Mike Tyson vs Jake Paul sale l'hype tra critiche e dubbi

Mike Tyson vs Jake Paul: sale l’hype, tra critiche e dubbi per il controverso match di pugilato

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Mike Tyson vs Jake Paul: sale l’hype, tra critiche e dubbi per il controverso match di pugilato

Mike Tyson sta pubblicando video dei suoi allenamenti in preparazione per il combattimento contro Jake Paul e pare in formissima: dalle immagini sui social, parrebbe che Paul non abbia scampo. Tuttavia secondo alcune voci questi video non rifletterebbero la reale condizione fisica dell’ex campione dei pesi massimi di pugilato ed in molti sono preoccupati per la sua salute.

Il 20 luglio 2024 Mike Tyson, 58 anni, e Jake Paul, 27 anni, si affronteranno sul ring all’AT&T Stadium di Arlington, Texas in un incontro trasmesso da Netflix, in un match-evento che fa drizzare i peli sulla nuca agli appassionati della nobile arte: nondimeno, si tratta di un evento che sta già generando una quantità incredibile di hype e probabilmente, grazie anche al supporto della nota piattaforma di streaming, consentirà a entrambi di guadagnare cifre stratosferiche.

Incredibilmente il match potrebbe essere autorizzato come professionale: la Texas Commission avrà l’ultima parola sulla faccenda. Il mondo della boxe si aspetta una esibizione, presumibilmente con un verdetto scontato (pari): ma se si trattasse di un match professionistico le possibilità di KO e di un combattimento duro sarebbero notevolmente aumentate.


È pazzesco pensare che nel mio secondo incontro da professionista sono diventato virale per aver eliminato Nate Robinson nell’undercard di Mike Tyson” ha detto Jake Paul. “Ora, meno di quattro anni dopo, mi faccio avanti per affrontare Tyson in persona. Il mio obiettivo è diventare un campione del mondo e ora ho la possibilità di mettermi alla prova contro il più grande campione dei pesi massimi di sempre, l’uomo più cattivo del pianeta“.

I bookmakers danno Paul nettamente favorito, ma alcune simulazioni al computer mostrano Tyson vincente: nonostante i dubbi legati all’età, la potenza e la ferocia di Tyson non sono ancora motivo di discussione.

Iron Mike, dopo il grande exploit degli anni ’90 dove era considerato imbattibile e terrorizzava i ring di tutto il mondo, ha conosciuto la caduta con la galera e gli eccessi, per poi rinascere umanamente e come businessman tra controversie e racconti del tempo che fu, complice anche un po’ di saggezza dovuta all’età, che unita alla barba bianca contribuisce a rigenerarne l’immagine pubblica.


All’epoca Mike Tyson ha ammassato una fortuna pari a quasi 430 milioni dell’epoca, paragonabili a 700 milioni di dollari odierni aggiustati all’inflazione, per poi finire in bancarotta e ricostruire il suo patrimonio grazie a sponsorizzazioni e partecipazioni ad eventi. Secondo alcune voci il suo patrimonio attuale ammonta a una decina di milioni di dollari: cifra che sicuramente impallidisce rispetto a quelle dei tempi che furono, ma comunque di tutto rispetto. Secondo alcune indiscrezioni Tyson dovrebbe guadagnare circa 20 milioni da questo incontro mentre non è ancora chiara la cifra che potrebbe prendere Paul.

Nonostante le critiche per la grande differenza d’età, Tyson sembra ancora in ottima forma nei reel pubblicati su Instagram: tuttavia qualcuno, come l’ex fighter UFC Chael Sonnen, sostiene che questi video siano “manipolati” e Tyson abbia fatto solo finta di allenarsi, usando acqua per simulare il sudore e tenendosi “fresco” per le riprese di poche azioni esplosive.

Potrà Jake Paul, relativamente nuovo al mondo del pugilato, confrontarsi dall’alto dei suoi 185 cm ed i suoi 75 kg, far valere la freschezza dei suoi 27 anni e non soccombere sotto i colpi dell’ex “uomo più cattivo del pianeta“?


Mike Tyson è alto 178 cm e pesa quasi un quintale (di muscoli) e dalla sua ha ferocia, tecnica, conoscenza del quadrato, esperienza da vendere. Di contro, a 58 anni, nonostante la genetica sia dalla sua parte, le chances di imporsi su un avversario più giovane si riducono notevolmente.

E compare anche la voce di un luminare a mettere in guardia Tyson. Stephen Hughes, docente di medicina della Anglia Ruskin University di Chelmsford (Inghilterra), tenta pubblicamente di farlo desistere dall’impresa:

Se a 58 anni accettassi un incontro di boxe con una persona che ha la metà dei miei anni, susciterei molto allarme. Le mie figlie sarebbero scoppiate in lacrime, la mia compagna avrebbe detto parole forti e i miei studenti avrebbero avuto la conferma definitiva che avevo perso la testa. (…) Ricevere colpi ripetuti al corpo può stancare un pugile, e un gancio ben mirato al fegato può causare un ‘knockout tecnico’, ma l’obiettivo principale è la testa. (…) I pugili sono sempre alla ricerca del colpo del KO e questo accade solo se colpisci la testa. Tuttavia la testa subisce molti colpi violenti prima di arrivare ad un KO, sempre che venga ottenuto. Molti pugili riescono a combattere fino alla fine, si può durare da quattro a dodici round, ciascuno della durata di tre minuti. Allora quali sono i potenziali effetti di tutto questo trauma cranico?“.


Nakisa Bidarian della Most Valuable Promotions, business partner di Jake Paul, ha confermato che i due pugili non combatteranno con il caschetto.

Gli effetti immediati possono essere minimi” continua Hughes, “il pugile potrebbe semplicemente riprendersi. Ma in alcune occasioni gli effetti possono essere devastanti: può verificarsi un ematoma subdurale. In questa condizione le forze di taglio causano la rottura delle vene a ponte tra il cervello e i vasi sanguigni all’interno delle meningi. Il sanguinamento da queste vene lacerate provoca un grumo di sangue che preme sul cervello. Questo causa confusione, perdita di coscienza, disabilità neurologica e, in alcuni casi, morte“.

Nelle persone anziane, il cervello tende a perdere volume. Questo allunga le vene a ponte e le rende più vulnerabili alla rottura. È noto inoltre che l’alcolismo accelera il restringimento del cervello e sembra che Tyson abbia questo fattore di rischio in passato. Ricordo un mio paziente, un pugile che aveva subìto un ematoma subdurale e soffriva di disabilità fisica e di una terribile depressione. Questi erano effetti permanenti devastanti” prosegue il luminare. “Le forze di taglio sul cervello causano lesioni ai neuroni, ovvero le cellule cerebrali. Le fibre nervose possono essere danneggiate e questo può portare a effetti che possono essere piuttosto significativi. Questo cosiddetto ‘danno assonale diffuso’ è cumulativo nel tempo e può portare alla perdita precoce della funzione cognitiva. Questo è noto come demenza pugilistica o encefalopatia traumatica cronica (CTE)“.


Jake Paul e Mike Tyson - Kombatnet
Jake Paul e Mike Tyson – Kombatnet

I fan irriducibili di Tyson non vedono come il loro mito, idolo di almeno tre generazioni and icona intramontabile della nobile arte negli anni ’80 e ’90, possa essere battuto da uno Youtuber: la cosa viene considerata da loro impossibile and inaccettabile.

Comunque vada, speriamo di vedere un match di qualità (cosa abbastanza improbabile) e speriamo che nessuno si faccia male sul serio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...