Artur Beterbiev mostruoso difende il titolo dei massimi leggeri fermando Anthony Yard e rimane imbattuto, con tutti i match vinti per KO - Kombatnet

Artur Beterbiev mostruoso: difende il titolo dei massimi leggeri fermando Anthony Yarde e rimane imbattuto, con tutti i match vinti per KO

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Artur Beterbiev mostruoso: difende il titolo dei massimi leggeri fermando Anthony Yarde e rimane imbattuto, con tutti i match vinti per KO

Il pugile russo Artur Beterbiev ha difeso i suoi titoli WBC, IBF e WBO nella categoria dei massimi leggeri contro un agguerrito Anthony Yarde alla Wembley Arena di Londra mantenendo così immacolato il suo curriculum, anche se a caro prezzo. Beterbiev rimane l’unico pugile campione del mondo in carica ad aver vinto tutti i suoi incontri da professionista per KO/TKO, se escludiamo il ritiro di Rayco Saunders al suo secondo match che era in effetti un TKO: un record impressionante.

Artur Beterbiev vs Anthony Yarde fight highlights

Yarde ha iniziato subito bene ma non è riuscito a mantenere il ritmo serrato imposto ai primi round, trovando un Beterbiev in grande forma: per ogni colpo a segno il russo è riuscito a rispondere sempre efficacemente senza lasciarsi intimidire. Yarde è comunque riuscito a mandare a vuoto molte volte Beterbiev, guadagnandosi il primo round ai punti.

Il secondo round è stato per il campione in carica, che comunque se l’è guadagnato anche se accusando troppi colpi. Al terzo round il jab del russo si è fatto sentire, martellando il britannico che è apparso stordito al ritorno all’angolo.


Beterbiev vs Yarde: Fight of the Year - Kombatnet
Beterbiev vs Yarde: Fight of the Year?

Il quarto round ha visto un Beterbiev estremamente dominante nonostante la strenua opposizione di Yarde, che ha cominciato a mostrare in viso i segni della battaglia.

Il quinto round è stato forse uno dei più emozionanti della boxe contemporanea, con uno Yarde sul pezzo fino agli ultimi secondi ed uno scambio brutale di colpi da parte di entrambi. All’inizio del round Yarde ha perso il suo paradenti per la seconda volta e l’insistenza dell’arbitro Steve Gray affinché fosse pulito prima di essere rimesso in bocca ha dato un po’ di respiro al britannico, salvato dalla campana mentre la folla in visibilio ha reso onore ad entrambi i fighter al loro ritorno all’angolo.

L’inizio del sesto round è stato duro per entrambi i pugili, che hanno iniziato a mostrare segni di stanchezza abbasssando leggermente il ritmo. Yarde ha saputo imporsi, ma Beterbiev non gli ha reso la vita facile.


Al settimo round Yarde ha dovuto difendersi dall’aggressione di Beterbiev che continuava ad avanzare, infliggendo al britannico una dura punizione sul finale: un altro taglio si è aperto sotto l’occhio di Yarde, che cominciava a cedere terreno. Non lo sapevamo ma stavamo vedendo la preparazione di quello che sarebbe avvenuto pochi minuti dopo.

All’ottavo round, con i cartellini che vedevano Yarde in vantaggio 68-65 e 67-66 mentre un giudice dava Beterbiev avanti di un punto, il russo ha trovato spazio per un terribile diretto destro che ha stordito il britannico mentre subito dopo un altro destro l’ha spedito al tappeto.

Yarde è riuscito a malapena a rialzarsi entro il conteggio dell’arbitro mentre il sangue scendeva dal suo viso come lacrime e si rivolgeva con lo sguardo al suo allenatore: l’arbitro l’ha chiamato a combattere ma il suo angolo ha saggiamente deciso di gettare la spugna prima che Beterbiev potesse infliggergli ulteriori punizioni immeritate.


Beterbiev ha così celebrato la sua vittoria con le braccia al cielo, per poi congratularsi con Yarde ed il suo team per la sua tenacia, confermando la difficoltà della sfida che ha dovuto affrontare per difendere il titolo ancora una volta, in un match che è già entrato nella storia del pugilato.

Il russo, nato a Khasavyurt ma che vive a Montreal in Canada, ha già detto di essere disponibile a salire di peso per affrontare Usyk o Bivol: “No problem. Basta organizzarlo.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Liam Harrison - Kombatnet

Liam Harrison

Nato il 5 ottobre 1985, Liam Harrison, soprannominato "The Hitman", è un campione di Muay Thai inglese che combatte nella categoria dei pesi welter. Quando si trova nel Regno Unito si allena con la Bad Company, mentre in Thailandia frequenta la Jitti Gym e lo Yokkao Training Center di Bangkok. Al 16 gennaio 2024 Harrison è al quinto posto nella classifica ONE di Muay Thai per la categoria dei pesi gallo. Nel corso della sua carriera ha ottenuto vittorie significative contro atleti del calibro di Muangthai P.K.Saenchai, Tetsuya Yamato, Malaipet Sasiprapa, Mehdi Zatout, Andrei Kulebin, Anuwat Kaewsamrit e Dzhabar Askerov. Leggi tutto l'articolo...
Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...