Waza-ari Judo Karate punteggio scoring Ippon - Kombatnet

Waza-ari

Waza-ari

Il Waza-ari (in giapponese 技あり) è il secondo punteggio più alto che un fighter possa ottenere nelle arti marziali giapponesi basate su ippon o waza-ari, tipicamente Judo, Karate o JuJutsu.

Nello Judo il waza-ari è il valore di un punto, assieme allo yuko (vantaggio), in passato al koka ed allo ippon. Lo ippon è il punteggio più alto ottenibile che solitamente, una volta assegnato, conclude il match in favore dell’atleta che l’ha ottenuto.

L’arbitro solitamente alza il braccio parallelamente al suolo per assegnare un waza-ari, il cui valore è più alto della somma di ogni altro punteggio inferiore. Non importa quanti yuko o koka siano assegnati: un waza-ari conta sempre di più alla fine del match.


Solitamente un waza-ari nello è assegnato dopo una azione nella quale si proietta l’avversario con controllo e precisione sufficiente ma senza arrivare alla perfezione di un ippon. Un waza-ari è assegnato anche quando si trattiene l’avversario con la schiena al tappeto per un periodo dai 15 ai 20 secondi.

Per assegnare un ippon nello Judo servono quattro elementi fondamentali: far atterrare l’avversario di piatto sulla schiena dopo una proiezione ed effettuare il movimento con forza, velocità e controllo perfetto. Se uno di questi quattro elementi non è presente (o non è espresso al massimo livello) l’arbitro può comunque assegnare un waza-ari.

Con le vecchie regole precedenti il 2013 era possibile anche assegnare un waza-ari come una penalità, chiamata keikoku. Le penalità potevano essere assegnate per infrazioni come l’assenza di combattimento, prese non consentite, finti attacchi, eccetera. Nello Judo le penalità sono sempre assegnate secondo un criterio progressivo: la prima penalità alla prima infrazione si chiama shido, la seconda chiui, la terza keikoku e la quarta, hansoku make, prevede la squalifica.


Con eccezione dell’anno 2017 il waza-ari è l’unico punteggio cumulativo nello Judo, così se un atleta effettua due waza-ari durante un match essi contano come un ippon, assegnandogli così la vittoria. Per segnalare questa casistica l’arbitro alza il braccio parallelamente al suolo per poi continuare fino a tenerlo completamente verticale (come per marcare un ippon), dicendo “Waza-ari, awasete ippon” prima di concludere il match (“Sore made“). Per un anno, con alcune regole introdotte nel 2017, il waza-ari non è stato più considerato cumulativo per formare un ippon: tuttavia, se nessun ippon era stato eseguito durante l’incontro, i waza-ari avrebbero determinato il vincitore. Nel 2018 si è poi ripreso a considerare i waza-ari come cumulativi ed i punteggi più bassi di un waza-ari non sono più assegnati.

Nelle competizioni di Karate (“shiai“) il punteggio di waza-ari è assegnato all’atleta che colpisce correttamente l’avversario senza però sopraffarlo in maniera tale da finire il match.

Nello shobu ippon kumite praticato dalla Japan Karate Association ed associazioni affiliate, il waza-ari è assegnato quando un colpo va a segno senza però essere preciso per quanto riguarda il punto di contatto, la distanza, la pulizia del movimento o altri criteri scelti dai giudici.


Nel knockdown kumite delle associazioni kyokushinkaian il waza-ari è assegnato per un colpo che stordisce temporaneamente l’avversario ma non lo rende inabile a combattere per più di tre secondi.

 

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...