La foto di Muhammad Ali che boxa sott’acqua in piscina vale 18000 dollari

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

La foto di Muhammad Ali che boxa sott’acqua in piscina vale 18000 dollari

Muhammad Ali è probabilmente il pugile che ha consegnato alla storia più di chiunque altro, oltre ai suoi risultati sul ring e le frasi taglienti, una iconografia destinata all’immortalità.

Tra le tante immagini che lo ritraggono durante i momenti cardine della sua carriera (in particolare quelle di Neil Leifer) le più evocative sono forse quelle di Flip Schulke (1930-2008), scattate a “The Greatest” in una piscina di un hotel di Overtown, un sobborgo abitato principalmente da neri nella downtown di Miami, South Florida nel 1951.

Flip Schulke, nato a St. Paul, Minnesota, nel 1930, era un fotografo freelance: “fuggito” di casa a soli quindici anni, diventerà noto per le sue fotografie immortali a personaggi famosi e per i suoi reportage sui movimenti per i diritti civili degli anni ’60.


Il diciannovenne Cassius Marcellus Clay, non ancora Muhammad Ali, e reduce dall’oro olimpico dell’anno precedente, si stava allenando quando Schulke arrivò sul posto per discutere di uno photoshoot con Sports Illustrated.

“Quando Sports Illustrated mi ha assegnato il compito di ritrarre un giovane pugile, tale Cassius Clay, non avevo mai sentito parlare di lui. Sono arrivato in piscina e lui era sott’acqua che si stava allenando. Stava tirando un gancio ed un jab e tutto quello che potevo vedere erano le bolle”.

Flip Schulke e Muhammad Ali posano insieme a bordo piscina con pantaloncini Everlast - Kombatnet Blog
Flip Schulke e Muhammad Ali a bordo piscina con i pantaloncini Everlast

Ali disse al fotografo che un suo vecchio maestro di Louisville gli aveva suggerito di praticare in piscina sfruttando la resistenza dell’acqua e questo suggerì a Schulke l’idea di effettuare alcuni scatti subacquei, che a suo parere sarebbero risultati altamente suggestivi.


“Gli ho detto che era una ottima idea perché si potevano vedere le mani attraverso l’acqua, un po’ come alcune fotografie subacquee che avevo scattato in precedenza”.

La proposta tuttavia venne rifiutata da Sports Illustrated: “Quando richiamai l’editor a Sports Illustrated e gli proposi di voler ritrarre il pugile in piscina, pensarono fossi pazzo e rifiutarono la mia idea” ha scritto Schulke nel suo libro del 2003 “Witness To Our Times”.

Ali tira un jab in acqua - Flip Schulke - Kombatnet Blog
Ali tira un jab in acqua – Flip Schulke

“Così ho chiamato Life magazine ed a loro l’idea piacque. A quei tempi adoravano battere i competitor con un articolo, quindi tornai alla piscina per scattare le foto”. Life magazine era noto al tempo per testare i limiti della fotografia sportiva.


Arrivato in piscina Schulke prese in prestito un paio dei famosi pantaloncini Everlast di Ali e si tuffò in piscina.

“Ho dovuto mettermi un paio dei suoi pantaloncini perché mi ero dimenticato il mio costume da bagno quel giorno. Ho indossato la mia attrezzatura da immersione ed ho cominciato a scattare mentre lui si allenava con diverse combinazioni di colpi”.

Muhammad Ali a bordo piscina - Kombatnet Blog
Muhammad Ali a bordo piscina

Aveva già scattato diverse foto di Muhammad Ali prima di riprenderlo in quello che è poi diventato forse il suo scatto più famoso.


Flip Schulke Muhammad Ali Boxing Underwater 1961 - Kombatnet News
L’iconica immagine di Muhammad Ali che boxa sul fondo di una piscina a Miami, ritratto da Flip Schulke nel 1961

“Mi sono girato ed eccolo lì, in piedi sul fondo della piscina” ha ricordato in seguito. “Voglio dire, è veramente difficile da eseguire come posizione, ed era in una posa pugilistica perfetta. Così ho nuotato fino a lui rapidamente ed ho scattato circa sei foto. Stava trattenendo il fiato e non si muoveva”. Ali vestiva gli stessi pantaloncini Everlast che indossava Schulke, ma i suoi sarebbero passati alla storia in quella immagine iconica catturata dalla macchina del fotografo in quell’istante.

Copertina Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961 - Kombatnet Blog
Copertina Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961

“L’unico rimpianto che ho è che Life non ha scelto quella foto quando ha pubblicato l’articolo. Quell’immagine mi è stata richiesta da persone da tutto il mondo più di ogni altra singola fotografia che abbia mai scattato”.

Interno articolo 1 Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961 - Kombatnet Blog
Interno articolo 1 Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961
Interno articolo 1 Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961 - Kombatnet Blog
Interno articolo 1 Life magazine Muhammad Ali Flip Schulke fotografie piscina 1961

Solo tre anni dopo Schulke, in occasione di un nuovo shoot per Muhammad Ali, scoprì che il grande pugile ed il suo allenatore lo avevano preso in giro.


“Stavamo guardando insieme un album delle mie foto: quando siamo finiti sulle mie fotografie subacquee mi ha fatto l’occhiolino. Ho capito che mi aveva fregato! Sono venuto poi a sapere che lui ed il suo allenatore si erano inventati di sana pianta tutta la storia dell’allenamento sott’acqua. Non sapeva nemmeno nuotare… aveva fregato tutti, e sono venute fuori delle foto fantastiche delle quali sono molto orgoglioso”.

Michael Jordan in piscina come Muhammad Ali - Kombatnet Blog
Michael Jordan in piscina come Muhammad Ali

L’immagine di Schulke farà la storia e verrà ripresa come meme ante litteram in tantissimi contesti: dal film “Creed II” a Michael Jordan che nel 2016 si farà ritrarre nella stessa posa subacquea, come Alicia Keys nel suo tributo ad Ali in collaborazione con il fotografo Brendan Forbes.

Creed II, fotogramma citazione della foto in piscina di Muhammad Ali - Kombatnet Blog
Creed II, fotogramma citazione della foto in piscina di Muhammad Ali
Il tributo ad Ali di Alicia Keys fotografata da Brendan Forbes - Kombatnet Blog
Il tributo ad Ali di Alicia Keys fotografata da Brendan Forbes

Le immagini, in bianco e nero, sono state stampate in seguito in edizione limitata (99 copie) con la tecnica della gelatina ai sali d’argento e le stampe sono disponibili per l’acquisto presso la Keith De Lellis Gallery di New York, con prezzi variabili (legati alle dimensioni) tra 4500 e 18000 dollari.


La stampa più grande ha il timbro a secco dell’archivio di Schulke sul recto (fronte), ed è firmata e numerata 1/99 a penna da Gary Truman e Donna Schulke sul timbro dell’artista sul verso (retro). Ci sono inoltre altre stampe più piccole firmate a matita con il timbro dell’artista sul fronte.

Schulke diventerà noto per aver ritratto in fotografie consegnate alla storia, oltre a Muhammad Ali, anche nomi come Martin Luther King Jr., Fidel Castro, John F. Kennedy ed i primi astronauti del programma spaziale statunitense.

Muhammad Ali diventerà “The Greatest” per i suoi pugni e la sua lingua, ma va riconosciuto che una parte della sua grandezza è dovuta anche al sapiente occhio di chi ha saputo ritrarlo nei suoi momenti migliori.


Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...