Holly Holm premiata con l’inserimento nella International Boxing Hall Of Fame - Kombatnet News

Holly Holm premiata con l’inserimento nella International Boxing Hall Of Fame

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Holly Holm premiata con l’inserimento nella International Boxing Hall Of Fame

La campionessa UFC Holly Holm è stata insignita di una delle più grandi onoreficenze che un pugile possa ottenere: l’inserimento nella International Boxing Hall of Fame (IBHOF) durante l’edizione “Trilogy” per gli anni 2020, 2021 e 2022 che si è tenuta dal 9 al 12 giugno 2022 a Canastota, New York.

La International Boxing Hall of Fame è una iniziativa di Ed Brophy nata nel 1990 per onorare i campioni del mondo di pugilato originari di Canastota, Carmen Basilio e suo nipote Billy Backus con un museo che ricordasse le gesta dei grandi sportivi. Il progetto è cresciuto a tal punto da ricevere candidature da tutto il mondo e l’evento che celebra l’inserimento di nuovi pugili è diventato una serata di gala di alto livello. Essere inseriti nella International Boxing Hall of Fame è un riconoscimento di prestigio per i risultati ottenuti nel mondo della nobile arte: i pugili professionisti tuttavia devono attendere cinque anni dal ritiro per poter risultare candidati all’inserimento.

Prima che Holly Holm diventasse campionessa UFC and una delle più grandi fighter al mondo di MMA, “The Preacher’s Daughter” ha dominato il mondo del pugilato e per questo la settimana scorsa è stato celebrato il suo inserimento nella IBHOF.


La Hall ha introdotto per la prima volta pugili donna solo quest’estate, dopo aver saltato le cerimonie del 2020 e del 2021 a causa della pandemia and Holly Holm, insieme a Christy Martin, Laila Ali, Lucia Rijker e Regina Halmich sono diventate così le prime pugili di sesso femminile ad essere inserite nella Hall of Fame.

Assieme a loro sono stati inseriti nella lista i pugili Floyd Mayweather Jr., Roy Jones Jr., Miguel Cotto, James Toney e Shane Mosley

All’inizio Holly Holm ha pensato ad uno scherzo ed ha ignorato la chiamata da Canastota. In quel momento era a casa di suo padre, tra le montagne di Albuquerque in New Mexico, in convalescenza per la sua operazione al ginocchio. Dopo aver controllato i numerosi messaggi vocali, però, ha notato che alcuni provenivano da Ed Brophy, che gestisce la Hall a Canastota


“Lì per lì ho ignorato pure quelli, stavo facendo altro, non gli ho dato peso. Poi le mie caselle di posta ed i social hanno cominciato a riempirsi di messaggi di congratulazioni. È a quel punto che ho cominciato a capire che forse era meglio richiamare Ed per capire cosa stesse succedendo… così ho scoperto che ero stata inserita nella International Boxing Hall of Fame e sono rimasta a bocca aperta”

I pugili inseriti nella edizione Trilogy della International Boxing Hall of Fame - Kombatnet News
I pugili inseriti nella edizione Trilogy della International Boxing Hall of Fame

Durante la cerimonia, durata sei ore, tenutasi domenica 12 giugno al Turning Stone Resort Casino di Verona, New York, si sono susseguiti alcuni tra i più grandi campioni della storia del pugilato femminile e maschile sul palco e ad ogni fighter è stato regalato un anello per l’occasione.

Holly Holm ha con fatica trattenuto le lacrime durante il suo discorso, raccontando di non essere nata in una famiglia di pugili ma di essersi subito innamorata della nobile arte non appena messo piede in palestra. Ha ringraziato quindi tutte le persone che le sono state intorno durante la sua crescita come sportiva, tra le quali il suo primo coach di pugilato, suo padre, ed il suo storico coach di MMA Mike Winkeljohn, del quale ha detto “ha sempre creduto in me, qualsiasi cosa facessi”.


“Ci sono un sacco di persone che entrano ed escono dalla tua via in questo sport e sappiamo bene che tra manager, promoter, coach, spesso sono con te per la loro gloria personale. Devo riconoscere, invece, che sono stata circondata da un sacco di persone che hanno voluto il meglio per me. Ho avuto un sacco di amore e supporto disinteressato. Il mio successo è un lavoro di gruppo”.

Holly Holm in posa con il padre di fronte alla locandina della sua elezione come membro della International Boxing Hall of Fame - Kombatnet News
Holly Holm in posa con il padre di fronte alla locandina della sua elezione come membro della International Boxing Hall of Fame

“Ce l’hai fatta!” ha detto il campione dei pesi welter Kamaru Usman dopo aver sentito la notizia. “Questo è il culmine di tutto il duro lavoro di tutta una vita. Grazie per tutti gli anni di intrattenimento che hai regalato non solo a me ma al resto del mondo. Congratulazioni”.

Già candidata nel 2017 alla International Women’s Boxing Hall of Fame, Holly Holm ha ottenuto questo importante riconoscimento grazie alla sua eccezionale carriera pugilistica che inizia nel 2002 e arriva fino al 2013


Durante tutto questo periodo l'”orgoglio di Albuquerque” ha raggiunto un invidiabile record pugilistico di 38 match, con 33 vittorie (delle quali 9 per KO), 2 sconfitte e 3 pareggi. Nonostante questo già ottimo risultato, più che il numero di match svolti e vinti sono stati il “chi” ha battuto e la durata del dominio attraverso tre categorie di peso che l’ha consacrata come una delle più grandi pugili di sempre.

Titolare di vittorie su campionesse del calibro di Christy Martin, Anne Sophie Mathis, Jane Couch, Ann Saccurato, Chevelle Hallback, Mary McGee, Mia St. John e Mary Jo Sanders, Holly Holm ha vinto titoli mondiali in tre divisioni di peso, guadagnandosi il titolo “Female Fighter of the Year” della prestigiosa rivista “The Ring” negli anni 2005 e 2006.

Holly Holm è salita per l’ultima volta sul ring nel maggio 2013, quando ha difeso con successo le cinture dei suoi titoli IBA e WBF vincendo per decisione unanime contro Mary McGee.


Nel 2013 poi si è ritirata dal pugilato professionistico ed è scesa dal ring per entrare nell’ottagono, venendo arruolata in UFC nel 2015 ed iniziando la sua scalata innarrestabile fino alla vittoria della cintura per il titolo mondiale a novembre ad UFC 193, una vittoria che ha sconvolto il mondo delle MMA femminili ottenuta battendo Ronda Rousey che ha segnato l’inizio della fine del suo nonché della sua carriera nelle MMA.

Holly Holm ha battuto Ronda Rousey ad UFC 193 sconvolgendo il mondo delle MMA

Ancora oggi, a 40 anni, Holly Holm continua ad essere una seria contendente al trono per la sua categoria in UFC ed è considerata la sesta migliore combattente al mondo pound-for-pound nonché la prima nella sua categoria

A maggio 2022 Holly Holm ha dichiarato ai reporter che ha ancora qualche combattimento in UFC da contratto ma vedrebbe di buon occhio anche un ritorno al pugilato, se potesse combattere contro la campionessa Katie Taylor.


“Potrebbe essere il mio quarto titolo in una quarta categoria di peso contro la migliore del mondo” ha detto la Holm, “e proverebbe che posso tornare a combattere ai livelli più alti. Se la cosa mi intriga? Certamente”.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...