanti poche sfide (quasi nessuna direi, esclusi i miei obiettivi personali) rispetto ai miei compagni di allenamento professionisti: non ho nessun match all’attivo quindi non ho mai provato la pressione alla quale sono sottoposti, sia psicologica che fisica.

Non ho mai dovuto fare un taglio del peso, non ho mai passato una notte insonne pensando all’avversario ed al match di domani, non ho mai provato la rabbia di una tecnica fatta mille volte ma che non “entrava” durante l’incontro. Non ho, sicuramente, mai investito la quantità di tempo ed energia che hanno messo loro sul piatto, per giocarsene poi il valore nell’arco di un quarto d’ora.

Tuttavia sono stato a contatto con fighter professionisti ed agonisti abbastanza a lungo per farmi un’idea di cosa vivano ed ho una serie di esperienze extrasportive (dalla mia professione attuale, sviluppatore software, ad un lungo periodo precedente come docente e titolare di una scuola di musica).

Queste esperienze mi hanno fatto evidenziare una caratteristica comune a molti che descrivo come “perfezione inefficace“.

Leggi tutto l’articolo…

Pugile. Cosa significa essere un pugile?

Cosa significa essere un pugile?

Chi pratica lo sport del pugilato a livello dilettantistico o professionale viene definito pugile, cioè un atleta che svolge regolarmente incontri di pugilato di tipo agonistico.

Essere pugile significa dedicarsi giornalmente alla propria preparazione atletica in vista di incontri prefissati, volti al conseguimento di tornei regionali, nazionali, europei, mondiali e contraddistinti dalle differenti cinture in palio.

Essere pugile significa avere la mentalità da professionista già da subito, senza lasciare nulla al caso.

Nutrizione, costanza negli allenamenti e corretta preparazione atletica, monitoraggio sanitario e visite specifiche sono alla base di un atleta che decide di diventare pugile o fighter, perché questo discorso vale per qualsiasi sport da combattimento o sport in genere con l’obbiettivo di diventare un professionista.

Chi si diletta nel pugilato tralasciando anche solo uno di questi aspetti, non è interessato a diventare un professionista e rimarrà solo un amatore con l’obbiettivo di divertirsi per passione oppure semplicemente migliorare il proprio aspetto fisico rimettendosi in forma.

Leggi tutto l’articolo…

Playlist motivazionale per allenamenti di boxe, mma, kickboxing, muhaythai, bjj…

Playlist motivazionale per allenamenti di boxe, mma, kickboxing, muhaythai, bjj…

Se sei un fighter, ho creato per te una playlist motivazionale per i tuoi allenamenti di boxe, mma, kickboxing, muhaythai, bjj o anche solo per correre.

La playlist motivazionale per i tuoi allenamenti di boxe, mma, kickboxing, muhaythai, bjj, creata dal Pugile da tastiera su Spotify. 

Leggi tutto l’articolo…

“Oltre il ring” un libro che documenta esperienze di vita nella Palestra Popolare Quarticciolo.

“Oltre il ring” un libro che documenta esperienza di vita.

“Oltre il ring” è un libro che racconta di come un quartiere è cambiato attorno al progetto della Palestra Popolare Quarticciolo.

Lo sport è il cuore pulsante del progetto che ha portato alla creazione di un comitato di quartiere e del doposcuola, molto attivi anche nella fase di lockdown nella distribuzione di generi alimentari.

Leggi tutto l’articolo…

Codici sconto per fighters

gorilla con guantoni nero in posizione di guardia da boxe pugilato logo di pugile da tastiera

 

Codice Sconto: pugiledatastiera

Utilizzalo dove preferisci e tutte le volte che vorrai.
Clicca sui pulsanti qui sotto e scopri i prodotti.

 

matador-boxing-sconto-recensione-codice-guantoni-boxe-caschetto-facebar

Valido per guantoni, caschetti, face-bar, conchiglie di protezione per boxe, mma, muaythay, kickboxing

 

kombat-ko-pre-match-sparring-codice-scontoi-recensione-integratori-fighter

Gli Integratori definitivi per i fighter degli sport da combattimento. Sconto valido su tutto anche sull’abbigliamento. 

 

combat-arena-acqua-bag-hydro-shock-sconto-codice-sacco-da-boxe

Sconto valido solo per l’acquisto di un sacco acqua Hydro-shok

#matadorboxing #combatarena #kombat

Pugile da tastiera

La community “Pugile da tastiera”

La community Instagram “Pugile da tastiera” è un piccolo network nato nel Maggio 2020 per contribuire alla promozione degli sport da combattimento in Italia.

Il “pugile da tastiera” promuove lo sport, gli atleti e i professionisti così da avere un piccolo punto di incontro tra loro e gli appassionati di pugilato, mma, bjj, muaythai, kickboxing, … in maniera gratuita e per passione.

Nasce in un momento di difficoltà storica con l’intento di aiutare.

Il valore aggiunto è il network che si crea grazie alla collaborazione di tutti come in una grande famiglia,

Qui si cerca di guardare oltre al pregiudizio che è radicato nel collettivo quando si parla di sport da contatto e tutti insieme cerchiamo di trasmettere i valori che questi sport racchiudono.

Passione, umiltà, coesione, perseveranza, dedizione, resilienza, sacrificio.

Giovanni il fondatore (Giò il Pugile da tastiera) cerca di trasmettere per primo questi valori.

In questa community si cerca di aggregare e coinvolgere e principalmente dalla pagina Instagram @pugiledatastiera vengono creati post, quiz e storie in collaborazione con atleti professionisti e figure professionali (nutrizionisti, mental coach, cutman, avvocati sportivi, preparatori atletici, …)

Gli atleti taggando visibilmente la pagina, avranno la possibilità di essere ripostati e questo permetterà loro di farsi conoscere e notare. Sono presenti anche Brand e Promotion tra i follower e questa è una ottima opportunità per tutti.

Scopri di più:

Pugile-da-tastiera-kombat-ko-pre-match

Quanto guadagna un fighter In Italia?

Quanto guadagna un fighter?

Quanto guadagna un fighter realmente? La paga per i fighter professionisti chiamata in gergo “borsa” varia molto in base a diversi fattori e variabili (notorietà del fighter, interesse dell’evento in ottica di visibilità commerciale, ecc..) di conseguenza sarà diversa per ogni fighter e non sarà la stessa per ogni match.

Quanto guadagna un fighter in Italia?

Leggi tutto l’articolo…

KOMBAT gli Integratori senza caffeina per i fighters – Recensione e opinione – KO Pre match

Che piacevole scoperta il Pre-match che è il primo integratore della linea KO studiato e formulato per la fase pre-match e pre-sparring creato da Kombat con la collaborazione di tanti famosi fighters.

Kombat è una azienda italiana che ha deciso di sviluppare prodotti di integrazione, specifici per i fighters.

Kombat ha sviluppato un prodotto unico ed innovativo senza caffeina, in grado di migliorare la reattività e l’esplosività. Utile nel fornire energia immediata e tamponare il senso di fatica. Una linea di integratori pensata e realizzata appositamente per i fighters. Analizzare i bisogni dell’atleta. Individuare le carenze e le aree di miglioramento.

Leggi tutto l’articolo…

Everlast Elite Hight top – Recensione – Opinione Scarpa boxe

Everlast Elite Hight top –  Recensione Scarpe da boxe

Pugile da tastiera

Voto Everlast elite – secondo me: ⭐⭐⭐⭐ 4/5

Prima di acquistare le scarpe “Everlast Elite hight top” ho dovuto attendere 1 anno quasi, perché tutte le volte che le cercavo, erano terminate (Sold Out).

Finalmente ci sono riuscito ed oggi posso fare una recensione di queste scarpe e di come e dove acquistarle.

Quanto costano le Everlast Elite? E dove comprarle?

Leggi tutto l’articolo…

La storia di Francis Ngannou: dalla disperazione alla leggenda

La storia di Francis Ngannou: dalla disperazione alla leggenda

Chi sia Francis Ngannou lo sanno tutti: è il colosso di 193 cm per 120 kg di muscoli che nell’arco di pochissimo tempo ha scalato le vette del tempio dell’MMA mondiale, l’UFC, sconfiggendo nomi come Junior dos Santos, Alistair Overeem e demolendo Stipe Miocic il 27 Marzo 2021, guadagnandosi anche il premio “Performance of the Night” (non per la prima volta, peraltro). 

Quella che forse non tutti conoscono è la sua storia. 

Nato e cresciuto nel villaggio di Batié, in Cameroon, assieme ad altre 10.000 anime disperate, ha conosciuto una miseria che in pochi possono raccontare di aver affrontato e vinto. 

Leggi tutto l’articolo…

Charles Rigoulot: lottatore e strongman di altri tempi

Charles Rigoulot: lottatore e strongman di altri tempi

Charles Rigoulot è stato un lottatore professionista e campione di sollevamento pesi (nonché attore e pilota) Francese.

Nacque il 3 novembre 1903 a Le Vésinet, France.

Durante la seconda guerra mondiale fece parte della Resistenza Francese e venne imprigionato per aver picchiato un ufficiale nazista.

Riuscì a scappare piegando le barre della cella liberando così anche gli altri prigionieri: una volta uscito picchiò anche la guardia che l’aveva imprigionato.

Charles Rigoulot - Fighter, wrestler e strongman - Kombatnet

Qui di seguito il match Charles Rigoulot vs Elmar Sonntag, tenutosi il 12 dicembre 1934 presso la Salle Wagram a Parigi.

Leggi tutto l’articolo…

STIMOLO E RISPOSTA

STIMOLO E RISPOSTA

Oggi parliamo di fibre nervose afferenti e fibre nervose efferenti. Cosa significa?


Le fibre nervose afferenti (o fibre sensitive) sono gli STIMOLI esterni che giungono agli organi di senso (rappresentano il 40% delle fibre nervose) mentre le fibre nervose efferenti (o fibre motorie) sono le RIPOSTE conseguenti a tali stimoli (60% delle fibre nervose).

Tutti passano ore e ore a potenziare scheletro e massa, ad aumentare il fiato, a migliorare l’esecuzione della loro tecnica; in pratica tutti si occupano di migliorare la qualità e la quantità della RISPOSTA (che rappresenta come abbiamo detto il 60% delle fibre che innervano il muscolo) e in pochi si occupano di migliorare quello che accade “prima” che il colpo parta, ovvero degli organi di senso, della rapidità della trasduzione tra i nostri organi di senso e il mondo esterno…


Facciamo un esempio pratico “Se la mia velocità pura sui 100 metri è 38 km/h e quella del mio avversario è di 37,5 km/h chi vincerà la gara?”

Leggi tutto l’articolo…

I disarmi sono possibili oppure no?

I disarmi sono possibili oppure no?

Presupposto di base di questo argomento è che, a prescindere dalla valenza o meno dei disarmi in un contesto reale e civile, questi non andrebbero mai insegnati ai principianti. Per motivi che ritengo siano ovvi: innanzitutto il neofita manca di tutte quelle funzionalità necessarie al disarmo, ma più grave è che l’insegnamento di tali tecniche potrebbe creare l’illusione che sia relativamente facile eseguirle in un contesto da strada. Sarà comunque necessario che sia il praticante stesso ad acquisire quell’esperienza formativa attraverso la quale comprenderà la fattibilità dei disarmi in un contesto reale.

La questione sui disarmi va come sempre analizzata da diversi punti di vista. I disarmi sono efficaci? Si, se sono eseguiti da personale qualificato e specializzato in ambito Militare. Attenzione non stiamo parlando di semplici forze dell’ordine.

Qui si parla di forze speciali che si addestrano a contesti di guerra e operazioni in cui il rischio di trovarsi difronte ad un arma da sottrarre è elevatissimo. Allora si, li dove non hai scelta, devi addestrarti a provare di tutto pur di sopravvivere.

Viene da sè che se allora ho la possibilità di scelta tra un porta foglio ed un grosso taglio alla gola, scelgo di cedere il vil denaro.

Detto questo i disarmi sono fattibili???? Dipende!!

Leggi tutto l’articolo…

Pocket stick o Kubotan?

Pocket stick o Kubotan?

Il pocket stick (olisi palad, dos puntas, tabak malit, dulo dulo, nell’eskrima ha diversi nomi) é un’arma originaria delle filippine, utilissima nel combattimento a corta distanza per colpire le parti vulnerabili del corpo.

Il kubotan è un’arma ideata da un maestro giapponese nel metà 900 che deriva a sua volta dallo yawara, arma giapponese molto simile al pocket stick filippino.

La differenza tra pocket stick e kubotan sta esclusivamente nell’impugnatura. Sembrerebbe una cosa da poco, ma non lo é.

Il pocket stick si impugna al centro invece il kubotan da un lato, cosa che permette di ridurre in modo particolare gli angoli d’attacco e contrattacco. Quando si va a colpire con il pocket stick si può dare un colpo di ritorno senza ruotare la mano.
Però devo riconoscere che alcune scuole di difesa personale utilizzano il kubotan come un pocket stick e questo é molto positivo.

In ambito legale, il kubotan in Italia si può portare e ne fanno anche dei portachiavi. Però a mio modesto parere dipende dalla struttura di quest’ultimo. Se avesse un punteruolo da un lato potresti (in caso le forze dell’ordine ti fermassero) avere dei problemi.

Il lato positivo di entrambe le armi é che vanno a creare un metodo di lavoro molto efficace per la difesa personale, poiché è possibile adattare le tecniche di quest’ultime ad una semplice biro.