Niente rematch contro De Carolis Scardina sale ai mediomassimi - Kombatnet News

Niente rematch contro De Carolis: Scardina sale ai mediomassimi

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Niente rematch contro De Carolis: Scardina sale ai mediomassimi

Doccia fredda per gli appassionati di pugilato: il match tra Daniele Scardina e Giovanni De Carolis valido per il titolo intercontinentale dei supermedi WBO non si farà.

L’evento si sarebbe dovuto tenere il prossimo 3 marzo all’Allianz Cloud di Milano e sarebbe stata l’occasione per Scardina di vendicare la sconfitta subita il 13 maggio 2022, quando un non più giovanissimo De Carolis ha stupito il mondo conquistando la cintura dei supermedi battendo Scardina per KO.

Il milanese Scardina tuttavia ha chiarito in un lungo post sui social (poi rimosso) che non sarebbe stato possibile per lui raggiungere sulla bilancia il peso di 76,2 kg poiché avrebbe dovuto tagliare oltre 15 kg, quindi ha preferito abbandonare l’ipotesi del rematch, obbligando quindi la Opi Since 82, promoter dell’evento, ad annullarlo dopo averlo già rinviato di cinque settimane.


Dopo mesi e mesi di preparazione per il mio rematch e dopo varie visite e test, ci ritroviamo davanti una decisione da prendere che riguarda la mia salute e la mia carrieraAbbiamo capito che la cosa giusta da fare è quella di passare di categoria (una superiore). Lo faccio nella mia salute e fisica. Ho bisogno di combattere ad armi pari contro chiunque. E fare quel taglio del peso di 15 kg comprometteva troppo la mia salute e in primis la mia prestazione atletica. Non ritengo giusto dopo tanti sacrifici per questo sport, che amo tantissimo e che è la mia vita, ritrovarmi sul ring dopo mesi di preparazione e non poter sentirmi me stesso, fisicamente e mentalmente”.

Il post su Instagram di Scardina, poi rimosso

Il pugile di Rozzano ha poi continuato, facendo intendere una sua salita nei mediomassimi: “Fisicamente sto sui 89-90 kg e dover saltare 14 kg e non penso sia la cosa giusta per un fatto fisico e mentale. Il lavoro sarà duro perché dovrò scendere di almeno 10. Ma lo sappiamo bene che senza sacrificio non c’è ricompensa. E sappiamo bene che la boxe è uno sport di sacrifici e rinunce, che io sono sempre stato disposto a fare per amore di questo sport. La vita è fatta di questo: vittorie, sconfitte, lezioni, esperienze, che ti portano a migliorare come atleta ma soprattutto come uomo. Dovrò ingoiare i momenti amari che ho dovuto passare, ma con la consapevolezza che sono cresciuto come atleta e uomo”.

Il post è stato poi rimosso dopo essere stato preso d’assalto da tutti i fan del mondo del pugilato che manifestavano il loro disappunto.


Di lì a poco è arrivata la replica video di De Carolis, che comunque punta a far fruttare il lavoro svolto fino a questo momento in funzione dei suoi progetti futuri:

Ciao ragazzi. Purtroppo il match del 3 marzo è stato definitivamente annullato” ha dichiarato il campione romano. “Questa per me è una forte delusione, soprattutto per tutto il tempo che ho dedicato a questo combattimento. Già dopo il match di maggio a Milano si parlava di una rivincita, una rivincita entro novembre, dicembre, ed io a settembre avevo cominciato con tutta la programmazione per fare le cose fatte bene e a fine ottobre era stato annunciato il match. Il 27 di gennaio quindi ho dovuto fare le mie modifiche e fare tutto quanto un piano per farmi trovare il 27 gennaio al 100%, anzi, al 200%. Sono andato a Manchester per fare sparring e proprio in quel periodo mi è stato comunicato un ulteriore slittamento al 3 marzo. Questa cosa ha portato diversi problemi dal punto di vista privato, perché sacrificavo la mia famiglia per prendere delle decisioni, per fare delle cose dal punto di vista lavorativo, quindi anche economico, non indifferenti. Gli allenatori, il preparatore atletico e tutte le persone che lavorano intorno a me hanno dovuto riorganizzare nuovamente tutto. Adesso che sto facendo questo video sono a Portsmouth. Sono venuto qua perché nella preparazione avevamo considerato questi giorni per fare sparring. Sono comunque venuto perché voglio portare a termine lo stesso il mio lavoro. Adesso voglio comunque difendere il titolo WBO e andare in direzione del titolo europeo, magari utilizzando anche la De Carolis Promotion. Comunque la cosa più importante è che non si molla un attimo. Spero di aggiornarvi con più dettagli a breve“.

Siamo fortemente costernati” ha dichiarato il Presidente di Opi Since 82 Alessandro Cerchi, “in primo luogo verso il pubblico del pugilato italiano, che tanto ha atteso questa sfida già rinviata una volta e che non potrà godere del rematch. Siamo dispiaciuti anche nei confronti di Giovanni e di Daniele, due sportivi che ci hanno regalato una prestazione indimenticabile e che avrebbero fortemente voluto competere nuovamente sul ring. Troveremo delle soluzioni di matchmaking favorevoli per entrambi i fighter nel prossimo periodo, per avviare la stagione pugilistica 2023


De Carolis, che ha già 38 anni e non combatte dal match contro Scardina, è stato dichiarato sfidante ufficiale al titolo europeo contro Kevin Lele Sadjo mentre il trentenne milanese Scardina sta ancora riordinando le idee sulla sua carriera dopo la bruciante sconfitta inflittagli dal veterano romano.

Chissà se la salita ai mediomassimi riuscirà a fargli riprendere la strada del successo, ora resa ancora più scivolosa da chi si aspettava un rematch quasi dovuto.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...