La fine di Deontay Wilder Zhang vince per KO al quinto round - Kombatnet

La fine di Deontay Wilder: Zhang vince per KO al quinto round

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

La fine di Deontay Wilder: Zhang vince per KO al quinto round

Finale drammatico di match e forse di carriera per Deontay Wilder a Riyadh: Zhilei Zhang ha abbattuto uno stanco “The Bronze Bomber” con un terribile destro, mandandolo al tappeto al quinto round. Il cinese ha segnato un’altra importante tappa nella sua carriera, probabilmente concludendo quella di Wilder nel main event, senza titoli in palio ma carico di implicazioni per entrambi i pugili.

Il 1° giugno 2024, nella cornice suggestiva della Kingdom Arena di Riyadh, ormai meta fondamentale del pugilato professionistico a livello mondiale, si è tenuto l’atteso match tra “The Bronze BomberDeontay Wilder e “Big BangZhilei Zhang, organizzato in collaborazione tra le promotion Queensberry e Matchroom.

Il primo round è stato caratterizzato da un inizio prudente da parte di entrambi i pugili. Wilder ha lavorato di rimessa, cercando di trovare l’apertura giusta, mentre Zhang ha tentato di colpire con un potente sinistro che però non è andato a segno.


Il destro di Deontay Wilder contro Zhang - Kombatnet
Il destro di Deontay Wilder contro Zhang – Kombatnet

Nel secondo round Zhang ha iniziato a mettere pressione su Wilder, spingendolo contro le corde e andando a segno con una serie di power punches. Wilder ha mostrato meno aggressività rispetto ai suoi giorni migliori, apparendo quasi timoroso nel lasciare andare il suo destro micidiale.

Il terzo round ha visto Zhang continuare a dominare. Wilder, visibilmente scosso da un gancio sinistro di Zhang, ha cercato di reagire ma senza successo. Zhang ha mantenuto il controllo, costringendo l’avversario a difendersi sulle corde.

Nel quarto round Zhang ha continuato a inseguire Wilder, che sembrava sempre più in difficoltà. Nonostante qualche sporadico tentativo di colpire con il destro, Wilder non è riuscito a trovare il ritmo giusto per ribaltare la situazione.


Il destro di Zhang che ha abbattuto Wilder - Kombatnet
Il destro di Zhang che ha abbattuto Wilder – Kombatnet

Il quinto round ha visto un breve momento di risveglio da parte di Wilder, che ha tentato un paio di colpi destri potenti. Tuttavia questa offensiva ha creato aperture per Zhang, che ha sfruttato l’occasione per colpire Wilder con un gancio destro preciso, mandandolo al tappeto.

Deontay Wilder al tappeto contro Zhang - Kombatnet
Deontay Wilder al tappeto contro Zhang – Kombatnet

Wilder si è rialzato, ma era visibilmente scosso e l’arbitro ha deciso di interrompere il combattimento al minuto 1:51, decretando la vittoria per KO tecnico di Zhang.

Zhilei Zhang ha dimostrato una grande capacità di gestione del combattimento, utilizzando la sua superiorità fisica e tecnica per sconfiggere uno degli (ex?) avversari più potenti della categoria. Per Wilder questo incontro potrebbe segnare la fine di una carriera costellata di grandi successi ma anche di controversie e recenti difficoltà.


Questo potrebbe essere l’ultimo addio, il commiato di Deontay Wilder” ha detto lui stesso prima del match.

Quando ho perso contro (Joseph) Parker, lui è stato il migliore quella notte, ma ho imparato molto da quel combattimento. Ho sottovalutato Parker, finché suona la campana devo rimanere concentrato“​​ ha dichiarato invece il pugile cinese.

Zhang ha comunque lodato l’avversario: “Ho tolto con successo il destro a Wilder. Ho bloccato alcuni pugni ma accidenti se colpisce forte, è un pugile pesante“​​.


Lo scrittore ed esperto di pugilato Marco Nicolini ha scritto sulla sua seguitissima pagina Facebook: “Ricorderò Deontay Wilder come un pugile tatticamente e tecnicamente basico e ripetitivo; ma anche come uno degli uomini più coraggiosi che mai abbiano solcato i ring. Non c’è sfida che egli abbia rifiutato. Non c’è conteggio che egli non abbia provato a battere. Basta così, ora, Deontay. Fermati e goditi con criterio il denaro che hai guadagnato e meritato fino all’ultimo centesimo. D’ora in poi hai solo da perdere“.

Le parole di Wilder sono risultate tristemente profetiche ed ora per lui il ritiro è una opzione molto probabile. “The Bronze Bomber” ha oggettivamente dominato il ring con la sua potenza e se dovesse ritirarsi oggi lo farebbe comunque a testa alta, con 43 vittorie, 4 sconfitte ed un pareggio. Tuttavia la sua ultima vittoria, per KO contro Robert Helenius, risale al 15 ottobre 2022, in mezzo alle sconfitte contro Fury (le ultime due della trilogia) e quella contro Joseph Parker, ma appoggiate su una formidabile colonna di ben 40 vittorie, quasi tutte per KO. Se dovesse appendere i guantoni al chiodo, il mondo del pugilato ne riconoscerebbe comunque la statura, non solo fisica: a dispetto di una tecnica approssimativa, in pochi avrebbero voluto trovarsi sul ring ad affrontare il suo terribile destro.

È tempo, per il mondo dei pesi massimi, di prestare attenzione al gigante cinese, che non ha alcuna voglia di restare seduto all’angolo.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Liam Harrison - Kombatnet

Liam Harrison

Nato il 5 ottobre 1985, Liam Harrison, soprannominato "The Hitman", è un campione di Muay Thai inglese che combatte nella categoria dei pesi welter. Quando si trova nel Regno Unito si allena con la Bad Company, mentre in Thailandia frequenta la Jitti Gym e lo Yokkao Training Center di Bangkok. Al 16 gennaio 2024 Harrison è al quinto posto nella classifica ONE di Muay Thai per la categoria dei pesi gallo. Nel corso della sua carriera ha ottenuto vittorie significative contro atleti del calibro di Muangthai P.K.Saenchai, Tetsuya Yamato, Malaipet Sasiprapa, Mehdi Zatout, Andrei Kulebin, Anuwat Kaewsamrit e Dzhabar Askerov. Leggi tutto l'articolo...
Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...