ring da combattimento boxe boxing kickboxing savate muay thai thai boxe - Kombatnet Wiki

Ring da combattimento

Ring da combattimento

Il ring da combattimento, chiamato normalmente ring da pugilato, ring da boxe o semplicemente “quadrato” è lo spazio dove avviene un match sportivo di discipline da combattimento a contatto pieno o leggero come pugilato, kickboxing, muay thai, savate.

Il termine “ring” viene dala passato quando i match si tenevano su un’area grezzamente delimitata da un cerchio disegnato a terra. La parola “ring” continuò ad essere usata con le London Prize Ring Rules nel 1743, questa volta utilizzandola per indicare un piccolo cerchio all’interno dello spazio da combattimento dove i pugili si incontravano all’inizio di ogni round.

Il primo ring quadrato fu introdotto dalla Società Pugilistica nel 1838: si trattava di un ring dal lato di 7.3 m (24 piedi) e delimitato da due corde, che nel corso del ventesimo secolo divennero prima tre e poi quattro. Più avanti venne utilizzato anche il termine “squared circle“. Il termine “sedia a bordo ring” risale attorno al 1860.


Il ring nel 900 - Kombatnet Wiki

Un ring moderno consiste di un quadrato rialzato delimitato da corde ricoperte da imbottitura tese tra angoli di metallo anch’essi imbottiti per la sicurezza degli atleti ed una pavimentazione più o meno elastica a seconda dei contesti.

Gli standard di ogni organizzazione competitiva cambiano di molto. Un ring “standard” è costituito da una struttura che va dai 4.9 ai 7.3 metri (ossia tra 16 e 24 piedi) per lato nella parte destinata al combattimento, con una aggiunta di circa 0.61 m (2 piedi) per la parte esterna alle corde. Le dimensioni dei ring alle olimpiadi si basano sulle regole della International Amateur Boxing Association che stabiliscono un lato di 6 metri. Le regole tecniche AIBA pubblicate sul sito della FPI (pagina 25) indicano un’area di combattimento di 610 cm ed una lunghezza totale del ring di 780 cm, con un’altezza di 1 metro dal pavimento.

Un ring normalmente possiede due angoli, di colore rosso e blu, che nei match dilettantistici di pugilato combaciano con il colore dell’abbigliamento e delle protezioni del fighter. La vittoria viene assegnata tipicamente per colore dell’angolo. Gli altri due angoli sono chiamati “angoli neutri“, sono di colore bianco e devono venire obbligatoriamente utilizzati dal combattente in attesa dell’esito di un intervento dell’arbitro sull’avversario (tipicamente, un conteggio). I combattenti possono tornare al loro angolo, assistiti dal proprio allenatore e dal proprio staff (come un cutman) solo alla fine del round.


Ring professionale da pugilato kickboxing muay thai thai boxe savate - Kombatnet Wiki

I match di altre combat sports correlate al pugilato sono normalmente tenuti su un ring: tuttavia le MMA si praticano prevalentemente in una gabbia, tipicamente ottagonale. Anche gli incontri di kickboxing si tengono su ring, salvo alcune federazioni ed alcuni contesti (dilettantistici e non) dove il match avviene su tatami. Per le combat sports che prevedono calci (dove quindi le tecniche e le combinazioni occupano mediamente più spazio) si tende a scegliere ring più grandi rispetto al pugilato, anche se non si tratta di una norma. La nuova disciplina e promotion Karate Combat utilizza uno spazio simile ad una fossa con i piani inclinati mentre discipline legate al Kung Fu come il Sanshou ed il Kuoshu vengono praticate sul Lei tai, una piattaforma rialzata senza corde.

Karate Combat arena - Il ring - Kombatnet Wiki

Lei Tai - Il Ring - Kombatnet Wiki

Le dimensioni del ring condizionano fortemente le tecniche e le strategie dei fighter, che possono utilizzare spazi più ampi per muoversi più agevolmente sfuggendo ai colpi avversari (tecnica usata da pugili come Floyd Mayweather Jr.) o al contrario trovarsi in difficoltà con avversari meno mobili.

L’altezza di un ring varia da 0.91 m a 1.22 m (da 3 a 4 piedi) dal suolo.


La pavimentazione del ring è composta da una imbottitura dello spessore di circa 25 mm (1 pollice) ricoperto da una tela tesa.

Le attuali quattro corde sono di circa 25 mm di diametro (1 pollice) ad altezze di 46 cm, 76 cm, 1.07 m e 1.37 m (18, 30, 42 e 54 pollici) dalla copertura, tese fino agli angoli che genericamente sono alti circa 1.5 m (5 piedi).  Spesso le corde sono tenute insieme da spaziatori che impediscono la loro estrema dilatazione.

La tensione delle corde è argomento ampiamente dibattuto e controllato dall’arbitro al momento dell’inizio del match. Oltre al pericolo di caduta fuori dal ring in caso di corde troppo lente c’è anche la possibilità di utilizzare le corde per sfuggire ai colpi avversari: Muhammad Ali ha reso nota (e forse inventato) la tecnica del “rope-a-dope”, nel suo match “Rumble in the Jungle” contro George Foreman a Kinshasa, Zaire, ad ottobre 1974.


Ali si appoggiava di schiena sulle corde schivando i colpi più pericolosi al viso e proteggendo il corpo con le braccia, obbligando Foreman a scoprirsi nel tentativo di allungarsi per raggiungere il suo volto. Con questa tecnica si assorbe notevolmente il colpo trasferendo l’impatto sulle corde elastiche. Manny Pacquiao ha usato la tecnica “rope-a-dope” nel suo match contro Miguel Cotto. Altri noti utilizzatori di questa tecnica sono Micky Ward e Floyd Mayweather Jr..

Molti fighter si appoggiano alle corde prima del match sia per testarne l’elasticità sia per allungare il torso: questo movimento è diventato un “marchio di fabbrica” del campione Giorgio Petrosyan.

Oltre alla classica struttura quadrata del ring esistono poi curiose recenti variazioni come il ring triangolare usato dalla promotion Triller in un match a regole miste tra un pugile ed un fighter di MMA.


Ring triangolare Triller MMA boxe - Kombatnet Wiki

Oltre ai fighter ed il loro staff sul ring sono spesso presenti un presentatore, attivo all’inizio ed alla fine del match, che presenta i combattenti e comunica l’esito del match al pubblico, e le ring girls, che hanno il compito di portare un cartellone con il numero del round camminando lungo i quattro lati per farlo vedere ai presenti.

Sul ring sono spesso presenti anche attività di intrattenimento “da palcoscenico”: sono note le esibizioni di cantanti e ballerini prima e tra i match di fighter noti al pubblico, soprattutto se su pay-per-view o in eventi molto pubblicizzati. La musica è presente anche all’entrata sul ring di molti fighter, che fanno il loro ingresso spesso con musiche che li contraddistinguano, in alcuni casi anche con costumi e scenografie degne di un set. Alcune entrate sul ring, come quelle di Naseem Hamed o quelle di Deontay Wilder sono passate alla storia per la loro spettacolarità.

Naseem Hamed entrata ring - Kombatnet Wiki

Alcuni fighter considerano di cattivo auspicio il passare tra le corde e si fanno aiutare per passarvici sopra dai loro assistenti.


Molto diverse dagli ingressi scenografici dei fighter occidentali sono invece le tradizionali danze rituali effettuate sul ring come la Wai Khru Ram Muay della Muay Thai, effettuate al ritmo di musica con strumenti etnici talvolta suonati dal vivo.

Ramon Dekkers Ram Muay Wai Khru - Kombatnet Blog

Leggi anche:

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Michelle Manu Lua Kapu Kuialua - Kombatnet Wiki

Lua (Kapu Kuialua)

Il Kapu Kuialua, chiamato anche Kapu Kuʻialua, Kuʻialua o Lua è un'antica arte marziale hawaiana basata sulla rottura delle ossa, leve articolari, proiezioni, pressioni e striking (calci, pugni, gomitate, ginocchiate). Comprende anche l’utilizzo di varie armi, analisi della strategia sul campo di battaglia, combattimento in mare aperto e uso delle armi da fuoco introdotte dagli europei. Leggi tutto l'articolo...
Trainer Gae Ajarn Gae Muay Thai Thailandia - Kombatnet Wiki

Trainer Gae

Suthat Muangmun, meglio noto come Trainer Gae (Ajarn Gae in thailandese)  è un noto allenatore thailandese di Muay Thai, conosciuto per aver preparato campioni da tutto il mondo, molti dei quali hanno vinto importanti cinture internazionali e mondiali. Tra i suoi allievi si annoverano nomi come Superbon, Marvin Vettori, Ramazan Ramazanov, Dzhabar Askerov, Madsua Lamai Gym. Suthat Muangmun è stato per sei anni l'head trainer e matchmaker per la Elite Boxing in Thailandia. Leggi tutto l'articolo...
Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...