Saenchai combatte con avversari più grossi alti e pesanti - Kombatnet Blog

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Tecnica vs forza bruta: chi vince?

Su Quora, noto social network improntato su domande e risposte, è stata fatta da un utente la seguente domanda:

“Nelle arti marziali, è vero che la tecnica può battere i muscoli?”


Si tratta di un grande classico tra tutte le domande, è un po’ la storia di Davide contro Golia di biblica memoria e la risposta può andare da banalità trash alle quali ci ha abituato il web (“MMA VS BODYBUILDER CHI VINCE“) a livelli un po’ più articolati e, si spera, un po’ più di spessore.

Pubblico qui di seguito la mia risposta.

<<Tendenzialmente sì.

davide contro golia - chi vince tra tecnica e forza bruta - kombatnet

Bisogna, come sempre, dare un significato alla parola “muscolo“. Anche i marzialisti all’apparenza più gracili hanno muscoli (ovviamente), solamente che li allenano a funzioni completamente differenti rispetto ad un bodybuilder.

Immaginando che la domanda possa essere trasformata in un generico “è vero che la tecnica può battere la forza?” questo è sicuramente vero, anche perché, come ci ricorda Newton, F=ma, ossia Forza uguale Massa per Accelerazione.


Un colpo velocissimo, magari portato con una lunga leva ed una tecnica perfetta in un punto preciso del corpo può essere molto più devastante di un lento, pesantissimo colpo assestato da una persona di corporatura robusta ma con meno tecnica.

Chiaramente queste distinzioni vanno contestualizzate: in un ambito sportivo, dove la precisione può fare la differenza tra un punto assegnato o meno o tra un colpo valido ed una penalità, sono particolarmente vere.

In uno scontro reale difficilmente un ragazzino di 50 kg alto 1.60m potrà affrontare un uomo di 100 kg alto due metri e venirne fuori incolume.


Tanta più è la differenza di stazza tanto più lo svantaggiato in termini di kg deve essere bravo a schivare colpi, entrare nella guardia, colpire precisamente e ritirarsi alla svelta, sempre evitando di essere preso. Cosa non facile, se non si ha almeno una carriera agonistica alle spalle.

In uno scontro reale le variabili sono mille (dall’ambiente all’abbigliamento, solo per citarne alcune) mentre nell’ambito sportivo sono introdotte le categorie di peso proprio per evitare scontri impari.

Durante lo sparring è normale vedere allievi novizi molto pesanti proiettati a terra con facilità (o sottomessi, a seconda della disciplina) da allievi più esperti o dai loro maestri; questo accade perché il novizio non sa che cosa aspettarsi, quindi ad esempio para colpi dove non dovrebbe, si sbilancia o non sa reagire ad una leva. Quando l’allievo diventa più esperto è molto, molto più difficile per atleti anche più bravi ma meno pesanti riuscire a proiettarli, sottometterli o mettere a segno colpi importanti.


bruce lee e kareem abdul jabbar chi vince tra tecnica e forza kombatnet

Esistono invece casistiche meno note, come quelle tra atleti molto prestanti atleticamente, con grande muscolatura e dotati di buona tecnica che affrontano atleti pesanti, magari sovrappeso o non prestanti atleticamente come loro, ma con più esperienza: in quel caso l’esito è difficile da prevedere perché anche in caso di una tecnica non raffinata l’esperienza gioca un fattore enorme. Sottovalutare un pugile sovrappeso che pratica la boxe da 30 anni può essere molto pericoloso, anche per il giovane atleta dagli addominali scolpiti che pratica da qualche anno ed ha qualche match alle spalle.

luigi minchillo guerriero del ring kombatnet

Per arrivare infine ad una risposta generalista: in caso di uno scontro tra un atleta che non ha competenze marziali (sportive o meno) ed un marzialista, non c’è, generalizzando fortemente, alcuna possibilità per il primo. La mancanza di competenza marziale porta inevitabilmente a scoprirsi e basta una finta banalissima per lasciar assegnare un colpo favorito (classico: al naso) all’opponente esperto.

Le eccezioni, o gli estremi, confermano le regole anche in questo caso, come il famoso sparring amichevole ed informale tra Hafþór Júlíus Björnsson (“The Mountain” della serie “Game of Thrones“) e Conor McGregor.


Se fosse stato un vero scontro, in pochi avrebbero tifato per McGregor, nonostante la preparazione tecnica.>>

Un tipico caso di “tecnica contro forza bruta” può essere trovato nei due match di K-1 tra Ernesto Hoost e Bob Sapp, al K-1 Grand Prix Opening 2002 ed al K-1 Grand Prix Finals 2002.

Bob Sapp, inutile dirlo, è stato considerato da tutti un “Tomato Can“, espressione idiomatica usata negli sport da combattimento per indicare un avversario facile da battere, usato per “fare numero” nel curriculum di un atleta o per fare spettacolo. Ernesto Hoost, che con 189 cm per 108 kg di peso non è certo un fantino, non ha potuto nulla contro un colosso di 196 cm pesante 149 kg. Nonostante tutti i suoi tentativi di impostare il combattimento ed usare la sua tecnica, era comunque racchiuso in uno spazio ristretto e costretto dai limiti imposti dalle regole dello sport. Se in un contesto di difesa personale forse sarebbe riuscito a prevalere, le sue due sconfitte sono la riprova che la massa e la forza, anche in presenza di una tecnica limitata, comunque contano.



Chiaramente il discorso può essere ulteriormente approfondito ed ho dovuto limitare la mia opinione perché dovevo scrivere un post, non un trattato: attendo il vostro parere qui su Kombatnet, sapendo di essere circondato da praticanti ed esperti di arti marziali e discipline da combattimento ben più competenti di me.


Se avete piacere quindi, condividete questo articolo e commentatelo qui di seguito 🙂 

Autore: Yuri Refolo Account verificato
L'orso è il mio animale preferito.
Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...