Guida completa all acquisto dei paratibie per arti marziali e sport da combattimento - Kombatnet

Guida completa all’acquisto dei paratibie per arti marziali e sport da combattimento

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Guida completa all’acquisto dei paratibie per arti marziali e sport da combattimento

La storia dei paratibie si perde nella notte dei tempi: già le armature degli antichi greci e romani erano costituite di pesanti paratibie di bronzo, per proteggere le gambe dei guerrieri in battaglia dalle armi nella parte che rimaneva al di fuori della protezione dello scudo.

Nell’antichità venivano chiamati “schinieri” o “gambiere” (in latino “ocrearum“) ed il loro utilizzo è durato in ambito militare fino a dopo il medioevo.

Schiniere di un oplita greco - Kombatnet
Schiniere di un oplita greco – Kombatnet
Schinieri italiani del 1400 - Kombatnet
Schinieri italiani del 1400 – Kombatnet

Le prime gambiere erano di cuoio e spesso se ne portava solo una, quella di destra (raramente quella di sinistra), nonostante Omero narri che i suoi eroi ne portassero due. Venivano utilizzati stretti attorno al polpaccio and indossati con calze apposite. In seguito si è passati a costruire gambiere in bronzo, poi in ferro ed infine in acciaio.


Ci si è resi presto conto dell’importanza di proteggere gli arti anche durante l’allenamento e sono nate nei secoli diverse protezioni adatte ad evitare che ci si facesse male mentre ci si addestrava per la guerra.

Sport da combattimento con paratibie - Kombatnet
Sport da combattimento con paratibie – Kombatnet

Infine si è arrivati agli sport da combattimento, dove l’importanza di evitare traumi che impedissero all’atleta di continuare ad allenarsi ha spinto i costruttori di protezioni a cercare soluzioni sempre più efficaci e tecnologicamente avanzate, arrivando così ai moderni paratibie.

Questo articolo è una guida esaustiva all’acquisto di paratibie destinati alla pratica delle martial arts e degli sport da combattimento moderni.


Va subito chiarita una cosa: non esiste il paratibie perfetto: esiste il paratibie più adatto al nostro corpo ed all’utilizzo che se ne deve fare. Ogni persona ha una struttura fisica differente dagli altri ed un paratibia perfetto per un atleta potrebbe essere assolutamente scomodo per un altro.

Come è ovvio ed intuitivo, i paratibie più pesanti offrono una protezione maggiore ma limitano il movimento: paratibie più leggeri sono più comodi ma fanno sentire di più l’impatto.

Perché usare i paratibie?

Perché usare i paratibie in allenamento e durante lo sparring - Kombatnet
Perché usare i paratibie in allenamento e durante lo sparring – Kombatnet

Il paratibie serve durante varie occasioni:


  • Tibia contro avambracci: gli avambracci servono per parare i middle kick ed i vostri paratibie passeranno una buona parte del loro tempo contro quelli dei vostri compagni di allenamento. Scegliere un buon paio di paratibie aiuterà voi ed i vostri sparring partner ad allenarvi al meglio.
  • Tibia contro tibia: in caso di contatto tra tibie, è importante che entrambi i fighter usino un paratibie adeguatamente protettivo per evitare infortuni anche seri che potrebbero tenervi lontano dal ring per un po’.
  • Tibia contro gomito: è comune farsi male al collo del piede, perché è una zona poco protetta da molti paratibie ed è particolarmente doloroso. È importante quindi avere paratibie che proteggano bene anche il collo del piede (ma occorre comunque fare attenzione nel calciare).
  • Tibia contro ginocchio: in caso di parate “dure” con le gambe, soprattutto nella Muay Thai, è facile che il calcio cada sulla parte alta della tibia o addirittura contro il ginocchio: in questi casi è possibile infortunarsi anche seriamente. Per evitare danni, è importante indossare paratibie rigidi di alta qualità (… ed imparare a non calciare frontalmente sul ginocchio!).
  • Tibia contro quadricipite: in questo caso il problema è di chi lo riceve. Utilizzare dei paratibie in allenamento aiuta a limitare l’impatto della tibia ed evitare che lo sparring partner zoppichi per giorni.
  • Tibia contro viso: inutile dire che in fase di allenamento bisogna prestare attenzione a come si tirano i colpi (ed a come li si para) ma è sicuramente meglio accusare un calcio in viso con un paratibie rispetto ad una tibia nuda. In ogni caso… sarebbe meglio evitare!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Il paratibie è una protezione diffusa in molti sport: anche nel calcio si usano paratibie per proteggere l’arto da urti accidentali. Nelle martial arts e negli sport da combattimento i paratibie vengono usati in maniera differente, sia in allenamento che in gara. In questo articolo troverete descritti i diversi tipi di paratibie che si utilizzano nelle differenti discipline a vari livelli di preparazione e per differenti utilizzi.

I paratibie a calza

I paratibie a calza sono ideali per i principianti. Realizzati spesso in tessuto elastico come il neoprene e con una protezione tipicamente in spugna sulla tibia e sull’avampiede, offrono una protezione minima ma sufficiente per le prime fasi dell’apprendimento, permettendo al contempo una maggiore libertà di movimento. Sono adatti per sessioni di sparring leggero e drill tecnici.

Uno dei problemi dei paratibie a calza è la loro durata: spesso tendono a cedere con il tempo, si rovinano dopo ripetuti lavaggi e dopo qualche mese non sono più utilizzabili, perché cadono, oppure si rovinano all’altezza del tallone, spesso esposto. Alcuni modelli sono dotati di un elastico o di un velcro che li fissa sotto il ginocchio, soluzione che fa allungare di un po’ la loro durata.


Tipicamente i paratibie a calza sono destinati ai principianti, ma in alcuni casi si possono usare anche quando, come si dice in gergo, “si devono affilare le tibie“, ossia le si deve rinforzare per abituarsi ai colpi.

Il paratibie a calza tende a non assorbire troppo i colpi quindi bisogna stare molto attenti quando lo si utilizza: se si colpisce con forza si può far male all’avversario ed a sé stessi, soprattutto in caso di collisione con un gomito o con un ginocchio. In molte palestre non è concesso di fare sparring pesante con paratibie a calza.

I paratibie a calza vengono utilizzati anche per i primi match in discipline come la K-1, la kickboxing e le MMA, seguendo i vari regolamenti che cambiano da federazione a federazione.


I paratibie rigidi

Man mano che le abilità migliorano e l’intensità dell’allenamento aumenta, è consigliabile passare a paratibie più robusti, detti paratibie rigidi, formati da due sezioni: la protezione per la tibia e la protezione per l’avampiede, di solito collegati da una giuntura anch’essa rinforzata. Questi sono generalmente realizzati in pelle o pelle sintetica, con imbottiture in schiuma che offrono maggiore protezione contro colpi intensi.

Alcuni modelli rigidi hanno una struttura a calza al posto delle classiche chiusure a velcro posteriori ma a differenza dei paratibie da principiante sono altamente rinforzati sulla tibia, sull’avampiede ed alcuni anche sul collo del piede.

MMA con paratibie - Kombatnet
MMA con paratibie – Kombatnet

I praticanti di MMA, dovendo unire lo striking alla lotta, tendono a preferire paratibie più stretti e aderenti, per evitare fastidio durante il grappling.


I paratibie senza la protezione per il piede (parastinchi)

Per l’allenamento all’aperto, dove l’uso delle scarpe è comune, esistono paratibie che coprono solo la tibia, spesso denominati semplicemente parastinchi.

Ovviamente in questo caso il collo del piede rimane scoperto e bisogna fare attenzione a gomiti e ginocchia, per evitare di farsi male alla caviglia. In caso di allenamenti all’aperto vanno considerate le seguenti condizioni:

  • I paratibie senza avampiede con chiusura a strappo possono essere indossati senza togliere le scarpe ed a volte anche sopra una tuta leggera: sono comodi e veloci da indossare.
  • I paratibie senza avampiede a calza si devono indossare togliendo le scarpe, ma hanno la comodità di poter essere indossati anche sotto una tuta.

Attenzione inoltre ad utilizzare le scarpe per calciare: si rischia di far male al compagno di allenamenti e servono prudenza e controllo della tecnica.


Paratibie per arti marziali

Esistono paratibie specifici per arti marziali come taekwondo, karate e kung fu, studiati appositamente per poter essere indossati sotto (o sopra) le uniformi ed utilizzati durante le competizioni. Spesso le protezioni regolamentari sono di colore rosso o blu, in accordo con il colore dell’angolo di appartenenza per distinguere i due avversari.

In molti casi le protezioni per avampiede e tibie per martial arts sono staccabili e componibili tramite giunture di velcro.

Come scegliere un paratibie

  1. Misura e Vestibilità: il paratibie deve adattarsi comodamente senza scivolare o stringere troppo. Misura la circonferenza della tua gamba sopra la caviglia e sotto il ginocchio per scegliere la taglia giusta. Assicurati che copra adeguatamente la tibia senza limitare il movimento del ginocchio. Attenzione: esistono protezioni specifiche per bambini, divise in taglie come quelle per adulti.
  2. Materiale: i paratibie sono solitamente fatti di pelle, pelle sintetica o tessuti ad alta resistenza come il neoprene. La pelle offre durabilità e un buon assorbimento degli impatti, mentre la pelle sintetica è più leggera e richiede meno manutenzione. Il neoprene offre una vestibilità aderente e traspirabilità.
  3. Imbottitura: cerca paratibie con un’imbottitura sufficiente per assorbire gli impatti. La schiuma ad alta densità è una scelta comune. Assicurati che l’imbottitura sia distribuita uniformemente senza punti deboli.
  4. Design e Copertura: valuta la copertura offerta dal paratibie. Alcuni modelli offrono una protezione estesa fino ai piedi, ideale per sport come la Muay Thai. Considera anche il design: alcuni paratibie hanno aperture o tagli per una maggiore flessibilità e ventilazione.
  5. Chiusura e Sicurezza: controlla il sistema di chiusura. Le cinghie con velcro sono comuni e permettono un facile aggiustamento. Alcuni modelli di paratibie si indossano come calzini, offrendo una vestibilità sicura ma potrebbero essere meno regolabili.
  6. Comfort e Traspirabilità: assicurati che il paratibie sia confortevole durante i movimenti e non causi irritazioni. Il materiale traspirante aiuta a ridurre l’accumulo di calore e sudore.
  7. Durabilità: valuta la qualità delle cuciture e dei materiali. Un paratibie ben costruito dovrebbe resistere a usura e strappi durante l’uso intenso.
  8. Marca e Recensioni: considera marchi rinomati di paratibie e leggi le recensioni per capire l’esperienza degli altri utenti. Questo può darti un’idea della qualità e della durata del prodotto.
  9. Budget: stabilisci un budget, ma ricorda che spesso la qualità si paga. Un paratibie più costoso può offrire una migliore protezione e durare più a lungo.
  10. Prova Prima di Acquistare: se possibile, prova diversi modelli di paratibie prima di prendere una decisione. Questo ti permetterà di valutare direttamente comfort e vestibilità.

I migliori paratibie scelti da Kombatnet:

I paratibie più pregiati: Hayabusa T3


I paratibie Hayabusa T3 sono tra i paratibie più pregiati (e costosi) sul mercato. Offrono la massima protezione grazie all’imbottitura a più strati e forniscono una protezione aggiuntiva sotto al ginocchio grazie alla loro forma particolare. Realizzati in pelle sintetica Vylar, si tratta in assoluto dei paratibie più adatti a sparring pesanti, garantiti per la loro eccellente durata e resistenza agli impatti.

I paratibie dal miglior rapporto qualità prezzo: RDX

I paratibie RDX si distinguono per il loro eccezionale rapporto qualità-prezzo. Realizzati in resistente ecopelle Maya Hide, sono progettati per adattarsi perfettamente alla forma dello stinco, offrendo sia comfort che protezione ottimali. La combinazione di gel Shell Shock e schiuma Supremo-Shock nell’imbottitura assicura un’eccezionale assorbimento degli impatti, rendendoli ideali per discipline di striking. La scelta perfetta per i fighter che cercano qualità affidabile a un prezzo accessibile.


I paratibie più economici per iniziare: LEONE 1947 COMFORT

I paratibie LEONE 1947 COMFORT rappresentano la scelta ideale per chi è agli inizi e cerca un’opzione accessibile senza sacrificare la qualità. Questi paratibie a calza sono specificamente progettati per gli sport da ring, offrendo una combinazione di leggerezza e design anatomico che garantisce una vestibilità confortevole e una protezione efficace. Il tessuto traspirante in cotone assicura il massimo comfort, mentre la chiusura con velcro permette di indossarli rapidamente. Disponibili anche in versione bambino, i paratibie LEONE 1947 COMFORT sono un’ottima scelta per chi desidera iniziare la pratica degli sport da combattimento con un prodotto di qualità e a un prezzo conveniente.

Se avete domande da porre a maestri and esperti di martial arts e del mondo degli sport da combattimento non esitate a porle nella nostra community!


Non dimenticate inoltre di seguirci sui nostri canali:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Share this page

Partecipa!

Welcome to Kombatnet!
Join the world's largest community of combat disciplines!

Commenti

No comments yet

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...