Stevie Ray dalla UFC alla depressione la povertà ed il ritorno alle MMA fino al premio milionario in PFL - Kombatnet News

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

Steven Ray, classe 1990, ha raccontato la sua lunga battaglia contro la depressione dal momento in cui ha appeso i guanti UFC al chiodo fino alla finale della Professional Fighters League con in palio un premio da 1 milione di dollari.

L’ex star dell’UFC ha sconfitto l’ex campione del mondo Anthony Pettis per la seconda volta in sei settimane venerdì 5 agosto 2022 all’HULU Theatre del Madison Square Garden guadagnandosi così l’accesso alla finale della Professional Fighters League, dove affronterà il canadese Olivier Aubin-Mercier in un match con in palio una borsa dalle sette cifre.

Si tratta del quarto match in pochi mesi che ha consentito al fighter di risolvere ampiamente i suoi problemi economici.



Questi successi non sono arrivati con facilità e senza fatica: infatti nel 2020, all’apice della sua carriera, un bollettino medico arrivato come una doccia fredda avrebbe bruscamente interrotto la sua ascesa. Il cronicizzarsi dei problemi al ginocchio avevano infatti spinto numerosi specialisti ad intimargli di interrompere la sua attività sportiva e ritirarsi dalle MMA.

Il fighter ha quindi spiegato come abbia dovuto combattere contro la depressione ed il gioco d’azzardo quando ha preso la dura decisione di ritirarsi prematuramente dalle MMA.

Solo poche settimane prima Ray aveva battuto il veterano Michael Johnson nella sua più grande vittoria fino a quel momento ma il sommarsi dei problemi fisiologici ad alcuni problemi burocratici con il suo visto hanno portato Ray ad interrompere improvvisamente la sua carriera.



Tuttavia in cuor suo sapeva che quella decisione non corrispondeva a quello che realmente voleva ed quindi ha continuato a competere in competizioni di grappling prima di firmare nuovamente con una promotion di MMA, la PFL. E adesso gli manca solo una vittoria per cambiare per sempre la sua vita e quella della sua famiglia.

“Si potrebbe pensare che, avendo appena battuto Anthony Pettis per ben due volte in sei settimane, questo sia il massimo che possa accadere nella mia carriera”, ha spiegato Ray dopo il combattimento. “Ma ad essere onesto c’è di più ed ho un po’ di cose da raccontare riguardo ciò che mi è successo due anni e mezzo fa.”


“Ho vinto il più grande incontro della mia carriera fino a quel momento, battendo Michael Johnson a Singapore e ho subito firmato un nuovo contratto di quattro incontri con l’UFC. Tuttavia, subito dopo, la mia carriera è crollata quando mi è stato detto da un dottore che non avrei mai potuto combattere di nuovo e sono stato di conseguenza licenziato dall’UFC senza poter fare quei quattro match.


“Ho dedicato 12 anni della mia vita cercando di arrivare in cima allo sport per provvedere alla mia famiglia, quindi potete immaginare come mi sia sentito in quel momento”.

In quel periodo, Stevie Ray ha dovuto passare attraverso un abisso di depressione, non avendo a disposizione altre possibili entrate per far fronte alle esigenze della sua famiglia.

“La mia macchina si rompeva perché non ne potevo comprare una decente e mi sarebbero servite 500 sterline che non avevo per metterla a posto. Poiché non avevo soldi giocavo d’azzardo cercando di farne un po’ di più. E li perdevo tutti”.



Nel 2019, in seguito alla tragica morte per suicidio del pugile Connor Law di soli 26 anni, afflitto da problemi di depressione, ha rilasciato un toccante video dove affrontava i problemi mentali ai quali una persona può andare incontro.

Aspettando la nascita del suo terzo bambino, disperatamente a corto di denaro, Stevie Ray è stato sull’orlo del lastrico per molto tempo.

“Mi è stato offerto un altro match ma non avevo un visto per gli Stati Uniti all’epoca e non sarei riuscito ad ottenerlo, e questo era ovviamente un problema. Ho dimostrato in seguito che si trattava di un errore, un problema nel sistema, anche perché ora ho un visto per gli USA di quattro anni ma all’epoca… non mentirò, ho pianto un po’ quando mi è stato detto che la mia carriera era finita”.


“La quantità di sacrifici che ho dovuto fare: ho quattro figli, ho una moglie, ho un mutuo, molte cose stanno succedendo. Non mi è più permesso di fare il pompiere. Cosa posso fare della mia vita? Sono bravo solo a combattere, non sono davvero bravo in molto altro perché mi sono dedicato così tanto al combattimento che è l’unica cosa che so fare”.


Ma toccato il fondo, passata la pandemia di Covid-19 e ripresi i match in tutto il pianeta, Ray ha affrontato sé stesso, ha preso il coraggio a due mani ed ha deciso di tornare a combattere, sia contro gli avversari in gabbia che contro i suoi problemi fisici e contro la depressione. Inizialmente ha deciso di combattere solamente nel grappling.

Inizialmente, anche dopo aver deciso che sarebbe tornato, Ray non era sicuro se sarebbe tornato o meno a combattere ad alti livelli. Si è allenato duramente nella palestra Higher Level Mixed Martial Arts, facendo il pendolare da Whitburn a Fife ogni giorno per raggiungere la sua forma attuale.


Stevie Ray fighter MMA scozzese - Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo  - Kombatnet News
Stevie Ray fighter MMA scozzese – Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo

È così riuscito a superare i suoi problemi al ginocchio ed alla fine è tornato in gabbia, risorgendo da un periodo buio della sua vita per guadagnarsi un posto negli spareggi sottomettendo Pettis. E ora è in finale dopo aver battuto ancora una volta l’americano ai punti sui tre round.

“Non è solo questo quello che ho fatto”, ha detto Ray riferendosi alle vittorie. “E’ quello che ho dovuto superare nei due anni e mezzo per poi tornare in gabbia”.

“Ed eccomi qui, ho appena combattuto tre volte in quattro mesi e ora sono a un passo dal milione di dollari e dalla vittoria del titolo mondiale. Gli ultimi tre anni della mia vita sono stati come delle montagne russe”.


Contro tutte le aspettative, lottando contro ogni avversità che la vita gli ha messo contro, Ray è tornato in grande stile ed ora è a solo una vittoria di distanza dalla vittoria che potrebbe cambiargli la vita: un esempio di forza d’animo da imitare.

In questo, lo scozzese ha già vinto.


Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...
Andy Hug karate kickboxing kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Andy Hug

Andreas "Andy" Hug è stato un karateka e kickboxer svizzero, considerato uno dei più grandi pesi massimi di sempre. Hug era rinomato per la sua abilità ed agilità nel calciare, difficilmente riscontrabile nei pesi massimi ad alti livelli. Ha affrontato numerose volte degli avversari molto più pesanti e alti di lui: con un peso di poco meno di un quintale ed alto "solo" 1.80 m ha sopperito con velocità e preparazione atletica alla massa mancante. Andy Hug era mancino e questo spesso causava problemi ai suoi avversari, che subivano uno dei suoi tipici calci ad ascia, tra i quali si ricorda il suo marchio di fabbrica chiamato "Hug Tornado" che consisteva in un calcio girato basso dove il tallone colpiva la coscia. Leggi tutto l'articolo...
Ippon Judo Karate Jiujitsu Kendo Kumite - Kombatnet Wiki

Ippon

Ippon (一本, letteralmente "Un punto pieno") è il punteggio più alto che un combattente possa ottenere nei contest di arti marziali giapponesi basate sul punteggio (Ippon/Waza-ari), solitamente Kendo, Judo, Karate o Jiujitsu. Nello Judo, un Ippon può essere ottenuto per un atterramento perfetto o per l'immobilizzazione a terra con o senza sottomissione. Per le proiezioni, i quattro criteri per garantire un Ippon sono forza, velocità, atterramento sulla schiena e controllo tecnico del movimento fino all'atterraggio. Leggi tutto l'articolo...
Il Gouren lotta tradizionale bretone - Kombatnet Wiki

Gouren

Il Gouren è uno stile di lotta popolare francese molto diffuso in Bretagna soprattutto all'inizio del ventesimo secolo e che gode oggi di un revival internazionale. Oggi il Gouren è presieduto dalla Fédération de Gouren che ha un accordo con la Fédération Française de Lutte (French Wrestling Federation): viene inoltre praticato in incontri internazionali organizzati dalla FILC (Fédération Internationale des Luttes Celtiques) in Cornovaglia, in Scozia ed in New Orleans (USA). In Francia è possibile ottenere tramite la Federazione Gouren un Diploma Statale per facilitatori sportivi e dal 1998 è consentito portare il Gouren come disciplina facoltativa al diploma di maturità. Leggi tutto l'articolo...
Sherlock Holmes Bartitsu arte marziale autodifesa Barton-Wright - Kombatnet Wiki

Bartitsu

Il Bartitsu è un metodo di autodifesa ed arte marziale sviluppato in Inghilterra tra il 1898 ed il 1902 che combina elementi di pugilato, Jujutsu, combattimento con il bastone e Savate (boxe francese). Nel 1903 è stata resa nota come "Baritsu" da Sir Arthur Conan Doyle, autore dei racconti su Sherlock Holmes. Sostanzialmente scomparsa lungo tutto il ventesimo secolo, il Bartitsu sta conoscendo un revival dal 2001 circa. Nel 1898, Edward William Barton-Wright, un ingegnere inglese che aveva trascorso i tre anni precedenti in Giappone, tornò in Inghilterra e annunciò la creazione di una "Nuova Arte dell'Autodifesa". Questa arte, sosteneva, combinava i migliori elementi di una gamma di stili di combattimento in un insieme unificato, da lui chiamato Bartitsu. Leggi tutto l'articolo...
Young Corbett III Ralph Giordano Raffale Giordano - Kombatnet Wiki

Young Corbett III

Ralph Giordano (nato Raffaele Giordano, 27 maggio 1905 - 15 luglio 1993), meglio conosciuto come Young Corbett III, fu un pugile italo-americano che conquistò la cintura di campione del mondo dei pesi welter nel 1933 e divenne campione del mondo dei pesi medi NYSAC nel 1938. Mancino, non aveva "il colpo del KO" ma era noto per la sua grande velocità e determinazione sul ring. Corbett è considerato uno dei più grandi mancini di tutta la storia del pugilato ed uno dei più grandi "counterpunchers". Verrà inserito nella Fresno County Athletic Hall of Fame nel 1959, nella Italian American Sports Hall of Fame nel 1982 e nella International Boxing Hall of Fame nel 2004. Leggi tutto l'articolo...
Irma Testa pugilato femminile italiano Italia boxe campionessa Olimpiadi europei - Kombatnet Wiki

Irma Testa

Irma Testa è una campionessa di pugilato italiana di Torre Annunziata, Napoli, che combatte nei pesi leggeri. Soprannominata "Butterfly" per la sua agilità ed eleganza in combattimento, è stata la prima atleta italiana a partecipare ad un'Olimpiade nel pugilato ai Giochi di Rio de Janeiro 2016, e la prima a guadagnare una medaglia nel pugilato femminile aggiudicandosi il bronzo ai Giochi di Tokyo 2020. È stata campionessa europea 2019 nei pesi piuma. Irma Testa è considerata tra le pugili under 20 più forti del mondo. Leggi tutto l'articolo...