sparring boxe muay thai kickboxing guanti savate sanda k1 kombatnet

Sparring

Sparring

Per sparring si intende una forma di allenamento comune a molti sport da combattimento dove i praticanti combattono con alcune limitazioni rispetto ad un incontro vero e proprio, per potersi esercitare o approfondire alcune tecniche. Viene effettuato in palestra sul ring, sul tatami o in gabbia.  Viene talvolta utilizzato come esibizione tra atleti noti durante eventi sportivi pubblici o come promozione di un atleta in previsione di un evento.

 

Nel Brazilian Jiu Jitsu viene spesso chiamato “rolling“; nella Capoeira viene chiamato “jogo” e si esegue nella “roda“. In molte arti marziali giapponesi viene chiamato “randori” mentre nel Karate viene chiamato anche Kumite. Nel Taekwondo lo sparring è chiamato kyorugi dalla World Taekwondo Federation e matsogi dalla International Taekwon-Do Federation. Nel Silat viene chiamato berpencak o bersilat. Nella Shastarvidya è praticato come gioco nella pratica dello Sonchi.

In Italia spesso viene usata la terminologia gergale “fare i guanti” per indicare una seduta di sparring in uno sport da combattimento che preveda lo striking, forma che viene utilizzata per estensione non solo nel Pugilato ma anche nella Kickboxing, nella Muay Thai, nella Savate ed altre discipline affini.


Esistono numerose forme di sparring:

  • sparring condizionato
  • sparring leggero
  • sparring pesante
  • sparring con handicap
  • sparring con più avversari

Lo sparring non viene arbitrato ma spesso, nel caso di atleti che si preparano ad un match o agonisti avanzati, viene seguito dall’insegnante per capire eventuali carenze in combattimento dell’allievo e per suggerirgli azioni da provare contro l’avversario.

Lo sparring è un momento di esercitazione dove provare tecniche studiate durante le lezioni: salvo accordi presi prima dell’inizio della seduta di sparring e solo in casi particolari (preparazione ad un match tra atleti esperti) si evita di infierire sull’avversario in caso di superiorità, si tenta di controllare il colpo per far capire l’errore e si evitano sottomissioni tenute a lungo e con forza. Nel caso di spazzate si tenta di evitare di far cadere l’avversario con violenza ed in generale si pensa più allo studio dell’aspetto tecnico che al prevalere sul compagno di allenamento.


Questo ovviamente non vale in caso di professionisti in preparazione agonistica, che possono essere d’accordo ad arrivare fino al KO in allenamenti che prendono il nome di “Aliveness” o “Alive Training“: Cus D’amato, Kevin Rooney, Floyd Mayweather Sr. hanno spesso sostenuto l’efficacia di allenamenti dove si dia il 100% durante lo sparring come in un match ed altri trainer contemporanei inseriscono delle sedute di sparring al limite nella preparazione di un titolo, nei mesi precedenti al match (particolarmente note le sedute di sparring alla Mike’s Gym di Mike Passanier, dove si sono viste sessioni di sparring infuocate con kickboxer come Badr Hari o Murthel Groenhart). Queste sessioni vengono chiamate “Wars in the Gym” o talvolta Philly Wars, da Philadelphia, il luogo di origine di tale pratica. Altri trainer famosi come Angelo Dundee preferiscono una via di mezzo tra lo sparring pesante e l’alive training. Tra i pugili noti che hanno sposato tale pratica ci sono Mike Tyson, Razor Ruddock, Lennox Lewis e Michael Moorer.

Lo sparring con più avversari si può intendere con più avversari contemporaneamente, normalmente relegato a discipline militari, di difesa personale o per controllare lo stress e solitamente svolto con protezioni pesanti, senza affondare i colpi, oppure con più avversari “freschi” ad ogni round o dopo un certo periodo prestabilito di tempo, per aumentarne la difficoltà. È possibile anche effettuare sparring nella stessa sessione con avversari che si avvicendano uno dopo l’altro e dalle caratteristiche differenti: altezza, peso, modo di combattere o anche stile misto (ad esempio alternando in una sessione di sparring di MMA un round di striking con un kickboxer ed uno di grappling con un judoka o un jiujiteiro). Per quanto i vari sport prevedano solitamente avversari unici, dello stesso peso e disciplina, capita a volte di vedere match “misti” anche in un contesto agonistico/professionale, come ad esempio il match al Lumpinee di Saenchai contro due avversari (Petchboonchu e Sagetdao Petpayathai).

L’utilizzo di protezioni nello sparring è generalmente consigliato, soprattutto nel caso di sport da combattimento a contatto pieno ed in particolare nello striking. Normalmente si utilizzano nel pugilato come minimo guantoni da 14 o 16 once, paradenti e protezioni inguinali mentre nella Muay Thai e nella Kickboxing si utilizzano anche paratibie, spesso ginocchiere e talvolta gomitiere. In Thailandia tuttavia è molto comune un light sparring “giocato” dove i praticanti mettono spesso solo il paratibie ed i guantoni senza nemmeno il paradenti. Le occasioni di infortunio in questo caso sono relativamente basse perché il colpo viene sempre controllato.


Esistono tuttavia posizioni controverse rispetto allo sparring pesante, soprattutto in discipline di striking e nell’MMA: l’ex fighter UFC Jamie Varner si ritirò precocemente dalla sua carriera di fighter a causa delle numerose commozioni cerebrali ottenute durante lo sparring pesante. Gli ex campioni UFC dei pesi welter Robbie Lawler e Johny Hendricks non fanno sparring a contatto pieno.

Normalmente si evita di effettuare sparring se non estremamente leggero per allenare i riflessi (in gergo “fare l’occhio“) l’ultima settimana prima di un match, per evitare infortuni.

L’attività di sparring partner può essere altamente remunerativa, se lo sparring è di livello: Oliver McCall ha guadagnato $ 2.000 a settimana lavorando come sparring partner per Mike Tyson nel periodo d’oro di Iron Mike, mentre Freddie Roach ha offerto un premio di 1000 dollari per chi fosse stato in grado di mandare al tappeto Manny Pacquiao in uno sparring durante la preparazione del suo match contro Errol Spence nel 2021. Per inciso, nessuno è stato in grado di riscuotere il premio.


Leggi anche:

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Chi è Ryan Garcia - Kombatnet Wiki

Ryan Garcia

Ryan Garcia è un pugile americano, già detentore del titolo WBC Interim dei pesi leggeri nel 2021. A maggio 2022 era considerato il sesto miglior pugile al mondo tra i pugili attivi nei pesi leggeri dalla rivista The Ring, dalla Transnational Boxing Rankings Board and ESPN, mentre BoxRec lo considerava il decimo. Leggi tutto l'articolo...
Waza-ari Judo Karate punteggio scoring Ippon - Kombatnet

Waza-ari

Il Waza-ari (in giapponese 技あり) è il secondo punteggio più alto che un fighter possa ottenere nelle arti marziali giapponesi basate su ippon o waza-ari, tipicamente Judo, Karate o JuJutsu. Leggi tutto l'articolo...
Michelle Manu Lua Kapu Kuialua - Kombatnet Wiki

Lua (Kapu Kuialua)

Il Kapu Kuialua, chiamato anche Kapu Kuʻialua, Kuʻialua o Lua è un'antica arte marziale hawaiana basata sulla rottura delle ossa, leve articolari, proiezioni, pressioni e striking (calci, pugni, gomitate, ginocchiate). Comprende anche l’utilizzo di varie armi, analisi della strategia sul campo di battaglia, combattimento in mare aperto e uso delle armi da fuoco introdotte dagli europei. Leggi tutto l'articolo...
Trainer Gae Ajarn Gae Muay Thai Thailandia - Kombatnet Wiki

Trainer Gae

Suthat Muangmun, meglio noto come Trainer Gae (Ajarn Gae in thailandese)  è un noto allenatore thailandese di Muay Thai, conosciuto per aver preparato campioni da tutto il mondo, molti dei quali hanno vinto importanti cinture internazionali e mondiali. Tra i suoi allievi si annoverano nomi come Superbon, Marvin Vettori, Ramazan Ramazanov, Dzhabar Askerov, Madsua Lamai Gym. Suthat Muangmun è stato per sei anni l'head trainer e matchmaker per la Elite Boxing in Thailandia. Leggi tutto l'articolo...
Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...