Boxe Canelo batte Munguia e difende le cinture nel Cinco de Mayo Showdown - Kombatnet

Boxe: Canelo batte Munguia e difende le cinture nel Cinco de Mayo Showdown

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Boxe: Canelo batte Munguia e difende le cinture nel Cinco de Mayo Showdown

Canelo Alvarez ha confermato il suo status di fuoriclasse del ring nell’attesissimo derby messicano andato in scena il 5 maggio 2024 alla TMobile Arena di Las Vegas. Nel main event del “Cinco de Mayo Showdown“, il campione trentaquattrenne ha difeso con successo le sue cinture dei pesi supermedi WBC, WBA, IBF e WBO, sconfiggendo ai punti per verdetto unanime (117110, 116111, 115112) il connazionale Jaime Munguia dopo 12 round combattuti.

Nonostante l’imbattuto Munguia, 27 anni e 43 vittorie da professionista di cui 34 prima del limite, si fosse presentato come lo sfidante maggiormente accreditato degli ultimi anni, Canelo ha dimostrato ancora una volta di essere di un’altra categoria. Un montante destro da enciclopedia della boxe andato a segno al 4° round ha segnato la svolta decisiva, mandando al tappeto il valoroso Munguia e direzionando in maniera chiara le sorti dell’incontro.

Pur subendo la granitica pressione offensiva del valoroso pugile di Tijuana, Canelo ha saputo gestire le varie fasi del match con l’esperienza del veterano, chiudendo in crescendo e rispondendo colpo su colpo agli attacchi dello sfidante. Presente all’evento anche la leggenda Oscar De La Hoya, ex promoter di Canelo ed oggi al fianco di Munguia: i due si sono scambiati frecciate al vetriolo alla vigilia del match in conferenza stampa, rischiando addirittura di venire alle mani.


Nel 1° round Munguia è partito forte, ha lavorato con insistenza con il jab sinistro e ha imposto subito un ritmo forsennato, facendosi sentire al corpo di Canelo. Il campione ha risposto con colpi singoli e mirati, ma il giovane sfidante ha chiuso in vantaggio.

Nel 2° round l’azione si è fatta più intensa. Munguia ha continuato a fare la parte dell’aggressore, ha piazzato un bel destro e un gancio al corpo, mettendo a dura prova la resistenza di Canelo. Alvarez ha iniziato a usare il jab per provare a rallentare il suo avversario ma ancora doveva prendergli le misure.

Munguia è stato efficace anche nel terzo round, scaricando una raffica di colpi su Canelo e costringendolo all’angolo. Il campione ha incassato diversi colpi ma è rimasto lucido, rispondendo con alcuni ganci di rimessa.


Nel 4° round, poi, è arrivata la svolta: dopo un iniziale forcing di Munguia, il campione lo ha atterrato con un devastante montante destro, un colpo che ha cambiato le sorti dell’incontro.

Canelo batte Munguia - Kombatnet
Canelo batte Munguia – Kombatnet

Nei round 5° e 6° Canelo ha preso quindi il controllo del match, ha iniziato a muoversi meglio e a far valere la sua potenza, pur subendo ancora la pressione di un Munguia mai domo.

Nel 7° round il giovane messicano ha provato a recuperare sui cartellini, cercando lo scambio alla corta: ma l’esperienza di Canelo si è fatta sentire, così come il suo micidiale gancio sinistro. Per ogni attacco a vuoto di Munguia è andato a segno un singolo colpo a segno di Canelo.


L’8° round ha visto un Munguia più paziente nei movimenti, bravo a tenere a bada Canelo con il jab per poi cercare le aperture per le sue offensive al corpo, ma Canelo non è stato al suo gioco ed ha prevalso anche qui per esperienza e classe.

Nel 9° e 10° round Munguia ha dato nuovamente tutto, tentando letteralmente di abbattere Canelo con un’infinità di colpi, non sempre precisi. Il campione però ha gestito con la solita lucidità, rispondendo con uppercut e diretti precisi ed efficaci e riuscendo a tenere a bada l’avversario, senza mostrare troppa stanchezza.

L’11° round ha confermato l’ormai chiaro vantaggio di Canelo, pur con Munguia che ha continuato a cercare disperatamente il colpo del KO senza trovarlo.


Nel 12° e ultimo round i due hanno dato vita ad un’autentica battaglia. Munguia ha gettato il cuore oltre l’ostacolo mentre Canelo ha dato sfoggio della sua maestria sul ring respingendo ogni assalto del 27enne di Tijuana, ormai consapevole di non poter più ribaltare le sorti del match.

Alla fine di un match spettacolare Canelo Alvarez ha mantenuto le cinture dei supermedi vincendo con un punteggio unanime che non ha lasciato dubbi.

Scelgo il momento giusto per portare i colpi” ha spiegato Canelo dopo il match: “Munguia è forte e anche intelligente, ma io avevo 12 round per imporre la mia boxe e ho dimostrato di essere il migliore al mondo“.


Canelo scende dal ring con le cinture dei supermedi saldamente ancorate in vita e la consapevolezza di avere ancora qualche anno di boxe ad altissimi livelli nelle sue corde. Il declino può aspettare, il re è sempre lui.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...