Saenchai combatte con avversari più grossi alti e pesanti - Kombatnet Blog

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

Su Quora, noto social network improntato su domande e risposte, è stata fatta da un utente la seguente domanda:

“Nelle arti marziali, è vero che la tecnica può battere i muscoli?”


Si tratta di un grande classico tra tutte le domande, è un po’ la storia di Davide contro Golia di biblica memoria e la risposta può andare da banalità trash alle quali ci ha abituato il web (“MMA VS BODYBUILDER CHI VINCE“) a livelli un po’ più articolati e, si spera, un po’ più di spessore.

Pubblico qui di seguito la mia risposta.

<<Tendenzialmente sì.

davide contro golia - chi vince tra tecnica e forza bruta - kombatnet

Bisogna, come sempre, dare un significato alla parola “muscolo“. Anche i marzialisti all’apparenza più gracili hanno muscoli (ovviamente), solamente che li allenano a funzioni completamente differenti rispetto ad un bodybuilder.

Immaginando che la domanda possa essere trasformata in un generico “è vero che la tecnica può battere la forza?” questo è sicuramente vero, anche perché, come ci ricorda Newton, F=ma, ossia Forza uguale Massa per Accelerazione.


Un colpo velocissimo, magari portato con una lunga leva ed una tecnica perfetta in un punto preciso del corpo può essere molto più devastante di un lento, pesantissimo colpo assestato da una persona di corporatura robusta ma con meno tecnica.

Chiaramente queste distinzioni vanno contestualizzate: in un ambito sportivo, dove la precisione può fare la differenza tra un punto assegnato o meno o tra un colpo valido ed una penalità, sono particolarmente vere.

In uno scontro reale difficilmente un ragazzino di 50 kg alto 1.60m potrà affrontare un uomo di 100 kg alto due metri e venirne fuori incolume.


Tanta più è la differenza di stazza tanto più lo svantaggiato in termini di kg deve essere bravo a schivare colpi, entrare nella guardia, colpire precisamente e ritirarsi alla svelta, sempre evitando di essere preso. Cosa non facile, se non si ha almeno una carriera agonistica alle spalle.

In uno scontro reale le variabili sono mille (dall’ambiente all’abbigliamento, solo per citarne alcune) mentre nell’ambito sportivo sono introdotte le categorie di peso proprio per evitare scontri impari.

Durante lo sparring è normale vedere allievi novizi molto pesanti proiettati a terra con facilità (o sottomessi, a seconda della disciplina) da allievi più esperti o dai loro maestri; questo accade perché il novizio non sa che cosa aspettarsi, quindi ad esempio para colpi dove non dovrebbe, si sbilancia o non sa reagire ad una leva. Quando l’allievo diventa più esperto è molto, molto più difficile per atleti anche più bravi ma meno pesanti riuscire a proiettarli, sottometterli o mettere a segno colpi importanti.


bruce lee e kareem abdul jabbar chi vince tra tecnica e forza kombatnet

Esistono invece casistiche meno note, come quelle tra atleti molto prestanti atleticamente, con grande muscolatura e dotati di buona tecnica che affrontano atleti pesanti, magari sovrappeso o non prestanti atleticamente come loro, ma con più esperienza: in quel caso l’esito è difficile da prevedere perché anche in caso di una tecnica non raffinata l’esperienza gioca un fattore enorme. Sottovalutare un pugile sovrappeso che pratica la boxe da 30 anni può essere molto pericoloso, anche per il giovane atleta dagli addominali scolpiti che pratica da qualche anno ed ha qualche match alle spalle.

luigi minchillo guerriero del ring kombatnet

Per arrivare infine ad una risposta generalista: in caso di uno scontro tra un atleta che non ha competenze marziali (sportive o meno) ed un marzialista, non c’è, generalizzando fortemente, alcuna possibilità per il primo. La mancanza di competenza marziale porta inevitabilmente a scoprirsi e basta una finta banalissima per lasciar assegnare un colpo favorito (classico: al naso) all’opponente esperto.

Le eccezioni, o gli estremi, confermano le regole anche in questo caso, come il famoso sparring amichevole ed informale tra Hafþór Júlíus Björnsson (“The Mountain” della serie “Game of Thrones“) e Conor McGregor.


Se fosse stato un vero scontro, in pochi avrebbero tifato per McGregor, nonostante la preparazione tecnica.>>

Un tipico caso di “tecnica contro forza bruta” può essere trovato nei due match di K-1 tra Ernesto Hoost e Bob Sapp, al K-1 Grand Prix Opening 2002 ed al K-1 Grand Prix Finals 2002.

Bob Sapp, inutile dirlo, è stato considerato da tutti un “Tomato Can“, espressione idiomatica usata negli sport da combattimento per indicare un avversario facile da battere, usato per “fare numero” nel curriculum di un atleta o per fare spettacolo. Ernesto Hoost, che con 189 cm per 108 kg di peso non è certo un fantino, non ha potuto nulla contro un colosso di 196 cm pesante 149 kg. Nonostante tutti i suoi tentativi di impostare il combattimento ed usare la sua tecnica, era comunque racchiuso in uno spazio ristretto e costretto dai limiti imposti dalle regole dello sport. Se in un contesto di difesa personale forse sarebbe riuscito a prevalere, le sue due sconfitte sono la riprova che la massa e la forza, anche in presenza di una tecnica limitata, comunque contano.



Chiaramente il discorso può essere ulteriormente approfondito ed ho dovuto limitare la mia opinione perché dovevo scrivere un post, non un trattato: attendo il vostro parere qui su Kombatnet, sapendo di essere circondato da praticanti ed esperti di arti marziali e discipline da combattimento ben più competenti di me.


Se avete piacere quindi, condividete questo articolo e commentatelo qui di seguito 🙂 

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.


Autore: Yuri Refolo Account verificato
L'orso è il mio animale preferito.
Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Gianfranco Rosi - Kombatnet

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (nato il 5 agosto 1957 ad Assisi) è un ex pugile italiano, due volte campione del mondo  WBC (1987-1988) e IBF (1989-1994) nei pesi superwelter. Leggi tutto l'articolo...
Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...