Può il piccolo Usyk sconfiggere il gigantesco Tyson Fury - Il pronostico di Hearns e degli esperti di boxe - Kombatnet

Può il “piccolo” Usyk sconfiggere il gigantesco Tyson Fury? Il pronostico di Hearn e degli esperti di boxe

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Può il “piccolo” Usyk sconfiggere il gigantesco Tyson Fury? Il pronostico di Hearn e degli esperti di boxe

Secondo il promoter britannico Eddie Hearn il gigantesco campione dei pesi massimi WBC Tyson Fury, con i suoi 2,06 metri di altezza, è probabilmente “troppo grosso” per il campione IBF/WBA/WBO Oleksandr Usyk. I due si scontreranno per il titolo di campione indiscusso il 17 febbraio 2023 a Riyadh, in Arabia Saudita in quello che sarà uno dei momenti cardine della storia del pugilato.

La maggior parte degli esperti concorda con Hearn, ritenendo che Fury (34-0-1, 24 KO), del peso di oltre 122 kg per 206 cm di altezza, sia troppo imponente per affrontare il mancino Usyk (21-0, 14 KO), che pesa 100 kg ed è alto “solo” 191 cm.

Le dimensioni contano, anche sul ring: tuttavia Hearn si domanda anche se la recente pessima prestazione del trentacinquenne Fury contro un Francis Ngannou debuttante nel pugilato, lo scorso ottobre, sia stato un segno di una carriera in conclusione o solamente di una preparazione inadeguata.


Fury è in un’età in cui la maggior parte dei pugili inizia a mostrare segni di declino e sembra più vecchio della sua età anagrafica. Ovviamente non aiuta il fatto che il peso di Fury vada fuori controllo tra un combattimento e l’altro, poiché dover perdere una grande quantità di peso ogni volta che compete può avere un ulteriore effetto invecchiante su un pugile.

Un’altra critica mossa al gigantesco campione WBC è la mancanza di avversari di qualità che ha dovuto affrontare negli ultimi otto anni della sua carriera professionale.

Esaminando da vicino chi Fury ha battuto per consolidare il suo record dopo la sua unica grande vittoria in carriera contro il 40enne Wladimir Klitschko nel 2015, non ha sconfitto nessun vero talento (a meno che non si consideri Deontay Wilder un talento). Oltre alla vittoria di Fury su un Deontay Wilder unidimensionale e non qualificato, queste sono le vittorie del “Gypsy King” dal 2015:


  • Francis Ngannou
  • Dereck Chisora
  • Dillian Whyte
  • Otto Wallin
  • Tom Schwarz
  • Sefer Seferi
  • Francesco Pianeta

Secondo Boxing News 24, “(..) ogni prestazione di Fury è stata più che mediocre dopo la sua vittoria sul vecchio Wladimir, ma curiosamente questo è sfuggito all’attenzione di fan, promoter e dei media. Come si può ignorare il curriculum di Fury e non concludere che la sua carriera sia basata su illusioni, con un’enfasi eccessiva sulla sua vittoria su un Wladimir quarantenne in declino?

La nota testata specialistica web continua: “A meno che non si sia completamente fuori dalla realtà, bisogna ammettere che Fury ha affrontato avversari di livello marginale, fatto che non è stato ancora pienamente riconosciuto. L’età avanzata non potrà che essere uno svantaggio contro un talento come Usyk, che vanta vittorie migliori nel suo curriculum. È stata l’abile strategia dei promoter a convincere i fan che Fury fosse un campione autentico. Non è mai stato così bravo come alcuni pensavano, ed è per questo che è apparso così scadente contro un Francis Ngannou debuttante nel pugilato. Fury è stato costruito per apparire vincente attraverso un’attenta selezione degli avversari.”

Usyk, dal canto suo, ha collezionato le teste di numerosi grandi campioni:


  • Anthony Joshua x 2
  • Daniel Dubois
  • Dereck Chisora
  • Mairis Briedis
  • Murat Gassiev
  • Krzysztof Głowacki
  • Tony Bellew
  • Michael Hunter
  • Marco Huck
  • Thabiso Mchunu

Penso che Tyson Fury vincerà la battaglia. Tutto dipende da ciò che abbiamo visto nell’incontro con [Francis] Ngannou [lo scorso ottobre]. È stato lui a non prenderlo sul serio, o se è stato lui in declino, allora avrà una notte difficile contro Usyk“, ha detto Eddie Hearn a Matchroom Boxing quando gli è stato chiesto cosa pensasse dell’incontro del 17 febbraio per il campionato indiscusso dei pesi massimi tra il campione WBC Tyson Fury e il campione IBF, WBA e WBO Oleksandr Usyk.

Ciò che abbiamo visto nella lotta a Ngannou non è stato solo un problema di età e di fisico: sono emersi anche i suoi brutti problemi di testa. È una brutta faccenda con Fury. La realtà è che non è mai stato il pugile che i fan della boxe avevano inizialmente pensato. È stato semplicemente un ragazzone fortunato a combattere il vecchio Wladimir alla fine della sua carriera senza il suo allenatore, Emanuel Steward, scomparso nel 2012.

Sempre secondo Boxing News 24: “Fury non ha battuto nessuno dopo la vittoria su Klitschko. Deontay è sempre stato un pugile inesperto con un solo colpo nel suo arsenale e, a parte lui, Fury non ha mai battuto nessuno di rilievo dopo la sua vittoria sul 40enne Wladimir. Ha perso contro John McDermott e meritava di perdere il suo primo incontro contro Wilder“.


Penso che [Fury] sarà troppo imponente in questo match. Se è pronto e si è allenato adeguatamente, cosa che ci si aspetta che faccia, mi aspetto che lo sia, vincerà. Ma non si può escludere anche una vittoria di Oleksandr Usyk“, ha detto Hearn, conoscendo bene le capacità di Usyk dopo averlo visto sconfiggere due volte il suo peso massimo di punta Anthony Joshua. “È un incontro incredibile tra i pesi massimi, un altro evento imponente in Arabia Saudita, ed è fantastico per la divisione dei pesi massimi e per la boxe assistere a questo combattimento per il titolo di campione indiscusso“, ha concluso Hearn.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...