Anthony Joshua batte per KO Robert Helenius al settimo round - Kombatnet

Anthony Joshua batte per KO Robert Helenius al settimo round

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Anthony Joshua batte per KO Robert Helenius al settimo round

Anthony Joshua ha trovato alla O2 Arena di Londra, sabato 12 agosto 2023, il colpo del KO in un terribile diretto destro al settimo round che ha spento Robert Helenius and acceso gli spalti, dove si trovavano numerose celebrità tra le quali Conor McGregor. Ci sono voluti vari minuti per riportare Helenius alla coscienza. L’evento è stato trasmesso live su DAZN.

L’inizio non è stato dei migliori: Helenius è stato il più aggressivo nel round di apertura, pur senza andare a segno con nessun colpo degno di nota, mentre Joshua cercava di prendere le distanze dal colosso nordico, leggermente più alto di lui. Nel secondo round Joshua ha cercato di essere più costruttivo ed è anche riuscito a spingere Helenius contro le corde; tuttavia ancora sembrava uno sparring leggero più di un incontro di pugilato dei pesi massimi, tant’è che la folla ha cominciato a innervosirsi per la mancanza di azione al terzo round, obbligando Joshua a caricare i colpi sul finale per bilanciare tattica sportiva ed intrattenimento.

Il quarto round è stato leggermente più dinamico ed un po’ di sangue è cominciato a scendere dal naso di Helenius: ma siamo ancora ben lontani dai match che hanno fatto grande la storia del pugilato. Il quinto ed il sesto round hanno visto Joshua aumentare ancora ritmo ed intensità, ma Helenius ancora sembrava tranquillo ed in grado di reggere i colpi del britannico.


Il brutale diretto è arrivato dal nulla al settimo round, nascosto dopo un paio di jab appena accennati ed ha colto Helenius con la guardia lunga e bassa, nel tentativo di tenere la distanza: Joshua veniva da una posizione accovacciata ed ha avuto modo di scaricare in allungo tutta la potenza del destro sfruttando tutta la catena cinetica in estensione, senza lasciare scampo all’avversario.

Helenius aveva già perso contro Wilder, che aveva già versato lacrime di coccodrillo per il brutale KO inflitto al finlandese, preoccupato per le sue condizioni di salute. A “discolpa” di Helenius va detto che aveva combattuto solo una settimana prima in Finlandia ed il match contro Joshua gli è stato offerto solo a 10 minuti dalla sua vittoria su un novellino, tal Mika Mielonen, sabato scorso; Helenius ha preso il posto di Dillian Whyte, defezionario a seguito di un test antidroga fallito. Si è trattato di una ghiotta occasione per Helenius, che comunque conosceva Joshua avendo fatto sparring con lui nel 2017: il finlandese si è dimostrato molto sicuro di sé nelle interviste pre match ma probabilmente la spinta maggiore è stata di tipo economico. Così si è trovato ad interrompere le vacanze a Lapland con la famiglia per poi subire questo brutto KO. Ne è valsa la pena? Non è dato sapere.

Joshua, dal canto suo, ha azzerato il timer che contava ben 32 mesi dalla sua ultima vittoria per KO, quando aveva sostanzialmente “smontato” Pulev a dicembre 2020, in una Wembley Arena tristemente silenziosa a causa delle restrizioni per la pandemia di Covid.


La O2 arena era sicuramente più rumorosa e gremita, ma il suono che proveniva dagli spalti non era quello degli applausi, bensì quello dei fischi di disapprovazione per un match che, fino a un attimo prima del KO, è stato più una “parodia” di un vero incontro tra pesi massimi che un banco di prova per Joshua, a dimostrare la sua preparazione a match ben più pericolosi. Wilder è lì che aspetta.

Ad ogni modo ora la strada per Joshua è spianata e non ci sono più scuse: dovrà affrontare “The Bronze Bomber“, presumibilmente in Arabia Saudita a gennaio. Sempre che non succeda qualcosa che lo protegga nuovamente dal pericoloso avversario, s’intende.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...