La storia di Miguel Santos Perez, il piccolo karateka che rifiuta di arrendersi

La storia di Miguel Santos Perez, il piccolo karateka che rifiuta di arrendersi

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

La storia di Miguel Santos Perez, il piccolo karateka che rifiuta di arrendersi

Certe immagini valgono più di mille parole: una di queste è la fotografia che ritrae il piccolo Miguel Santos Perez, all’epoca di sette anni, sul tatami con karategi e cintura rossa, in attesa di iniziare la sua gara di Kata nello stile Goshin Kai, una delle tante declinazioni del Karate, in Brasile. Sarebbe una immagine come tante altre se non fosse che il piccolo porta con sé una bombola di ossigeno ed ha addosso gli occhialini nasali.

La descrizione a corredo della foto in tutti i suoi repost recita una frase tanto semplice quanto d’impatto:

When you absolutely refuse to give up“, “Quando rifiuti assolutamente di arrenderti“.


When you absolutely refuse to give up - Quando rifiuti di arrenderti - Miguel Santos Perez Karate ossigeno - Kombatnet
When you absolutely refuse to give up – Quando rifiuti di arrenderti – Miguel Santos Perez Karate ossigeno – Kombatnet

Il post, nato presumibilmente 5 anni fa su Reddit da una foto scattata qualche tempo prima, è diventato subito virale per la potenza evocativa del suo messaggio ed è stato ripostato in ogni angolo della rete, dai siti di martial arts e sport da combattimento alle community online, ai network motivazionali fino ai grandi social generalisti come Facebook, Instagram e Twitter (ora X).

Addirittura il grande campione di Formula 1 Lewis Hamilton ha pubblicato sui suoi canali social la foto di Miguel, adducendola come motivazione di una sua vittoria in Brasile. Quando gli hanno mostrato il post, Miguel è stato felicissimo: “Gli piacciono molto le macchine, guarda la Formula 1, gli piace la velocità e l’avventura” ha detto la madre.

Miguel viene da Santos, una città del Brasile di poco più di 430.000 abitanti, dove vive con mamma Samara Samis e papà Junior Martins nella zona rurale di Caruara.


Miguel soffre di una malattia polmonare grave ed incurabile, la MMI (Malattia da Membrane Ialine Polmonari): i suoi polmoni mancano di una sostanza che li ricopre, indispensabile per poter respirare correttamente. Per questo deve portarsi sempre dietro la bombola dell’ossigeno e la mascherina; per varie altre complicanze della sua difficile condizione deve anche portare per qualche ora un catetere. Può togliersi i tubi per circa 30 minuti al giorno: anche con essi tuttavia Miguel ha imparato a vivere nella quotidianità, riuscendo a trovare anche modo di praticare Karate.

Miguel pratica un calcio di Karate - Kombatnet
Miguel pratica un calcio di Karate – Kombatnet

Miguel si allena sotto la guida del M°Altair Peique, cintura nera secondo dan di Karate Goshin Kai and insegnante di storia. Nonostante le perplessità della madre, Peique ha iscritto il piccolo Miguel alla sua prima competizione dopo soli sei mesi di allenamento: secondo lui incarna le doti del vero campione, anche se le sue velleità non sono tanto sportive quanto la capacità di vivere una vita normale nonostante le difficoltà.

Un arbitro ebbe addirittura il coraggio di protestare per la presenza della bombola sul tatami: sua madre gli rispose che stava lottando con la propria vita, non stava semplicemente gareggiando. L’arbitro si zittì immediatamente.


Miguel non vinse quella volta ma forte dell’incoraggiamento di tutti coloro che gli stavano intorno e gli volevano bene non si arrese e dopo soli sei mesi ottenne la sua prima medaglia alla IV Coppa Andre Ferreira di Cubatao, salendo sul podio assieme ad un suo amico: per la madre si trattò di una rinascita.

Miguel si avvicina al tatami per una gara di Karate trascinando la sua bombola di ossigeno - Kombatnet
Miguel si avvicina al tatami per una gara di Karate trascinando la sua bombola di ossigeno – Kombatnet

Miguel è un campione di calma: a differenza dei suoi compagni di allenamento non può correre con loro nel dojo e non può effettuare ovviamente combattimenti (“kumite“): tuttavia la pratica marziale per lui è diventata uno strumento per affrontare le avversità che la vita gli ha posto davanti e la sua determinazione, grazie all’amplificatore della rete, è diventata di ispirazione per i fighter di tutto il mondo.

La vicenda di Miguel è diventata nota grazie a Diego Moraes, ex maestro di Karate e reporter per Rede Globo, che ha scattato la famosa fotografia rimbalzata in ogni angolo del web. Da lì è partita anche una raccolta fondi che ha permesso alla famiglia di Miguel di acquistare un nuovo apparecchio della Philips, molto più performante.


Miguel con il suo Maestro di Karate alla Coppa dei Campioni di San Paolo - Kombatnet
Miguel con il suo Maestro di Karate alla Coppa dei Campioni di San Paolo – Kombatnet

Miguel ha partecipato a tornei di rilevanza via via maggiore come il “Trofeo dei campioni” di San Paolo, con oltre 600 iscritti, dove non ha vinto ma è stato insignito di una medaglia d’oro speciale. Solo la pandemia è riuscito a trattenerlo dal salire sul tatami.

Di recente il sensei Flavio Vincente ha regalato a Miguel un nuovo apparecchio respiratorio portatile che gli permette di muoversi con molta più libertà, andare in bicicletta e praticare karate senza doversi portare dietro la pesante bombola di ossigeno.

Miguel Santos Perez esegue un inchino prima di eseguire un Kata di Karate - Kombatnet
Miguel Santos Perez esegue un inchino prima di eseguire un Kata di Karate – Kombatnet

Un articolo su di lui è stato pubblicato sulla rivista brasiliana Master, una delle più importanti riviste di martial arts del paese: un grande incoraggiamento per le persone con disabilità ed un insegnamento per chiunque si trovi a lottare con i problemi che la vita gli pone davanti.


Nota: alcune informazioni presenti in questo articolo sono tratte dall’ottimo articolo “Miguel e le sue quattro vite” scritto da Caterina Marmo, giornalista per Karate Do Magazine.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...