Pesistica classica o allenamento funzionale per le arti marziali?

Pesistica classica o allenamento funzionale per le arti marziali?

➡️ Segui Advanced Eskrima System su Kombatnet!

Partiamo dal presupposto che la preparazione fisico-atletica è fondamentale per poter fronteggiare un aggressione. Al pari di qualsiasi sport o arte marziale, essa costituisce il 50% del lavoro da svolgere. Puoi conoscere qualsiasi tecnica ma se dopo 20 secondi non hai più fiato soccomberai. In oltre le tecniche da combattimento necessitano elasticità e potenza per essere portate al massimo delle loro potenzialità. Tutti i corsi che non prevedono tale preparazione ma sostengono che la conoscenza di alcune tecniche possa da sola essere sufficiente, non sono da considerare assolutamente affidabili e veritieri.

Detto questo, che tipo di allenamento è più funzionale al nostro scopo???


Certamente un allenamento classico culturistico non lo è, avendo oltretutto finalità diverse. Più grosso non significa necessariamente più forte in combattimento. Bisogna imparare a comprendere la genetica della personale struttura e sfruttarne i punti forti, rafforzandone i punti deboli. Pesi si ma funzionali al raggiungimento del nostro obbiettivo. Oggi diversi moduli di allenamento, functional, cross training, crossfit, ecc sono ampiamente consolidati nella preparazione degli atleti alle competizioni, quindi anche chi vuole trovarsi pronto ad un combattimento non regolamentare ne deve seguire i principi.

Una buona routine di preparazione deve prevedere necessariamente quattro fasi fondamentali: allenamento della resistenza polmonare e muscolare, allungamento muscolare, aumento della velocità ed incremento della forza il cui prodotto sviluppa la potenza di impatto dei colpi. Suddividere queste 4 fasi in sessanta minuti (venti per fase) è già ottimale. In oltre, come per ogni lottatore, non va sottovalutata l’importanza del condizionamento fisco per la resistenza ai colpi dell’avversario e per “affilare” le nostre armi, si dà rendere più incisivi i nostri colpi stessi (da eseguire queste con notevole gradualità).

Ecco che un buon istruttore deve avere ottime conoscenze in materia ed essere esso stesso preparato fisicamente. Un preparatore che non abbia una buona forma fisica e come un dentista con i denti cariati. Voi permettereste di mettere le mani in bocca????
Ad Maiora


Autore: Advanced Eskrima System

Perché scegliere Advanced Eskrima System?
• Innovativa non nella creazione di nuove tecniche o figure, in tremila anni di storia marziale è stato oramai codificato di tutto e l’uomo continua ad avere due braccia e due gambe, ma nella realizzazione di un nuovo sistema didattico, di apprendimento e di scelta delle tecniche più consone ed efficaci al raggiungimento dell’obbiettivo;

• innovativa per l’approccio marziale tradizionale dell’insegnamento e il conseguente apprendimento delle tecniche selezionate, attraverso la ripetizione continua delle tecniche fondamentali, usando diverse formule;

• marziale perché si vogliono anche mantenere quei principi filosofici, mentali e spirituali che hanno contraddistinto le arti da combattimento per secoli;


• semplicità, efficacia e veridicità sono i pilastri fondamentali nella scelta ed applicazione delle tecniche utili allo scopo fondamentale, fronteggiare un aggressore;

• obbiettivo ultimo dell’A.E.S. sarà creare competenze tali da far si che il praticante abbia un’ottima difesa a mani nude e con le armi, che siano da percussione o da taglio. Così facendo avrà buone possibilità di difendersi in diverse circostanze. Analisi e studio degli aspetti psicologici e tattici sono parte integrante del Sistema.

Seguiteci anche su:


➡ Facebook: https://www.facebook.com/AdvancedEskrimaSystem/

➡ Instangram: https://www.instagram.com/advanced_eskrima_system

➡ Blog: https://advancedeskrima.com


Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!

Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

@peepso_user_91(Yari Ashigaru Filippo Esposto)
Allora ti consiglio di andare in una buona palestra e chiedere di fare sparring (pesante) con il più esperto del gruppo (che abbia almeno 40-45 anni di età) che si allena 2-3 volte a settimana per restare in forma... vedrai come stravolgerà le tue idee 😉
@peepso_user_3(Yuri Refolo)
Io penso che nel campo della difesa personale si tratti di massimizzare le proprie possibilità di uscita indenni dallo scontro e di minimizzare il danno (il che prevede tutta una serie di competenze ed abilità non sportive in aggiunta alla forma fisica) ma non può prescindere dal contesto e dalla struttura dell'assalitore e dell'assalito. Un gigante di due metri fuori forma che pesta un mingherlino di 40 kg sono una "situazione" tipica: l'unica opzione per il piccolo è la fuga, altroché condizionamento. Diverso è il caso in cui si stia parlando di un assalto tra "pesi medi" dello stesso peso: lì le cose si complicano. Con armi? Senza armi? Non saprei che dire... penso che a prescindere da tutto la forma fisica aiuti tantissimo, ma poiché la tecnica più valida usata nella difesa è LA FUGA, in teoria un runner batte un wrestler in ogni contesto. Chissà che ne pensa il nostro @peepso_user_55(Bruno Guerra) 😀
@peepso_user_55(Bruno Guerra)
@peepso_user_3(Yuri Refolo) anche se io penso che il JJ sia la miglior forma di difesa personale, anche perché è stato sviluppato proprio per quello, nonostante si sia sviluppato molto anche come sport negli ultimi 20 anni, non mi piace parlare di questo argomento, perché le variabili sono infinite e poi, sembriamo tutti dei bambini che litigano a scuola quando uno dice... il mio papà fa la boxe... ma il mio ha il coltello... ma il mio ha la pistola... il mio il fucile... e così via in un crescendo immaginario dove tutto si dice ma niente viene a capo. Io sono brasiliano di nascita e cresciuto in un ambiente dove qualsiasi cosa si diceva sulle arti marziali veniva subito messa alla prova. In questo modo è nato il BJJ, il vale-tudo e posteriormente le MMA come sono oggi conosciute. Posso stare qua a scrivere fino a domani su questo argomento, ma penso che questo non ci porti da nessuna parte. Per quello che riguarda gli allenamenti atletici. Io vivo in ambienti dove si combatte a
Leggi tutto
@peepso_user_55(Bruno Guerra)
@peepso_user_3(Yuri Refolo) In aggiunta alla parte finale del tuo commento, sono d'accordo che un runner batta un wrestler nella fuga, ma solo perché il wrestler non fugge. Ti butta giù e ti fa fuori molto velocemente... 😉 Poi, ovviamente qualcuno dirà... si, ma se sono più di uno gli aggressori? E lì comincia lo scenario delle mille variabili... E se tiro fuori il coltello? E se tiro fuori la pistola? ecc... ecc... ecc...
1 mese fa 1 mese fa