Saenchai Muay Thai fighter champion - Kombatnet Wiki

Saenchai

Saenchai

Saenchai è un thaiboxer thailandese mancino considerato una leggenda vivente del ring ed uno dei migliori combattenti della storia.

Combatte nella categoria under 66 kg ma ha accettato match contro fighter ben più pesanti ed alti di lui, vincendoli sempre. Più volte campione del Lumpinee Stadium in differenti categorie, ha al suo attivo anche qualche match di pugilato.


Saenchai, il cui nome alla nascita è Suphachai Saenpong, viene alla luce il 30 luglio 1980 nel Kosum Phisai District, provincia di Maha Sarakham in Thailandia.


Saenchai ha iniziato a imparare la Muay Thai all’età di 8 anni presso la palestra Jockey Gym quando il fratello maggiore di un suo amico ha ricevuto un premio dopo un incontro: solo una settimana dopo ha vinto il suo primo incontro ai punti ricevendo 30 Baht (circa un dollaro).

Ha iniziato a combattere a Bangkok a 14 anni poi si è trasferito nella palestra di Kamsing gestita da Somluck Kamsing, il quale ha pagato 300.000 baht come “tassa di trasferimento” per avere con lui il futuro campione.


Come è uso in Thailandia per i fighter, durante la sua carriera ha preso il nome delle palestre presso le quali si allenava:


Sangpetch Patanakangym
Sanchai Sor. Khamsing
Saenchai Sor. Kingstar
Saenchai Sinbimuaythai
Saenchai P.K. Saenchai Muaythai Gym

A soli 16 anni Saenchai è diventato Campione dello Stadio Lumpinee nei pesi mosca (super flyweight) ed a 18 anni ha nuovamente vinto il titolo di Campione Lumpinee, nella categoria pesi gallo (bantamweight).

Nel 1996 Saenchai subirà anche la sua prima ed unica sconfitta per KO al Lumpinee Stadium contro Tongchai Tor Silachai, a dire di Saenchai stesso il fighter più forte contro cui abbia mai combattuto.


Video del match tra Saenchai sor Khamsing e Tongchai Tor Silachai, unica sconfitta per KO nella carriera di Saenchai

Nel 2002, Saenchai si è dato momentaneamente alla boxe. Ha debuttato nella categoria pesi piuma con il nome di “Suphachai Saenpong“. Ha vinto ai punti per decisione unanime il titolo vacante PABA contro il pugile filippino Rud 4K Kevkatchewon il 27 novembre 2003. Nel gennaio 2004 è avvenuto il rematch per il titolo contro lo stesso fighter, difeso con successo.


Nel 2004, ha deciso di tornare di nuovo alla Muay Thai.


Saenchai in seguito combatté in Giappone due volte ma alla terza Khamsing si oppose; nonostante la sua contrarietà Saenchai andò comunque a combattere, assieme ai fighter di un’altra palestra. Questo causò la rottura del rapporto con Saenchai ed il conseguente trasferimento nella palestra Kingstar. Come in precedenza, venne pagato un “fee di trasferimento” dalla nuova palestra a Khamsing pari a 300.000 baht. Il 3 luglio 2006 Saenchai combatté contro il coreano Sang-Soo Lim in Giappone, che sostituiva l’infortunato Shinya Ishige. Lim era 21 cm più alto e 10 kg più pesante, ma Saenchai accettò comunque il match, battendolo al secondo round per KO con un gancio destro.

Il 3 luglio 2009 Saenchai ha combattuto contro due avversari in un singolo match al Lumpinee Stadium: dal primo al terzo round ha combattuto contro Petchboonchu ed i restanti due round ha combattuto contro Sagetdao Petpayathai. Saenchai è stato dichiarato vincitore ai punti per decisione unanime al quinto round.

Il 14 marzo 2010, Saenchai ha combattuto contro il giapponese Tetsuya Yamato per il titolo mondiale vacante dei pesi leggeri della Muay Thai Association of America (MTAA) a Los Angeles. Saenchai ha mandato KO Yamato con un calcio alto sinistro al primo round e ha vinto così il titolo MTAA.



Nel 2011 Saenchai è stato contattato dal fondatore di Yokkao Philip Villa per proporgli un contratto come come fighter sponsorizzato dello Yokkao Fight Team. Nello stesso anno, Saenchai ha partecipato al Muay Thai Combat Fan Expo a Rimini con Buakaw Banchamek, Sudsakorn Sor Klinmee, Dzhabar Askerov e molti altri nomi di spicco.

Il 21 gennaio 2012, Saenchai ha combattuto all’evento Yokkao Extreme davanti a 12.000 partecipanti perdendo per la prima volta ai punti per decisione unanime contro un europeo, il francese Fabio Pinca, sotto le “Muay Thai rules“. Saenchai aveva già battuto Pinca nel 2007. Nonostante la differenza di peso di 12 kg Saenchai ha prevalso per i primi due round, ma al terzo la differenza di peso si è cominciata a sentire, soprattutto nel clinch: a questo si aggiunge una testata di Pinca valutata come accidentale dall’arbitro.

Ha vinto ai punti contro Singdam Kiatmoo9 nel rematch del 4 ottobre 2012 al Rajadamnern Stadium.


Ha battuto Pakorn Sakyothin per decisione unanime al Super Showdown 4 a Glasgow, in Scozia, il 10 novembre 2012, per poi poi ottenere una vittoria a punti su Damian Alamos solo dodici giorni dopo al Best of Siam 2 a Parigi, in Francia. Poco dopo Saenchai ha sconfitto Liam Harrison per la terza volta al Muay Thai Warriors di Macao il 9 dicembre 2012, vincendo ai punti per decisione unanime.


Ha vinto ai punti contro Diesellek Aoodonmuang durante Yokkao Extreme il 26 gennaio 2013 a Milano ed il 9 marzo 2013 ha battuto Houcine Bennoui al Siam Warriors di Cork, in Irlanda con le stesse modalità.

Ha incredibilmente perso ai punti contro il fenomeno Yodwicha Por Boonsit, all’epoca solo diciassettenne, allo stadio Lumpinee il 10 maggio 2013. La rivincita prevista per il 7 giugno successivo non si è fatta a causa di infortunio al collo di Saenchai.


Ha debuttato con le regole della kickboxing orientale alla Hoost Cup: Kings a Nagoya, in Giappone, il 16 giugno 2013, battendo Yosuke Mizuochi ai punti per decisione unanime sui tre round.

Ha battuto Rafi Bohic ai punti per decisione unanime al Muay Thai Warriors: Dabble a Chiang Mai, in Thailandia, il 28 giugno 2013.

Ha perso contro Petchboonchu FA Group ai punti nell’ultimo evento tenutosi al vecchio Lumpinee Stadium il 7 febbraio 2014.


Ha poi sconfitto Victor Nagbe ai punti per decisione unanime in un match nei -65 kg alla Yokkao 7 a Pattaya, in Thailandia, il 19 febbraio 2014.

In seguito venne chiamato a confrontarsi contro l’irlandese Stephen Hodgers nell’evento Origins IV nei pesi welter (-64 kg) a Perth, in Australia, l’8 marzo 2014 ma il match saltò per alcuni cavilli legali della Western Australia Combat Sports Commission e Saenchai fu rimpiazzato da Komkit Chanaw.


Saenchai poi batterà Nong-O ai punti in un match sui tre round al Grand Opening del nuovo Lumpinee Stadium il 28 febbraio 2014.


Sconfiggerà poi Shota Sato per decisione unanime all’evento Hoost Cup: Legend a Nagoya, in Giappone, il 23 marzo 2014.

Batterà Kamen Picken per decisione unanime al Combat Banchamek in Surin, Thailandia, il 14 aprile 2014.

Sconfiggerà Bertrand Lambert ai punti per decisione unanime il 6 giugno 2014 al Muay Thai in Macau. 


Il rematch contro Yetkin Özkul avrà luogo in un combattimento per il titolo WMC dei pesi leggeri (-61.2 kg) al Monte Carlo Fighting Masters a Monte Carlo, Monaco, il 14 giugno 2014.

Il 24 settembre 2014 Saenchai farà il suo debutto al Thai Fight sconfiggendo lo scozzese Craig Dickson con le regole del Kard Chuek (corde di canapa al posto dei guantoni).

Il 27 maggio 2017 Saenchai ha sconfitto Shan Cangelosi ai punti per decisione unanime durante il main event del Thai Fight di Torino. In seguito batterà sempre ai punti lo spagnolo Jonathan Fabian a Yokkao 26 l’11 settembre 2017 ad Hong Kong e poco dopo, il 30 settembre 2017, sconfiggerà Juan Salmeron ai punti al Thai Fight di Barcellona.


Per concludere il 2017, Saenchai sconfiggerà l’americano Arthur Sorsor ai punti al KHMER – Thai Fight di Phnom Penh, in Cambogia, il 25 novembre 2017.


Il 21 aprile 2018 ha sconfitto ai punti l’italiano Luca Roma al THAI FIGHT Italy 2018, battendolo per decisione unanime. Il 12 maggio 2018 ha sconfitto un altro italiano, Andrea Serra, sempre per decisione unanime al THAI FIGHT Samui 2018.

Saenchai ha sconfitto Cristian Faustino ai punti per decisione unanime a Yokkao 36 in Italia il 26 gennaio 2019 per poi tornare al Thai Fight di Phuket in tempo per il primo evento dell’anno, dove ha affrontato e battuto ai punti Firdavs Boynazarov.


L’8 marzo 2019 Saenchai è andato negli Emirati Arabi per combattere contro l’ucraino Valerii Abramenko al Fight Night di Dubai, sconfiggendolo ai punti per decisione unanime.

Saenchai è tornato al Thai Fight il 30 marzo 2019 dove ha mandato KO l’iraniano Javad Bigdeli al secondo round dopo una serie di ginocchiate al corpo.

Il 24 agosto 2019 Saenchai ha sconfitto l’australiano Cem Deniz ai punti nell’evento Thai Fight di Udon Thani.


A settembre 2019, Saenchai ha partecipato a un tour di seminari di Muay Thai negli Stati Uniti assieme ai fighter Yokkao Spencer Brown, Yodchai e Kru Jack. Hanno visitato 20 palestre in 20 città diverse durante un periodo di 3 settimane facendo sparring con gli atleti locali.


Saenchai ha poi sconfitto l’argentino Cristian Pastore ai punti per decisione unanime al Thai Fight di Betong, il 29 giugno 2019.

A YOKKAO 45 e 46, il 25 gennaio 2020, Saenchai ha battuto Shan Cangelosi vincendo il titolo YOKKAO Diamond Welterweight ai punti per decisione unanime.


Il primo match di Saenchai nel 2021 è stato il 3 aprile al Thai Fight Nan contro Seth Grande, dove Saenchai ha vinto ai punti per decisione unanime.

Il secondo ed ultimo match del 2021, unico anno in cui Saenchai ha combattuto solo due volte, è stato contro Omar Elouers, al THAI FIGHT Khao Aor a Phattalung, in Thailandia, dove ha vinto al primo round per KO grazie ad una ginocchiata al fegato.

Nel 2022 Saenchai combatterà contro l’israeliano Maxim Branis al Thai Fight Lampang, vincendo per decisione unanime e contro gli americani Seth Grande al Thai Fight KonlakPathum (battendolo ancora per decisione unanime) e Timothy Kamal, al Thai Fight Sung Noen, che metterà KO al primo round.


Combatterà poi altri due match in Thailandia contro Ali Ghodratisaraskan al Thai Fight Nakhon Sawan vincendo per KO con una ginocchiata all’addome al secondo round; continuerà la sua fila ininterrotta di vittorie battendo ai punti per decisione unanime Alan Yauny al Thai Fight Sisaket.


Sempre nel 2022 Saenchai ha firmato per un contratto multifight con la Bare Knuckle Fighting Championship, diventando così la seconda superstar del ring dopo Buakaw Banchamek a combattere nel noto circuito pugilistico senza guantoni.

Curiosità

Uno dei marchi di fabbrica di Saenchai è il famoso “cartwheel kick“, con un pugno appoggiato a terra ed entrambe le gambe in aria, una delle quali colpisce l’avversario, che sebbene sia formalmente illegale (non si potrebbe toccare il tappeto con una mano prima di colpire) viene spesso consentito durante gli incontri.


Saenchai Cartwheel Kick - Chi è Saenchai - Kombatnet Wiki

In realtà Saenchai non ha inventato questo colpo, già in uso in Thailandia quando molto prima che iniziasse a combattere: uno dei primi ad utilizzare il “cartwheel kick” è stato Rotnarong Daowbpaetrew, campione del Rajadamnern Stadium.

Liam Harrison si allena con Saenchai in preparazione al match contro Nong-O - Kombatnet News

Liam Harrison si allena con Saenchai in preparazione al match contro Nong-O

Saenchai si allena spesso con altri fighter, alcuni dei quali fanno parte della rosa di atleti che ha battuto durante la sua carriera. Nel 2022 Saenchai si è allenato con il campione britannico Liam Harrison, già battuto da Saenchai tre volte. Harrison stava preparando il match più impegnativo della sua carriera, contro il thailandese Nong-O: Saenchai ha battuto Nong-O sei volte in carriera e probabilmente è il fighter più adatto con cui allenarsi ad un incontro di questa portata.


Yanada The Samurai Of Ayothaya Saenchai film attore Buakaw Yodsanklai Anuwat - Kombatnet Wiki

Locandina del film “Yanada: The Samurai Of Ayothaya” con Saenchai, Buakaw, Yodsanklai ed Anuwat

Nel 2010 Saenchai ha partecipato al film “Yamada: The Samurai of Ayothaya” recitando la parte della guardia del corpo di Re Naresuan il Grande (Sanphet II), diciannovesimo sovrano del Regno di Ayutthaya. Assieme a Saenchai hanno recitato anche famosi thaiboxers come Buakaw Por. Pramuk, Yodsanklai Fairtex, Anuwat Kaewsamrit.



Leggi anche:

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...
Andy Hug karate kickboxing kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Andy Hug

Andreas "Andy" Hug è stato un karateka e kickboxer svizzero, considerato uno dei più grandi pesi massimi di sempre. Hug era rinomato per la sua abilità ed agilità nel calciare, difficilmente riscontrabile nei pesi massimi ad alti livelli. Ha affrontato numerose volte degli avversari molto più pesanti e alti di lui: con un peso di poco meno di un quintale ed alto "solo" 1.80 m ha sopperito con velocità e preparazione atletica alla massa mancante. Andy Hug era mancino e questo spesso causava problemi ai suoi avversari, che subivano uno dei suoi tipici calci ad ascia, tra i quali si ricorda il suo marchio di fabbrica chiamato "Hug Tornado" che consisteva in un calcio girato basso dove il tallone colpiva la coscia. Leggi tutto l'articolo...
Ippon Judo Karate Jiujitsu Kendo Kumite - Kombatnet Wiki

Ippon

Ippon (一本, letteralmente "Un punto pieno") è il punteggio più alto che un combattente possa ottenere nei contest di arti marziali giapponesi basate sul punteggio (Ippon/Waza-ari), solitamente Kendo, Judo, Karate o Jiujitsu. Nello Judo, un Ippon può essere ottenuto per un atterramento perfetto o per l'immobilizzazione a terra con o senza sottomissione. Per le proiezioni, i quattro criteri per garantire un Ippon sono forza, velocità, atterramento sulla schiena e controllo tecnico del movimento fino all'atterraggio. Leggi tutto l'articolo...
Il Gouren lotta tradizionale bretone - Kombatnet Wiki

Gouren

Il Gouren è uno stile di lotta popolare francese molto diffuso in Bretagna soprattutto all'inizio del ventesimo secolo e che gode oggi di un revival internazionale. Oggi il Gouren è presieduto dalla Fédération de Gouren che ha un accordo con la Fédération Française de Lutte (French Wrestling Federation): viene inoltre praticato in incontri internazionali organizzati dalla FILC (Fédération Internationale des Luttes Celtiques) in Cornovaglia, in Scozia ed in New Orleans (USA). In Francia è possibile ottenere tramite la Federazione Gouren un Diploma Statale per facilitatori sportivi e dal 1998 è consentito portare il Gouren come disciplina facoltativa al diploma di maturità. Leggi tutto l'articolo...
Sherlock Holmes Bartitsu arte marziale autodifesa Barton-Wright - Kombatnet Wiki

Bartitsu

Il Bartitsu è un metodo di autodifesa ed arte marziale sviluppato in Inghilterra tra il 1898 ed il 1902 che combina elementi di pugilato, Jujutsu, combattimento con il bastone e Savate (boxe francese). Nel 1903 è stata resa nota come "Baritsu" da Sir Arthur Conan Doyle, autore dei racconti su Sherlock Holmes. Sostanzialmente scomparsa lungo tutto il ventesimo secolo, il Bartitsu sta conoscendo un revival dal 2001 circa. Nel 1898, Edward William Barton-Wright, un ingegnere inglese che aveva trascorso i tre anni precedenti in Giappone, tornò in Inghilterra e annunciò la creazione di una "Nuova Arte dell'Autodifesa". Questa arte, sosteneva, combinava i migliori elementi di una gamma di stili di combattimento in un insieme unificato, da lui chiamato Bartitsu. Leggi tutto l'articolo...
Young Corbett III Ralph Giordano Raffale Giordano - Kombatnet Wiki

Young Corbett III

Ralph Giordano (nato Raffaele Giordano, 27 maggio 1905 - 15 luglio 1993), meglio conosciuto come Young Corbett III, fu un pugile italo-americano che conquistò la cintura di campione del mondo dei pesi welter nel 1933 e divenne campione del mondo dei pesi medi NYSAC nel 1938. Mancino, non aveva "il colpo del KO" ma era noto per la sua grande velocità e determinazione sul ring. Corbett è considerato uno dei più grandi mancini di tutta la storia del pugilato ed uno dei più grandi "counterpunchers". Verrà inserito nella Fresno County Athletic Hall of Fame nel 1959, nella Italian American Sports Hall of Fame nel 1982 e nella International Boxing Hall of Fame nel 2004. Leggi tutto l'articolo...
Irma Testa pugilato femminile italiano Italia boxe campionessa Olimpiadi europei - Kombatnet Wiki

Irma Testa

Irma Testa è una campionessa di pugilato italiana di Torre Annunziata, Napoli, che combatte nei pesi leggeri. Soprannominata "Butterfly" per la sua agilità ed eleganza in combattimento, è stata la prima atleta italiana a partecipare ad un'Olimpiade nel pugilato ai Giochi di Rio de Janeiro 2016, e la prima a guadagnare una medaglia nel pugilato femminile aggiudicandosi il bronzo ai Giochi di Tokyo 2020. È stata campionessa europea 2019 nei pesi piuma. Irma Testa è considerata tra le pugili under 20 più forti del mondo. Leggi tutto l'articolo...