Cancellare la boxe pugilato olimpiadi CIO AIBA USA 2028 - Kombatnet

Vogliono cancellare la boxe? No, ovviamente.

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Vogliono cancellare la boxe? No, ovviamente.

Nella giornata di ieri 10 dicembre 2021 si è diffusa la notizia, falsa, che il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) volesse… “cancellare la boxe“.

Ora, premesso che nessuno può “cancellare” uno sport, se non il tempo (o magari le leggi di un futuro distopico governo mondiale…), riportiamo l’allarme nei suoi giusti confini: quello che è successo è che il Comitato Olimpico Internazionale, per ragioni che andiamo ora a sviscerare, ha deciso di escludere pugilato, sollevamento pesi e pentathlon moderno dai Giochi Olimpici di Los Angeles 2028.

Ufficialmente la decisione è stata presa per rispettare il limite di 28 discipline e 10.500 atleti partecipanti: sono stati inoltre inseriti skateboard, arrampicata e surf.


In seguito il CIO ha diffuso una nota in cui spiega che per le tre discipline escluse c’è aperto un “percorso per poter essere potenzialmente incluse“: tuttavia questa decisione verrà presa solamente nel 2023, a patto che, conditio sine qua non, le rispettive federazioni affrontino le “preoccupazioni delineate dall’organizzazione” (cioé dal CIO stesso). La decisione sarà ratificata dalla 139ma sessione dell’Esecutivo, ossia il 31 gennaio 2022.

Nello specifico il pugilato è stato definito dal CIO Thomas Bachun bambino problematico“. Secondo il Comitato Olimpico infatti l’AIBA (International Boxing Association), già commissariata dal CIO che ha infatti gestito con una propria task force il torneo di pugilato a Tokyo 2020, dovrà “dimostrare di aver affrontato con successo le preoccupazioni relative alla governance, alla trasparenza e sostenibilità finanziaria e all’integrità dei suoi processi di arbitraggio e giudizio“.

La decisione di commissariare l’AIBA è arrivata dopo gli scandali relativi alla corruzione dei verdetti a RIO 2016 e la sospensione di numerosi giudici. Secondo uno studio pubblicato dal legale canadese Richard McLaren la corruzione dei giudici è continuata con la manipolazione dei verdetti per ben cinque anni e non si è limitata al 2016, diffondendosi in tutta l’associazione a livello mondiale, citando elementi di corruzione presenti al 2017 World Championship di Amburgo relativi ad un giudice dell’Azerbaijan ed episodi di “accordi pre match” ai campionati mondiali di Kielce.


Il pugilato è sempre stato presente nelle Olimpiadi moderne a partire dal 1904, con eccezione di Stoccolma 1912 perché in Svezia era vietato.

Esistono numerose altre discipline fuori dal contesto olimpico che non hanno problemi a sviluppare il loro percorso in autonomia: pensiamo alle MMA o alla Muay Thai, di recente inserita tra le discipline Olimpiche ma semplicemente… diversa dalla disciplina alla quale ironicamente dà il nome.

Il CIO ha bocciato il lavoro degli arbitri del match di Clemente Russo contro Tishchenko a Rio 2016

Numerosi atleti riescono a vivere e crescere in circuiti alternativi a quello olimpico e non sarà certo la decisione di un Comitato a “cancellare la boxe“. Una leggenda del pugilato come Canelo ha recentemente chiarito che nonostante la possibilità di parteciparvi aveva “zero interesse per partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020“.


Secondo Patrizio Oliva, oro nei superleggeri a Mosca 1980, la decisione non arriva inaspettata:

“Sono sempre stato per la trasparenza ed è giusto che sia arrivata questa bastonata. Dispiace che gli atleti rinuncino al sogno più grande, le Olimpiadi, per colpa di dirigenti che non sono all’altezza. In più c’è il tema degli arbitri. Dopo le polemiche di Rio 2016, come segno di rottura, erano stati tagliati i 36 migliori. A Tokyo, dove l’Aiba è stata esclusa e i tornei sono stati gestiti dal Cio, quelli presenti erano irreprensibili ma poco esperti”.

L’AIBA ha ora un nuovo presidente, si spera stabile, dopo che Wu Ching-kuo, che ha guidato l’organizzazione dal 2006 al 2017, si è dimesso tra le accuse di cattiva gestione finanziaria e manageriale: dopo di lui è arrivato Gafur Rakhimov, un businesmann uzbeko che è stato sanzionato dal governo USA per presunti legami con la malavita organizzata e descritto come “uno dei principali criminali dell’Uzbekistan“.

Rakhimov ha guidato l’associazione dal 2017 al 2019 per poi essere rimpiazzato da un presidente ad interim, Mohamed Moustahsane, al centro di un tornado di polemiche che lo vedevano accusato di aver manipolato gli statuti AIBA. Dopo di lui è arrivato il reggente Umar Nazarovich Kremlev, già segretario generale e membro del comitato esecutivo della Boxing Federation of Russia, subito al centro di una investigazione disciplinare interna (poi archiviata).


Come si capisce la situazione nel mondo AIBA non è delle più rosee e la fiamma olimpica, che almeno in teoria dovrebbe illuminare le vette etiche e morali del mondo dello sport, ha proiettato le ombre di una federazione che necessita di una ristrutturazione importante per tornare a rappresentare quella che il mondo da sempre chiama “nobile arte“.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...