Rocky Marciano su Muhammad Ali, 1966: video intervista con trascrizione in italiano - Kombatnet

Rocky Marciano su Muhammad Ali, 1966: video intervista e trascrizione in italiano

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Rocky Marciano su Muhammad Ali, 1966: video intervista e trascrizione in italiano

Il conduttore televisivo australiano Ron Casey intervista la leggenda della boxe Rocky Marciano. Marciano parla di Muhammad Ali (indicato come Cassius Clay) e della sua più recente difesa del titolo mondiale dei pesi massimi contro Brian London. Marciano discute anche dell’impatto di Ali sul mondo della boxe.

Intervista a Rocky Marciano trasmessa su Channel 7 (HSV-7) Melbourne, Australia domenica 7 agosto 1966. Clip tratta dal DVD “The Very Best of World of Sport”.

Intervista trasmessa su Channel 7 (HSV-7) Melbourne, Australia, domenica 7 agosto 1966.

Clip tratta dal DVDThe Very Best of World of Sport“.


  • Narratore: Quando Ron Casey è morto all’inizio di quest’anno, la gente ha ripensato alla sua straordinaria carriera televisiva. E forse l’intervista che si è rivelata essere più distintiva è stata quella che ha condotto con il grande Rocky Marciano qui in questi studos nel 1966.
  • Ron Casey: Ecco la nostra John Brown Sports Star del giorno! Per questo fine settimana lasciamo il calcio e vi presentiamo una delle grandi personalità del mondo dello sport. Mi riferisco a Rocky Marciano. Rocky Marciano, come pugile professionista per 49 volte non è mai stato battuto. Ha vinto 43 incontri per KO. Ha vinto il titolo mondiale nel 1952, lo ha difeso sei volte e si è ritirato imbattuto. Siamo molto felici di dare il benvenuto a World of Sport a Rocky Marciano e tra un momento parleremo con la nostra stella dello sport John Brown Sports Star, Rocky Marciano.
  • Ron Casey: Beh, Rocky, è fantastico averti qui a World of Sport. Come puoi vedere tutti i fan qui apprezzano avere un campione con loro qui in studio. Ci sono campioni di tutti gli sport qui a Melbourne e siamo molto felici di averne un altro dall’America ora per salutarci in tutto il Victoria.
  • Rocky Marciano: Grazie, Ron.
  • Ron Casey: Rocky, come ti senti riguardo al risultato del match per il titolo dei pesi massimi di stamattina, Cassius Clay che ferma Brian London in 3 round?
  • Rocky Marciano: Beh, c’era da aspettarselo. Davvero, non era un incontro importante. Penso che sia quello che lo stesso Cassius Clay chiama il “Club del Barbone del Mese”. Cerca di tenersi abbastanza occupato cercando di avere quanti più incontri possibili prima di entrare nell’esercito e sono sicuro che accadrà. E quindi non mi ha sorpreso perché nel ’59, maggio del ’59, Floyd Patterson, il campione dei pesi massimi del mondo ha facilmente sconfitto Brian London e in quel momento almeno la stampa americana non diede a Brian alcun tipo di credito nel pugilato. Non è stato mai considerato molto come un contendente dei pesi massimi o come un pugile dei pesi massimi e secondo me l’incontro non avrebbe mai dovuto aver luogo.
  • Ron Casey: Come valuti Cassius Clay in questo momento?
  • Rocky Marciano: In questo momento valuto Clay, ovviamente, il migliore nel paese, nel mondo come pugile dei pesi massimi. Non so davvero quanto sia bravo. Non è mai stato colpito sul mento con un buon pugno. È stato in grado di evitare i pugni estremamente bene. Infatti, credo che questa sia la sua più grande risorsa: evitare i pugni come ha fatto nel combattimento con Cooper. Cooper non riusciva quasi a colpirlo e, sebbene fosse un incontro piacevole da vedere, ovviamente Cooper non lo ha colpito una volta bene e Clay poi gli ha tagliato l’occhio e ha vinto l’incontro. E Clay, in tutti gli incontri di Clay, non è mai stato davvero eccezionale. Ha avuto un paio di incontri con Sonny Liston che sono un po’ discutibili, dubbi. Non si è mostrato molto bene in loro perché forse non ha avuto l’opportunità di mostrarsi molto bene senza un buon avversario lì. Penso che ci vorrà un buon avversario per mostrare quanto sia bravo Cassius Clay.
  • Ron Casey: Rocky, ci sono alcune statistiche notevoli su di te come campione. Questo è stato il motivo per cui hai combattuto, per il modo in cui hai combattuto in rete. Ti elencano come il campione dei pesi massimi con l’allungo più corto, è corretto?
  • Rocky Marciano: Sì, è assolutamente corretto, 67 pollici… così [allarga le braccia sorridendo], il che non è molto lungo. Beh, non è molto più di Rocky Gattellari, un campione dei pesi mosca al momento.
  • Ron Casey: Hai dovuto ideare lo stile spavaldo di combattimento che avevi a causa del tuo breve allungo?
  • Rocky Marciano: Sì, è stato il motivo principale. Dovevo in un certo senso abbassarmi e cercare di venire su, come diciamo, da sotto per avvicinarmi a un avversario perché più mi avvicinavo a un avversario, più danni potevo fare con le braccia corte. A lunga distanza, non potevo affrontare i grandi jabber come Joe Louis. Quando l’ho combattuto nel ’51, aveva 30 cm di allungo più di me ed era in grado di mettere quel sinistro sul mio viso e tenermi a distanza. Dovevo in un certo senso azzuffarmi e avvicinarmi a loro, ed è per questo che lo stile è stato davvero sviluppato.
  • Ron Casey: Rocky, so che ti sono state fatte delle proposte, non interamente per motivi finanziari, per fare ritorno sul ring. Questo era quando Sonny Liston era ancora campione. Hai mai avuto la tentazione di tornare?
  • Rocky Marciano: È successo prima del combattimento con Sonny Liston in realtà. Floyd Patterson è diventato campione dei pesi massimi un anno dopo che mi sono ritirato. Poi ha avuto alcuni incontri con parecchi altri pugili che non erano affatto emozionanti. E poi è arrivato Ingemar Johansson, il buon pugile svedese con un buon destro, e quando ha vinto quel combattimento ed ero seduto in prima fila, ha messo KO Floyd Patterson ed è stato un colpo drammatico, un destro dritto sul mento e Floyd Patterson è andato all’indietro e non si è mai ripreso da quel colpo. Ingemar Johansson è diventato l’idolo e c’era molto parlare e c’era molto spirito tra i fan del pugilato in quel momento ed è quando ho avuto la voglia di tornare. Mi ero ritirato da soli tre anni al momento. Non ero troppo fuori forma e mi sono preso una piccola vacanza per me stesso. Sono andato in un campo di allenamento vicino a casa mia da solo e ho cercato di rimettermi in forma come una volta, ma non ce l’ho fatta. Non avevo la stessa sensazione, non avevo la stessa fame e per altre ragioni non potevo concentrarmi sul pugilato come una volta. E quindi, ho pensato fosse meglio non farne parola, sono tornato a casa ed ho fatto come se non fosse successo niente.
  • Ron Casey: Se Cassius Clay fosse stato un sfidante per il tuo titolo mondiale, saresti stato fiducioso di mantenere il tuo titolo contro Cassius Clay?
  • Rocky Marciano: Beh, certamente mi sarebbe piaciuto un incontro con Cassius Clay. È il nostro, è quello che chiamiamo un avversario perfetto. È alto, è grande, è allungato. È sullo stile di un Joe Louis, sto parlando fisicamente ora. Ha le stesse abilità, forse non un jab sinistro grande come Joe Louis, ma sicuramente abilità vicine a Joe Louis. Posso dire di nuovo, non so quanto sia grande quest’uomo. Potrebbe essere un grande pugile, e il tempo dirà il suo caso.
  • Ron Casey: Cassius Clay è un bene per il pugilato?
  • Rocky Marciano: Sì e no. All’inizio sì, quando è apparso all’inizio ha davvero fatto appassionare il pubblico. Anticipava quale sarebbe stato il round dove avrebbe mandato KO il suo avversario e lo faceva davvero.
  • Ron Casey: L’hai mai fatto?
  • Rocky Marciano: No, non l’ho mai fatto [ride]. Non è così facile. La maggior parte dei miei incontri erano incontri duri e difficili e non avevo la stessa fiducia che ha Clay. All’inizio, Clay era buono per la boxe. Voglio dire, ha portato molta nuova vita nel pugilato. Ricordavo persone, oltre ai fan del pugilato, che si interessavano a questo giovane chiacchierone. E poi ne ha fatto troppo, ha parlato un po’ troppo, un po’ troppo a lungo e ha parlato delle cose sbagliate. E quando ha portato la sua religione nell’immagine, ha cambiato un po’ l’intera impostazione del pugilato. E per gli ultimi due anni, almeno due anni, è stato un po’ cattivo per il pugilato.

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...
Chi è Sean O Malley campione UFC - Kombatnet

Sean O'Malley

Sean O'Malley è un fighter americano di MMA, attuale campione dei pesi gallo UFC. Nato il 24 ottobre 1994 ad Helen, Montana, O'Malley è stato cresciuto da suo padre Dan O'Malley, un ufficiale della narcotici in pensione. Non si hanno molte notizie riguardo sua madre. È noto che sua nonna sia di origini irlandesi e di etnia mista. O'Malley si allena a Glendale, in Arizona, presso il MMA Lab di John Crouch ed è allenato dal suo amico di lunga data, Tim Welch. Ad O'Malley è stato dato il soprannome di "Sugar" da uno dei suoi allenatori di MMA nel Montana all'inizio della sua carriera. Leggi tutto l'articolo...