Deontay Wilder pugile boxe boxing peso massimo - Kombatnet Wiki

Deontay Wilder

Deontay Wilder

Deontay Wilder (n. 22 ottobre 1985) è un pugile statunitense, detentore del titolo dei pesi massimi dal 2015 al 2020.


Deontay Wilder ha registrato un peso di 108 kg all’ultimo match contro Tyson Fury per un’altezza di 201 cm.

Wilder ha iniziato a combattere relativamente tardi, attorno ai 20 anni, guadagnando una medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici che gli è valsa il soprannome di “The Bronze Bomber“.


Wilder è noto per la sua eccezionale potenza nei colpi che gli ha regalato una delle percentuali di KO più alta nella storia del pugilato.

Wilder ha iniziato a tirare di boxe nell’ottobre 2005, quando è entrato nella palestra  “Skyy Boxing Gym” a Northport, Alabama, e ha iniziato ad allenarti sotto Jay Deas.


Nel 2007, ha battuto tutti i favoriti vincendo sia i National Golden Gloves che i campionati statunitensi nella categoria 201 libbre (91 kg).


Ai Golden Gloves, ha sconfitto in finale il cadetto campione del mondo e favorito Isiah Thomas, un mancino di Detroit, e David Thompson, di Brooklyn. Al campionato degli Stati Uniti ha sconfitto Quantis Graves e ha vinto la finale 31-15 sul mancino James Zimmerman di San Jose, California.

Alle selezioni per le Olimpiadi, ha battuto Graves altre due volte e ha vinto selezioni in soli 21 match. All’inizio del 2008 ha ottenuto la sua migliore vittoria in carriera battendo la medaglia d’argento del campionato mondiale e futuro campione olimpico Rakhim Chakhiyev in Russia. Si è qualificato per le Olimpiadi battendo Deivis Julio 6:5, Jorge Quinones dall’Ecuador in un doppio spareggio e il brasiliano Rafael Lima 6:5 alle qualificazioni.

In un doppio match Russia-USA il 29 febbraio 2008, a Novosibirsk, Wilder è stato eliminato da Evgenyi Romanov.


Wilder ha poi partecipato come peso massimo alle Olimpiadi del 2008, sconfiggendo l’algerino Abdelaziz Touilbini e Mohamed Arjaoui del Marocco prima di perdere in semifinale contro l’italiano Clemente Russo ed ottenere la medaglia di bronzo.


Wilder ha fatto il suo debutto professionale sul ring all’età di 23 anni il 15 novembre 2008, al Vanderbilt University Memorial Gymnasium di Nashville, nel Tennessee.

Ha affrontato Ethan Cox (2-2-1), vincendo per ko tecnico al secondo round dopo averlo atterrato tre volte. Wilder ha combattuto sette volte nel 2009, vincendo tutti i match al primo round.


Nell’ottobre 2012, Wilder ha collezionato una serie di 25 vittorie consecutive, vincendo tutte per KO e tutte entro il quarto round. Tra le vittime illustri tre sfidanti al titolo dei pesi massimi: per la WBA Owen Beck, e per la WBO DeAndrey Abron e Damon Reed.

Wilder ha vinto il suo primo titolo da professionista contro il trentasettenne Kelvin Price al Memorial Sports Arena di Los Angeles, il 15 dicembre 2012.

Il 3 aprile 2013 la Golden Boy Promotions ha annunciato che Wilder avrebbe combattuto contro l’ex campione europeo dei pesi massimi e medaglia d’oro olimpica del 2000 Audley Harrison alla Motorpoint Arena di Sheffield il 27 aprile. Sarebbe stato il debutto nel Regno Unito per Wilder, mentre Harrison era talmente sicuro di vincere da affermare che si sarebbe ritirato se avesse perso. Wilder lo mandò KO al primo round, dopo appena 49 secondi di combattimento. Harrison tentò di rialzarsi usando le corde al conteggio dell’arbitro Terry O’Connor, ma questo dichiarò l’incontro finito a 1:22. Quattro giorni dopo il match Harrison dichiarò il suo ritiro, all’età di 41 anni.


Il 9 maggio Frank Warren ha annunciato la card di un evento che si sarebbe tenuto alla Wembley Arena di Londra il 15 giugno 2013, che avrebbe visto Wilder contro il pugile britannico Derek Chisora come main event. L’evento venne annullato dopo che Wilder fu arrestato a maggio a seguito di un’aggressione domestica a Las Vegas, in Nevada. Pochi giorni dopo Wilder assunse Al Haymon come suo nuovo manager.


A giugno 2013 venne annunciata la card dello Showtime presso il Fantasy Springs Casino di Indio, in California: Wilder avrebbe affrontato l’ex campione dei pesi massimi WBO Siarhei Liakhovich il 9 agosto 2013 sui 10 round. Liakhovich non combatteva da quasi un anno e mezzo e venne messo KO al primo round con un destro terribile: si appoggiò alle corde poi cadde e cominciò ad avere delle convulsioni. L’arbitro ha decretato la fine del match senza nemmeno iniziare il conteggio e Liakhovich è rimasto per un po’ di tempo sdraiato a terra, prima di essere aiutato a sedersi su uno sgabello. Giorni dopo il combattimento, Liakhovich ha presentato un ricorso per cambiare il risultato come “no contest” sostenendo che Wilder lo avesse colpito con pugni illegali dietro la nuca (la famosa “fascia del mohicano“).

Due mesi dopo, a ottobre 2014, Wilder ha battuto Nicolai Firtha in quattro round continuando a vincere per knockout.



A febbraio 2014 è stato annunciato che Wilder avrebbe combattuto il 15 marzo seguente contro il 33enne Malik Scott in un match valido come eliminatorie per il titolo dei pesi massimi WBC. Wilder ha eliminato Scott ad 1:36 del primo round, con un diretto poco chiaro (alcuni hanno sostenuto che Scott si fosse gettato a terra fingendo il KO).

Questa vittoria ha portato comunque Wilder a diventare lo sfidante obbligatorio per il titolo dei pesi massimi WBC detenuto allora da Bermane Stiverne, che aveva sconfitto Chris Arreola per il titolo lasciato vacante da Vitali Klitschko, che si era ritirato.

Ad agosto 2014 Wilder ha combattuto sui 10 round l’ex finalista del Prizefighter Jason Gavern, allo StubHub Center di Carson, in California, battendolo per abbandono: il suo angolo ha gettato la spugna dopo che Gavern era stato conteggiato già due volte nei round precedenti.



Wilder ha combattuto contro Bermane Stiverne all’MGM Grand Garden Arena di Las Vegas, in Nevada il 17 gennaio 2015, nell’evento denominato “Return to Glory“, per il titolo dei pesi massimi WBC.

Wilder ha sconfitto Stiverne ai punti per decisione unanime dopo dodici round, diventando così il primo campione del mondo americano dei pesi massimi dopo Hasim Rahman.

Si è trattata della prima volta in cui Wilder ha dimostrato di non avere solo potenza da utilizzare nei primi round, ma anche resistenza sui 12 round.


Wilder ha dedicato la sua vittoria alla figlia disabile e al suo eroe del pugilato Muhammad Ali, che aveva compiuto 73 anni lo stesso giorno. L’evento ha avuto una media di 1,24 milioni di spettatori, con un picco di 1,34 milioni su Showtime. Secondo la Nevada State Athletic Commission (NSAC), Wilder ha guadagnato 1 milione di dollari mentre Stiverne ne ha ricevuti 910.000.

Poco dopo l’incontro, Wilder ha interrotto il suo rapporto professionale con la Golden Boy Promotions e Al Haymon è diventato il suo nuovo manager.

Il 22 febbraio 2020 Wilder ha perso il titolo dei pesi massimi WBC contro Tyson Fury, che si è aggiudicato anche il titolo vacante The Ring per KO tecnico al settimo round. L’evento si è tenuto alla MGM Grand Garden Arena, in Nevada.


Il rematch ha avuto luogo il 9 ottobre 2021 ed ancora una volta Fury ha battuto Wilder, questa volta per KO all’undicesimo round, alla T-Mobile Arena in Nevada, difendendo così il titolo WBC ed il titolo The Ring.


Leggi anche:

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...
Andy Hug karate kickboxing kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Andy Hug

Andreas "Andy" Hug è stato un karateka e kickboxer svizzero, considerato uno dei più grandi pesi massimi di sempre. Hug era rinomato per la sua abilità ed agilità nel calciare, difficilmente riscontrabile nei pesi massimi ad alti livelli. Ha affrontato numerose volte degli avversari molto più pesanti e alti di lui: con un peso di poco meno di un quintale ed alto "solo" 1.80 m ha sopperito con velocità e preparazione atletica alla massa mancante. Andy Hug era mancino e questo spesso causava problemi ai suoi avversari, che subivano uno dei suoi tipici calci ad ascia, tra i quali si ricorda il suo marchio di fabbrica chiamato "Hug Tornado" che consisteva in un calcio girato basso dove il tallone colpiva la coscia. Leggi tutto l'articolo...
Ippon Judo Karate Jiujitsu Kendo Kumite - Kombatnet Wiki

Ippon

Ippon (一本, letteralmente "Un punto pieno") è il punteggio più alto che un combattente possa ottenere nei contest di arti marziali giapponesi basate sul punteggio (Ippon/Waza-ari), solitamente Kendo, Judo, Karate o Jiujitsu. Nello Judo, un Ippon può essere ottenuto per un atterramento perfetto o per l'immobilizzazione a terra con o senza sottomissione. Per le proiezioni, i quattro criteri per garantire un Ippon sono forza, velocità, atterramento sulla schiena e controllo tecnico del movimento fino all'atterraggio. Leggi tutto l'articolo...
Il Gouren lotta tradizionale bretone - Kombatnet Wiki

Gouren

Il Gouren è uno stile di lotta popolare francese molto diffuso in Bretagna soprattutto all'inizio del ventesimo secolo e che gode oggi di un revival internazionale. Oggi il Gouren è presieduto dalla Fédération de Gouren che ha un accordo con la Fédération Française de Lutte (French Wrestling Federation): viene inoltre praticato in incontri internazionali organizzati dalla FILC (Fédération Internationale des Luttes Celtiques) in Cornovaglia, in Scozia ed in New Orleans (USA). In Francia è possibile ottenere tramite la Federazione Gouren un Diploma Statale per facilitatori sportivi e dal 1998 è consentito portare il Gouren come disciplina facoltativa al diploma di maturità. Leggi tutto l'articolo...
Sherlock Holmes Bartitsu arte marziale autodifesa Barton-Wright - Kombatnet Wiki

Bartitsu

Il Bartitsu è un metodo di autodifesa ed arte marziale sviluppato in Inghilterra tra il 1898 ed il 1902 che combina elementi di pugilato, Jujutsu, combattimento con il bastone e Savate (boxe francese). Nel 1903 è stata resa nota come "Baritsu" da Sir Arthur Conan Doyle, autore dei racconti su Sherlock Holmes. Sostanzialmente scomparsa lungo tutto il ventesimo secolo, il Bartitsu sta conoscendo un revival dal 2001 circa. Nel 1898, Edward William Barton-Wright, un ingegnere inglese che aveva trascorso i tre anni precedenti in Giappone, tornò in Inghilterra e annunciò la creazione di una "Nuova Arte dell'Autodifesa". Questa arte, sosteneva, combinava i migliori elementi di una gamma di stili di combattimento in un insieme unificato, da lui chiamato Bartitsu. Leggi tutto l'articolo...
Young Corbett III Ralph Giordano Raffale Giordano - Kombatnet Wiki

Young Corbett III

Ralph Giordano (nato Raffaele Giordano, 27 maggio 1905 - 15 luglio 1993), meglio conosciuto come Young Corbett III, fu un pugile italo-americano che conquistò la cintura di campione del mondo dei pesi welter nel 1933 e divenne campione del mondo dei pesi medi NYSAC nel 1938. Mancino, non aveva "il colpo del KO" ma era noto per la sua grande velocità e determinazione sul ring. Corbett è considerato uno dei più grandi mancini di tutta la storia del pugilato ed uno dei più grandi "counterpunchers". Verrà inserito nella Fresno County Athletic Hall of Fame nel 1959, nella Italian American Sports Hall of Fame nel 1982 e nella International Boxing Hall of Fame nel 2004. Leggi tutto l'articolo...
Irma Testa pugilato femminile italiano Italia boxe campionessa Olimpiadi europei - Kombatnet Wiki

Irma Testa

Irma Testa è una campionessa di pugilato italiana di Torre Annunziata, Napoli, che combatte nei pesi leggeri. Soprannominata "Butterfly" per la sua agilità ed eleganza in combattimento, è stata la prima atleta italiana a partecipare ad un'Olimpiade nel pugilato ai Giochi di Rio de Janeiro 2016, e la prima a guadagnare una medaglia nel pugilato femminile aggiudicandosi il bronzo ai Giochi di Tokyo 2020. È stata campionessa europea 2019 nei pesi piuma. Irma Testa è considerata tra le pugili under 20 più forti del mondo. Leggi tutto l'articolo...