gouging rough and tuble virginia combattimento cavare occhi - kombatnet wiki

Gouging (Rough-and-Tumble)

Gouging (Rough-and-Tumble)

Il Gouging (letteralmente “scriccatura“), chiamato anche Rough-and-tumble è stata una forma di combattimento diffusa nelle zone rurali degli Stati Uniti d’America principalmente nel diciottesimo e diciannovesimo secolo. La sua caratteristica principale era l’obiettivo di cavare l’occhio dell’avversario ma includeva anche altre tecniche brutali e deturpanti come i morsi. Veniva utilizzata tipicamente per sedare dispute.

Nel 1806 l’inglese Thomas Ashe scrisse un resoconto della sua visita a Wheeling, in Virginia, dove assistette a una lotta tra due operai che avrebbe ricordato per il resto della sua vita.

I due, uno del Kentucky e uno della Virginia, discutevano su chi avesse il cavallo migliore, un classico dibattito nelle periferie piene di alcolici delle piccole città. Non volendo accettare una divergenza di opinioni, gli uomini, insieme all’inglese Ashe e a gran parte della città, si avviarono su una pista per testare la velocità delle due bestie. Apparentemente la gara fu inconcludente, ma i due uomini, non volendo porre fine alla loro discussione, si sfidarono a duello decidendo di combattere secondo lo stile “tear and trend” (letteralmente “strappa e lacera“) al posto dello stile “leale“.


Ashe osservò con stupore l’uomo della Virginia gettare l’uomo del Kentucky a terra e, messosi sopra di lui (posizione “montada” delle MMA, NdT), afferrargli i capelli e infilare i pollici nelle orbite dell’uomo. L’uomo del Kentucky riuscì però a reagire e togliersi l’uomo della Virginia di dosso. Una volta sopra di lui, l’uomo del Kentucky si chinò e morse il naso dell’uomo della Virginia. Ma la lotta non era finita. L’uomo della Virginia riuscì a prendere il labbro inferiore del Kentuckian tra i denti strappandolo fino al mento, decretando la fine della lotta. L’uomo della Virginia, senza naso, è stato portato via vittorioso dalla folla mentre il suo avversario si dirigeva dal medico, gli occhi danneggiati dal tentativo di “scriccatura” ed il labbro inferiore strappato che gli cadeva intorno al mento.

Rough and Tumble in Georgetown - Kombatnet Wiki

Sebbene il gouging fosse comune negli anni ’30 del Settecento nelle colonie meridionali, la pratica stava diminuendo negli anni Quaranta dell’Ottocento, quando il coltello Bowie e il revolver avevano reso i duelli più letali. Sebbene non sia mai stato uno sport organizzato, i partecipanti a volte programmavano i loro combattimenti (come si potrebbe programmare un duello) e i vincitori venivano trattati come eroi locali.

Il gouging era essenzialmente un tipo di duello per difendere il proprio onore che era più comune tra i poveri, ed era particolarmente comune negli stati meridionali tra la fine del diciottesimo e l’inizio del diciannovesimo secolo.


Quando nasceva una controversia i combattenti potevano accettare di combattere “leale“, che significa secondo le regole di Broughton, o “rough-and-tumble“.

Secondo Elliott Gorn questi termini hanno rimpiazzato il termine “boxing” in questi contesti.

In questi scontri era possibile venire brutalmente sfigurati alle orecchie, al naso, alle dita, labbra o genitali. Sempre secondo Gorn:


L’enfasi sulla massima deturpazione, sul taglio delle parti del corpo, ha reso unico questo stile di combattimento. In mezzo al caos generale, tuttavia, cavare l’occhio a un avversario è diventata la contitio sine qua non di questi combattimenti violenti, proprio come il KO nella boxe moderna. I migliori “cavatori”, ovviamente, erano abili in altre abilità di combattimento. Alcuni pare abbiano addirittura limato i denti per mordere le appendici di un nemico in modo più efficiente. Tuttavia lo svuotare un bulbo oculare è diventato rapidamente la strada più sicura per un combattente verso la vittoria e il suo risultato più prestigioso. (Elliott Gorn, 1985)

Questa pratica di combattimento si diffuse almeno fino all’estremo ovest del Missouri rurale, dove secondo le fonti “un combattente particolarmente abile poteva strappare i bulbi oculari del suo avversario dalle orbite con una buona spinta dei pollici“. Questa deturpazione sarebbe diventata in seguito un segno visibile di disonore. Sebbene la pratica fosse diffusa, secondo Gorn era “tipica delle zone rurali ed isolate“.

Nel gouging non esistevano regole: i combattenti potevano calciare a terra l’avversario, colpirlo all’inguine, addirittura graffiarsi con unghie affilate per l’occasione che spesso venivano rivestite di cera.

L’unica regola era l’assenza di armi, almeno fino a poco prima della metà dell’ottocento: i combattenti usavano solo il loro corpo in questi brutali confronti, di fronte ad una folla urlante che li incitava.


Violenza tra poveri e schiavi in Carolina - Kombatnet Wiki

“Slave-Poor White Violence in the Antebellum Carolinas” By Jeff Forret The North Carolina Historical Review Vol. 81, No. 2 (APRIL 2004), pp. 139-167 (Page 143)

Il diario del 1974 di tal Philip Vickers Fithian, un insegnante del New Jersey che lavorava per una famiglia aristocratica in Virginia, descrive con orrore un combattimento tra quattro uomini per futili motivi, iniziato come un incontro di pugilato e poi degenerato nel tipico “rough-and-tumble”.

I partecipanti erano tipicamente cacciatori, trappers, stivatori, vagabondi, manovali e agricoltori, ed in genere tutti facevano parte di una popolazione rurale non istruita. Tuttavia, sebbene i “gougers” possano essere stati tradizionalmente uomini di “classe inferiore“, a volte uomini delle classi superiori si dedicavano a questi combattimenti, anche se non sempre per scelta.

È riportato almeno un caso di un popolano che, avendo insultato un medico and essendo stato sfidato da questi a duello, abbia repentinamente attaccato il dottore cavandogli l’occhio e lasciandolo basito con l’occhio penzolante sulla guancia. Non pago, il popolano sembra abbia addirittura strappato l’occhio del malcapitato, per conservarlo come “premio“.


Anche l’eroe americano Davy Crockett pare abbia partecipato a questi combattimenti, raccontando di aver quasi cavato un occhio ad un avversario:

Gli ho spinto il pollice nell’occhio, stavo per ruotarlo e strappargli il bulbo, come l’uva spina in un cucchiaio.

Anche nell’Ohio certe pratiche erano note: lo storico Richard Dorson definisce lo stile di vita dei boscaioli dell’Ohio come guidato dal “Codice del boscaiolo“, stile di vita dove “bere, trattare gli amici, cercare il piacere impulsivo, lavoro eroico e combattimenti feroci” costituivano le pratiche che, prevedevano, nei confronti fisici, anche il mordere il altro naso dell’uomo.

Un documento dell’Assemblea della Virginia nel 1752 inizia osservando che “molti malviventi hanno recentemente, in modo perfido e barbaro, mutilato, ferito e deturpato molti dei sudditi di sua maestà”, di conseguenza viene definito reato nello specifico il “tagliare un occhio, tagliare il naso, mordere o tagliare un naso o un labbro“, tra le altre offese.


L’Assemblea ha continuato a modificare l’atto nel 1772 per chiarire che ciò includeva “tagliare, strappare o cavare un occhio“. Casi giudiziari e sentenze legali in Tennessee, Carolina del Sud e Arkansas forniscono ampie prove della storia di questo tipo di combattimento.

Sebbene la leggenda a volte amplifichi la brutalità di questi combattimenti, Gorn sottolinea la realtà storica di questi eventi:

I viaggiatori stranieri potrebbero esagerare e i narratori locali abbellire, ma l’elemento più trascurato sui combattimenti dove venivano cavati gli occhi è la loro realtà.

Con l’avanzare dell’educazione e del decoro, certi cruenti metodi di confronto fisico sono stati abbandonati in favore di metodi più ci vili di risoluzione delle dispute. Tuttavia alcune discussioni animate potevano sfociare, anche tra nobiluomini, in sporadici ritorni al “rough-and-tumble“: è noto come il senatore statunitense James Jackson (1790–1871) abbia morso il dito di Robert Watkins, un politico di Savannah che in una discussione degenerata si avventò su di lui e tentò di cavargli un occhio.


Fonti:

Leggi anche:

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...