Shuai Jiao - Lotta Cinese - Kombatnet

Shuai Jiao

Shuai Jiao

Lo Shuai Jiao è uno stile di lotta cinese che ha avuto origine circa 6000 anni fa, durante l’era della Dinastia Zhou. Questo stile di lotta era originariamente chiamato “jǐao dǐ” (角抵), ovvero “scontro con le corna“, poiché i soldati dell’esercito imperiale cinese indossavano elmi con le corna per combattere i loro nemici. Ad oggi è studiato da molti praticanti di altre discipline (MMA, BJJ) per integrarlo all’interno del proprio stile oltre ad avere un proprio seguito di nicchia con tornei e federazioni che ne tengono in vita la tradizione e ne curano lo sviluppo moderno.

Secondo le ricostruzioni storiche del periodo imperiale cinese, il “jiao di” è stato utilizzato per la prima volta nel 2697 a.C. da un esercito di ribelli guidato da Chiyou contro l’esercito dell’Imperatore Giallo. Questo stile di lotta si diffuse in tutto il paese e divenne uno sport comune tra i giovani, i quali emulavano le competizioni senza elmi. Con il tempo, il “jiao di” divenne uno sport pubblico popolare tenuto per intrattenere la corte imperiale e per reclutare i migliori lottatori. I concorrenti lottavano tra loro su una piattaforma rialzata chiamata “lei tai” per la potenziale ricompensa di essere assunti come guardia del corpo dell’imperatore o istruttore di arti marziali per l’esercito imperiale.

La lotta è stata praticata in Cina per molti secoli e la sua popolarità tra i militari ha garantito la sua influenza sulle arti marziali cinesi fino alla fine della Dinastia Qing. Gli imperatori Manchu della Dinastia Qing erano appassionati di lotta e avevano creato l’istituzione Shanpuying per addestrare i lottatori. Questo accampamento era situato a Pechino e contava 300 membri, di cui 50 erano arcieri, 50 cavalieri e i restanti 200 erano lottatori. I membri del Shanpuying erano anche conosciuti come Puhu o Buku in lingua manciù e si occupavano di proteggere l’imperatore e di lottare con i portatori di tributi centro-asiatici.


Dopo la caduta della Dinastia Qing, molti ex membri del Shanpuying si guadagnarono da vivere insegnando lotta o facendo spettacoli per le strade. Il progenitore della lotta di Pechino era un istruttore del Shanpuying noto come Wan Baye o Wan Yongshun. Wan Yongshun fondò la scuola di lotta Tianqiao, che divenne molto popolare a Pechino. Questo tipo di lotta era unico perché mescolava l’arte dello xiangsheng (una forma di commedia cinese) con la lotta, creando un’arte comica di nota come wuxiangsheng.

Il termine “shuai jiao” fu scelto dalla Central Guoshu Academy di Nanjing nel 1928, quando furono standardizzate le regole della competizione. La prima competizione di Shuai Jiao cinese si tenne nel 1935 e l’arte continuò ad essere insegnata presso le accademie di polizia e militari della Cina. Il termine “shuai” significa “buttare a terra“, mentre “jiao” può essere uno dei due caratteri: il primo e più vecchio, 角, significa “corna“, mentre il secondo e più recente, 跤, significa “lottare o fare cadere con le gambe“.

Lo stile Zhili o Hebei, trae la sua origine dall'”Imperatore GialloHuangdi che combatté due decisive battaglie contro Chi You e l’imperatore Yan nella regione di Zhang Jia Kou, nel nord dell’Hebei, a nord-ovest di Pechino. I metodi di addestramento moderni e le regole sono stati codificati da Shan Pu Ying, il Battaglione di Eccellenza nella Cattura del Dipartimento di Amministrazione Interna del Dipartimento della Casa Imperiale. Questo stile comprende gli stili di Pechino, Tianjin e Baoding. Il wrestler indossa una uniforme chiamata Da Lian.


Lo stile di Pechino è in sostanza la discendenza dello stile Buku dei Manchu, che fu praticato dalla Brigata delle Guardie Imperiali, Shan Pu Ying. La sua caratteristica principale è l’uso delle gambe per calciare e disorientare gli avversari e l’uso di blocchi e attacchi alle articolazioni.

Lo stile di Tianjin, invece, discende dalle tecniche di lotta della dinastia Ming, misto al Buku dei Manchu. La sua caratteristica principale è l’uso delle gambe per calciare e disorientare gli avversari e l’uso degli avambracci per bloccare e colpire.

Lo stile di Baoding, noto come Kuai Jiao, ovvero “Wrestling Veloce“, è la discendenza che si è adattata allo stile Shaolin Quan di Ping Jingyi, un famoso insegnante di lotta che ha imparato lo stile Shaolin dalla famiglia Meng della Contea di Nanguan, anche se era un musulmano Hui.


Infine, lo stile mongolo trae la sua discendenza dagli stili di lotta della Confederazione Donghu, che includevano i popoli Xianbei, Khitan e Mongoli. Lo Shuai Jiao è stato formalizzato nel 1917 attraverso il manuale di lotta scritto da Ma Liang, che ha introdotto lo stile nelle scuole a partire dal 1928. Oggi lo Shuai Jiao è ancora insegnato nelle scuole e nelle accademie di polizia e militari della Cina.

Le regole dello Shuai Jiao sono uniche e differiscono dal judo e dal wrestling freestyle. In un incontro di Shuai Jiao, il match è diviso in due round di tre minuti ciascuno (i match femminili durano due minuti). In caso di pareggio, viene aggiunto un terzo round di 90 secondi e, se necessario, un altro round di spareggio in cui chi segna il primo punto vince. Il vincitore è determinato dal punteggio. Se un fighter raggiunge un vantaggio di 6 punti, vince automaticamente il round.

Il sistema di punteggio prevede 3 punti per una proiezione perfetta in cui l’avversario atterra sulla schiena e chi proietta mantiene un perfetto equilibrio; 2 punti per una proiezione in cui entrambe le ginocchia, le mani, i gomiti o uno di ciascuno toccano il tappeto, con l’attaccante che rimane in piedi; 1 punto per una proiezione in cui una mano, un ginocchio o un gomito toccano il tappeto, o se l’avversario esce dal campo o se l’attaccante atterra su di lui.


Esiste inoltre un sistema di sei cinture (bianca, verde, verde-blu, blu di primo, secondo e terzo livello) prima di arrivare alla cintura nera. Dalla cintura nera in su si contano i gradi in base agli anni di pratica.

Vedi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Liam Harrison - Kombatnet

Liam Harrison

Nato il 5 ottobre 1985, Liam Harrison, soprannominato "The Hitman", è un campione di Muay Thai inglese che combatte nella categoria dei pesi welter. Quando si trova nel Regno Unito si allena con la Bad Company, mentre in Thailandia frequenta la Jitti Gym e lo Yokkao Training Center di Bangkok. Al 16 gennaio 2024 Harrison è al quinto posto nella classifica ONE di Muay Thai per la categoria dei pesi gallo. Nel corso della sua carriera ha ottenuto vittorie significative contro atleti del calibro di Muangthai P.K.Saenchai, Tetsuya Yamato, Malaipet Sasiprapa, Mehdi Zatout, Andrei Kulebin, Anuwat Kaewsamrit e Dzhabar Askerov. Leggi tutto l'articolo...
Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...