Stevie Ray dalla UFC alla depressione la povertà ed il ritorno alle MMA fino al premio milionario in PFL - Kombatnet News

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Stevie Ray: dalla UFC, alla depressione, la povertà ed il ritorno alle MMA, fino al premio milionario in PFL

Steven Ray, classe 1990, ha raccontato la sua lunga battaglia contro la depressione dal momento in cui ha appeso i guanti UFC al chiodo fino alla finale della Professional Fighters League con in palio un premio da 1 milione di dollari.

L’ex star dell’UFC ha sconfitto l’ex campione del mondo Anthony Pettis per la seconda volta in sei settimane venerdì 5 agosto 2022 all’HULU Theatre del Madison Square Garden guadagnandosi così l’accesso alla finale della Professional Fighters League, dove affronterà il canadese Olivier Aubin-Mercier in un match con in palio una borsa dalle sette cifre.

Si tratta del quarto match in pochi mesi che ha consentito al fighter di risolvere ampiamente i suoi problemi economici.


Questi successi non sono arrivati con facilità e senza fatica: infatti nel 2020, all’apice della sua carriera, un bollettino medico arrivato come una doccia fredda avrebbe bruscamente interrotto la sua ascesa. Il cronicizzarsi dei problemi al ginocchio avevano infatti spinto numerosi specialisti ad intimargli di interrompere la sua attività sportiva e ritirarsi dalle MMA.

Il fighter ha quindi spiegato come abbia dovuto combattere contro la depressione ed il gioco d’azzardo quando ha preso la dura decisione di ritirarsi prematuramente dalle MMA.

Solo poche settimane prima Ray aveva battuto il veterano Michael Johnson nella sua più grande vittoria fino a quel momento ma il sommarsi dei problemi fisiologici ad alcuni problemi burocratici con il suo visto hanno portato Ray ad interrompere improvvisamente la sua carriera.


Tuttavia in cuor suo sapeva che quella decisione non corrispondeva a quello che realmente voleva ed quindi ha continuato a competere in competizioni di grappling prima di firmare nuovamente con una promotion di MMA, la PFL. E adesso gli manca solo una vittoria per cambiare per sempre la sua vita e quella della sua famiglia.

“Si potrebbe pensare che, avendo appena battuto Anthony Pettis per ben due volte in sei settimane, questo sia il massimo che possa accadere nella mia carriera”, ha spiegato Ray dopo il combattimento. “Ma ad essere onesto c’è di più ed ho un po’ di cose da raccontare riguardo ciò che mi è successo due anni e mezzo fa.”

“Ho vinto il più grande incontro della mia carriera fino a quel momento, battendo Michael Johnson a Singapore e ho subito firmato un nuovo contratto di quattro incontri con l’UFC. Tuttavia, subito dopo, la mia carriera è crollata quando mi è stato detto da un dottore che non avrei mai potuto combattere di nuovo e sono stato di conseguenza licenziato dall’UFC senza poter fare quei quattro match.


“Ho dedicato 12 anni della mia vita cercando di arrivare in cima allo sport per provvedere alla mia famiglia, quindi potete immaginare come mi sia sentito in quel momento”.

In quel periodo, Stevie Ray ha dovuto passare attraverso un abisso di depressione, non avendo a disposizione altre possibili entrate per far fronte alle esigenze della sua famiglia.

“La mia macchina si rompeva perché non ne potevo comprare una decente e mi sarebbero servite 500 sterline che non avevo per metterla a posto. Poiché non avevo soldi giocavo d’azzardo cercando di farne un po’ di più. E li perdevo tutti”.


Nel 2019, in seguito alla tragica morte per suicidio del pugile Connor Law di soli 26 anni, afflitto da problemi di depressione, ha rilasciato un toccante video dove affrontava i problemi mentali ai quali una persona può andare incontro.

Aspettando la nascita del suo terzo bambino, disperatamente a corto di denaro, Stevie Ray è stato sull’orlo del lastrico per molto tempo.

“Mi è stato offerto un altro match ma non avevo un visto per gli Stati Uniti all’epoca e non sarei riuscito ad ottenerlo, e questo era ovviamente un problema. Ho dimostrato in seguito che si trattava di un errore, un problema nel sistema, anche perché ora ho un visto per gli USA di quattro anni ma all’epoca… non mentirò, ho pianto un po’ quando mi è stato detto che la mia carriera era finita”.


“La quantità di sacrifici che ho dovuto fare: ho quattro figli, ho una moglie, ho un mutuo, molte cose stanno succedendo. Non mi è più permesso di fare il pompiere. Cosa posso fare della mia vita? Sono bravo solo a combattere, non sono davvero bravo in molto altro perché mi sono dedicato così tanto al combattimento che è l’unica cosa che so fare”.

Ma toccato il fondo, passata la pandemia di Covid-19 e ripresi i match in tutto il pianeta, Ray ha affrontato sé stesso, ha preso il coraggio a due mani ed ha deciso di tornare a combattere, sia contro gli avversari in gabbia che contro i suoi problemi fisici e contro la depressione. Inizialmente ha deciso di combattere solamente nel grappling.

Inizialmente, anche dopo aver deciso che sarebbe tornato, Ray non era sicuro se sarebbe tornato o meno a combattere ad alti livelli. Si è allenato duramente nella palestra Higher Level Mixed Martial Arts, facendo il pendolare da Whitburn a Fife ogni giorno per raggiungere la sua forma attuale.


Stevie Ray fighter MMA scozzese - Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo  - Kombatnet News
Stevie Ray fighter MMA scozzese – Dalla UFC alla povertà e la depressione alla rinascita ed il successo

È così riuscito a superare i suoi problemi al ginocchio ed alla fine è tornato in gabbia, risorgendo da un periodo buio della sua vita per guadagnarsi un posto negli spareggi sottomettendo Pettis. E ora è in finale dopo aver battuto ancora una volta l’americano ai punti sui tre round.

“Non è solo questo quello che ho fatto”, ha detto Ray riferendosi alle vittorie. “E’ quello che ho dovuto superare nei due anni e mezzo per poi tornare in gabbia”.

“Ed eccomi qui, ho appena combattuto tre volte in quattro mesi e ora sono a un passo dal milione di dollari e dalla vittoria del titolo mondiale. Gli ultimi tre anni della mia vita sono stati come delle montagne russe”.


Contro tutte le aspettative, lottando contro ogni avversità che la vita gli ha messo contro, Ray è tornato in grande stile ed ora è a solo una vittoria di distanza dalla vittoria che potrebbe cambiargli la vita: un esempio di forza d’animo da imitare.

In questo, lo scozzese ha già vinto.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Chi è Ryan Garcia - Kombatnet Wiki

Ryan Garcia

Ryan Garcia è un pugile americano, già detentore del titolo WBC Interim dei pesi leggeri nel 2021. A maggio 2022 era considerato il sesto miglior pugile al mondo tra i pugili attivi nei pesi leggeri dalla rivista The Ring, dalla Transnational Boxing Rankings Board and ESPN, mentre BoxRec lo considerava il decimo. Leggi tutto l'articolo...
Waza-ari Judo Karate punteggio scoring Ippon - Kombatnet

Waza-ari

Il Waza-ari (in giapponese 技あり) è il secondo punteggio più alto che un fighter possa ottenere nelle arti marziali giapponesi basate su ippon o waza-ari, tipicamente Judo, Karate o JuJutsu. Leggi tutto l'articolo...
Michelle Manu Lua Kapu Kuialua - Kombatnet Wiki

Lua (Kapu Kuialua)

Il Kapu Kuialua, chiamato anche Kapu Kuʻialua, Kuʻialua o Lua è un'antica arte marziale hawaiana basata sulla rottura delle ossa, leve articolari, proiezioni, pressioni e striking (calci, pugni, gomitate, ginocchiate). Comprende anche l’utilizzo di varie armi, analisi della strategia sul campo di battaglia, combattimento in mare aperto e uso delle armi da fuoco introdotte dagli europei. Leggi tutto l'articolo...
Trainer Gae Ajarn Gae Muay Thai Thailandia - Kombatnet Wiki

Trainer Gae

Suthat Muangmun, meglio noto come Trainer Gae (Ajarn Gae in thailandese)  è un noto allenatore thailandese di Muay Thai, conosciuto per aver preparato campioni da tutto il mondo, molti dei quali hanno vinto importanti cinture internazionali e mondiali. Tra i suoi allievi si annoverano nomi come Superbon, Marvin Vettori, Ramazan Ramazanov, Dzhabar Askerov, Madsua Lamai Gym. Suthat Muangmun è stato per sei anni l'head trainer e matchmaker per la Elite Boxing in Thailandia. Leggi tutto l'articolo...
Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...