Francis Ngannou - Non è finita qui - Il campione di MMA non ha chiuso con la boxe - Kombatnet

Francis Ngannou: “Non è finita qui”. Il campione di MMA non ha chiuso con la boxe

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Francis Ngannou: “Non è finita qui”. Il campione di MMA non ha chiuso con la boxe

Francis Ngannou, 36 anni, dice di non avere intenzione di abbandonare la boxe dopo aver subito una pesante sconfitta contro Anthony Joshua in Arabia Saudita. Il campione di MMA è stato fermato in soli due round in uno match unidirezionale.

Nonostante Ngannou abbia subito due sconfitte consecutive nei suoi due unici match di boxe ha respinto l’ipotesi di tornare definitivamente alle MMA.

Puoi star certo che non ho finito qui. Non era la mia giornata. È solo stato molto più bravo di me“, ha detto Ngannou. “È brutto, ma fa parte del gioco. Lo sappiamo tutti“.


Sapevamo tutti che sarebbe potuto succedere“, ha detto Ngannou durante una live su Instagram: “Non mi immaginavo accadesse in quel modo, ma ho sempre saputo che sarebbe potuto succedere. O almeno, sono sempre stato preparato per questo“.

Prima di salire sul ring quella sera, Ngannou ha ricordato che qualcosa non andasse bene mentre si riscaldava nel backstage, senza nulla togliere a Joshua.

Ricordo che ero nello spogliatoio cercando di riscaldarmi, e qualcosa non andava“, ha detto Ngannou. “Mi stavo addormentando. Stavo sudando, ma mi stavo addormentando. (…) Era la prima volta che provavo una cosa del genere. Ecco perché ora mi sono preso un paio di giorni liberi, mi sono preso un po’ di tempo per me. Ovviamente ho dovuto riflettere su tutto quello che è successo durante il combattimento“.


È la prima volta che Ngannou viene messo KO nella sua carriera di MMA o di pugilato. Il camerunense ha comunque elogiato ampiamente Joshua per la sua prestazione.

[Joshua] è stato davvero speciale perché mi ha fermato“, ha detto Ngannou. “Ha fatto quello che Tyson non è riuscito a fare. In effetti, non ho sentito il pugno. Penso che un knockout significhi questo. Non sento alcun dolore. È così che so di essere stato messo KO.”

Anthony Joshua alza la mano di Francis Ngannou sul ring dopo il KO - Kombatnet
Anthony Joshua alza la mano di Francis Ngannou sul ring dopo il KO – Kombatnet

Ngannou ha dato prova di grande umiltà attribuendosi tutte le colpe per l’esito negativo del match:


Complimenti ad Anthony Joshua ed al suo team che ha eseguito correttamente il proprio piano“, ha detto Ngannou. “Giù il cappello anche al mio team, che ha fatto un ottimo lavoro. Penso di essere stato io quello che semplicemente non ha eseguito correttamente il piano e forse non si è sentito completamente presente. Sono stato l’unico a non fare bella figura, diciamolo. Tutti hanno fatto quello che andava fatto. Nessuna colpa a nessuno. Tutta la colpa è solo mia“.

Il giorno dopo Ngannou ha detto di non avere alcun effetto persistente dovuto al knockout, anche se ha visto i medici e ha già un appuntamento programmato con un neurologo. A parte le visite di routine non ha fretta di competere di nuovo, ma non a causa delle preoccupazioni per la sua salute: vuole rilassarsi dopo alcuni mesi molto impegnativi.

In soli quattro mesi infatti Ngannou ha combattuto contro due dei migliori pugili dei pesi massimi del pianeta e ha preso parte a due dei più grandi incontri del 2023 e del 2024.


In questo momento non so esattamente quale sarà il prossimo incontro che cercherò. So che mi prenderò un po’ di tempo per riposarmi, concentrarmi su me stesso e poi quando sarò pronto tornerò ad allenarmi. Quindi potremo iniziare a discutere dei combattimenti. Per ora, vivrò semplicemente la mia vita. Perché bisogna sempre ricordare che a prescindere dalla propria professione, c’è sempre una vita, abbiamo una vita che continua ad andare avanti“.

Tuttavia, poche settimane prima del suo incontro con Joshua, la promozione MMA della Professional Fighters League (PFL) ha annunciato che avrebbe combattuto contro il campione dei pesi massimi Renan Ferreira entro la fine dell’anno.

Ngannou ha lasciato l’UFC l’anno scorso per perseguire le sue ambizioni nel pugilato, ma ha firmato con la promotion rivale PFL lo scorso maggio.


Parte del suo accordo con la PFL gli garantiva la libertà di boxare, ma è probabile che Ngannou faccia il suo tanto atteso ritorno alle MMA piuttosto che competere in un altro incontro di boxe.

Non ho finito con la boxe, non ho finito con le MMA“, ha detto Ngannou. “Fondamentalmente in questo momento ho un avversario nella PFL, Renan Ferreira. Quello sarà il mio futuro avversario nella PFL, ma ripeto, avrò molti incontri in futuro. Posso ancora combinare le due cose, tornerò comunque in azione. Non perché mi sento più a mio agio nelle MMA lascerò andare la boxe. Continuerò a fare entrambe le cose”.

Fa parte di ciò che facciamo. Accettiamo sfide. A volte funziona, a volte non funziona. Ma ci stiamo lavorando” ha concluso il fighter camerunense.


Ngannou non combatte in MMA dal gennaio 2022 nel suo ultimo incontro UFC, da quando ha battuto il francese Ciryl Gane.

Parlando con OLBG, il campione dei pesi massimi UFC Tom Aspinall ha consigliato a Ngannou di… fare ciò che paghi meglio:

Quei pugni con cui è stato colpito Francis Ngannou, è stato spaventoso guardarli, no? siamo onesti. Pensavamo che avrebbe dormito per una settimana, è stato pazzesco. Ma quello che farà dopo dipenderà, in ultima analisi, da lui. Se fossi nella sua posizione, andrei dove ci sono i soldi e, per quanto ne so, i soldi in questo momento sono nella boxe, quindi è quello che farei. Ma non sono Francis Ngannou, quindi è difficile dirlo. Vedo che molti combattenti di MMA pensano che sarebbe facile passare alla boxe. Non lo è. Ho fatto molti round con pugili professionisti di alto livello. Questi ragazzi praticano la boxe da quando avevano dieci anni”.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...