Tyson Fury batte Derek Chisora e resta campione di pugilato dei pesi massimi - Kombatnet News

Tyson Fury imbattibile: domina Chisora e si tiene la cintura

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Tyson Fury imbattibile: domina Chisora e si tiene la cintura

Il re zingaro è tornato e non ha alcuna voglia di cedere lo scettro: in un Tottenham Hotspur Stadium gremito Tyson Fury, 34, ha mantenuto il suo regno rimanendo imbattuto fermando il suo collega britannico Derek Chisora, 38, per KO al decimo round, in un match a senso unico.

Fury e Chisora si erano già incontrati sul ring nel 2011 quando avevano combattuto per il titolo del Commonwealth e Fury aveva vinto ai punti: tre anni dopo, nel rematch valido per i titoli europeo e britannico, Chisora era stato ritirato dal suo angolo al decimo round. Per Chisora il match di conclusione della trilogia ha costituito la tredicesima sconfitta in carriera e la quarta nelle ultime cinque, illuminate solo dalla vittoria (per split decision) contro Pulev.

I bookmaker avevano già dato Chisora sconfitto per 14-1 ma c’erano speranze che “Del Boy” ribaltasse i pronostici, contro tutte le aspettative. Così non è stato.


Derek Chisora non è riuscito a trovare il colpo del KO contro un sovrastante Tyson Fury - Kombatnet News
Derek Chisora non è riuscito a trovare il colpo del KO contro un sovrastante Tyson Fury

All’inizio della settimana i due pugili britannici si erano dati la mano ed avevano promesso di scambiare colpi alla corta distanza, “toe-to-toe“, nei primi tre round: Chisora aveva promesso “il più grande primo round che il mondo dei pesi massimi abbia mai visto“.

Ed effettivamente, in una atmosfera quasi soprannaturale, nonostante il freddo glaciale di un evento tenutosi all’aperto, a Londra, a dicembre, i due hanno tentato effettivamente di garantire l’intrattenimento che avevano promesso.

Ma il match è subito stato a senso unico e Fury ha subito dimostrato di essere un livello sopra il suo avversario, già a partire dal secondo round. Chisora ha tentato di spingere alle corde Fury tempestandolo di colpi al corpo ma Fury ha replicato con un terribile destro dall’alto che ha interrotto l’assalto di Chisora.


Al secondo round, un gancio sinistro di Fury ha tramortito Chisora che è apparso stanco e confuso all’angolo alla fine della ripresa.

Alla terza i due si sono quasi azzuffati, perdendo l’equilibrio e finendo al tappeto, ma ancora una volta Fury si è dimostrato evidentemente in controllo del match.

Chisora, come sempre nella sua carriera lunga 15 anni, ha dato tutto e non si è risparmiato ma è stato semplicemente surclassato da Fury, superiore per tecnica, potenza e visione del match.


Due terribili ganci destri andati a segno su Chisora al sesto e settimo round hanno fatto temere per una conclusione prima della fine (come poi è stato, anche se in zona Cesarini) ed in tanti si stavano chiedendo quanti altri colpi del genere avrebbe potuto sopportare prima di finire al tappeto.

Si attendeva un possibile power shot di Chisora che ribaltasse le sorti del match ma un taglio sull’occhio apertosi al nono round seguito da un brutale montante di Fury al decimo hanno marcato la fine dell’incontro.

Parlando a BT Sport, Fury ha onorato Chisora ed i fan, dicendo “Voglio solo dire: che folla! 60.000 a Tottenham, amo ognuno di voi! È una cosa travolgente, voglio dirvi un enorme grazie“.


Mi sentivo bene” ha continuato, “avevo bisogno di qualche round per entrare nel match, non avevo boxato da aprile. Stavo andando a segno con dei buoni colpi, non arrivava nulla da Del Boy [Chisora]. È stato un piacere combattere stasera, è un eroe britannico“.

Che resistenza. L’ho colpito con dei colpi che avrebbero spento la luce a chiunque altro” ha detto Fury riguardo l’avversario, incoraggiando la folla a cantare “Oh, Derek Chisora“.

Chisora, il cui futuro pugilistico è ora incerto, ha risposto educatamente alla sconfitta ed ha aggiunto “Grazie Tyson, apprezzo le tue parole. Siamo amici. C’è un grande match che sta arrivando, tutti vogliono vedere un solo campione nella divisione dei pesi massimi“.


Dopo il match Fury è andato ad trovare Chisora negli spogliatoi per abbracciarlo e scambiare due parole con lui e con sua figlia, dimostrando ancora una volta il buon sangue che corre tra i due: avversari sul ring, amici nella vita.

Usyk, detentore delle cinture IBF, IBO, WBO e WBA era a bordo ring. Fury, intervistato a fine match, l’ha chiamato a gran voce: “Where’s the rabbit?” (“Dov’è il coniglio?“). Al che il pugile ucraino è salito sul ring per un faccia a faccia.

Usyk, tu sei il prossimo, piccolo bodybuilder, nanetto di 95 kg. Ho già tirato giù un ucraino, [Wladimir] Klitschko, facciamolo“.


E quando Joyce si è fatto vedere sul ring, Fury ha detto: “Dico che Joe Joyce, un ottimo fighter, merita un match per il titolo. Se il coniglio [Usyk] non vuole combattere, ci incontreremo a Wembley“.

Tuttavia potrebbe esserci un ostacolo per Fury: in una intervista con ESPN ha detto di avere problemi con la sua mano e di avere bisogno, con grande probabilità, di un intervento al suo gomito destro che potrebbe necessitare di 6-8 settimane di stop per guarire. Ad ogni modo questo non sembra impensierire Fury, più deciso che mai a difendere il suo regno nei pesi massimi.

Il re è tornato e non ha alcuna voglia di abbandonare trono, scettro e corona.


Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...