Le migliori scarpe da boxe 2022 scelte da Kombatnet

Le migliori scarpe da boxe (2023) scelte da Kombatnet

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Le migliori scarpe da boxe (2023) scelte da Kombatnet

Le scarpe da pugilato sono uno degli strumenti del pugile: come tali, devono agevolare il lavoro dell’atleta sia nello sparring che durante i match e devono unire comfort, resistenza, supporto e protezione.

Le scarpette (o stivaletti) da boxe devono dare il giusto grip a terra per evitare di scivolare ma devono al contempo aiutare spostamenti e rapide torsioni. Devono supportare il piede e la caviglia restando leggere senza ostacolare mobilità e velocità.

Ecco qui di seguito le migliori scarpette da pugilato del 2023 scelte da Kombatnet per voi.


LE MIGLIORI SCARPE DA BOXE 🥊 [2022] SCELTE DA KOMBATNET

Le migliori scarpe da boxe

BENLEE Rocky Marciano

Acquista ora le scarpe da boxe BENLEE Rocky Marciano su Amazon - Kombatnet

Le BENLEE Rocky Marciano sono scarpe eccezionali, resistenti, leggere e con un grande grip. Questo tipo di scarpa viene chiamato anche “stivaletto basso” o “mezzo stivaletto“. Come il nome di Rocky Marciano suggerisce, queste scarpe sono sono pensate per il picchiatore più che per lo stilista / out-fighter e consentono di trasferire efficacemente tutta la potenza sul colpo.

Pro Pro


Grip fantastico

Molto resistenti

Massima protezione del piede

Traspiranti

Contro


Poco supporto alla caviglia


Adidas Box Hog 2

Acquista ora le scarpe da boxe Adidas Box Hog 2 su Amazon - Kombatnet

Le Adidas Box Hog 2 sono lo standard de facto per il pugile di oggi, da molti considerate le migliori scarpe da boxe presenti sul mercato. Si tratta di scarpe comode, leggere e resistenti, adatte sia per la preparazione tecnica e atletica (come il salto della corda) che per lo sparring e l’attività agonistica. Il tessuto traspirante tiene sotto controllo la temperatura del piede mentre le finiture rinforzate proteggono da pericolose torsioni. Vengono considerate tra le scarpe più resistenti e durevoli sul mercato.

Leggi la recensione completa

Pro Pro


Durata sopra la media

Leggerissime

Massima protezione del piede

Traspiranti

Contro


Generiche (non specializzate per lo stilista o per il picchiatore)*

* Le Adidas Box Hog 2 non hanno, realmente, difetti. A voler cercare forzatamente un problema, si potrebbe obiettare che un picchiatore o uno stilista, con stili diametralmente opposti di combattimento, potrebbero aver bisogno di un supporto maggiore alle rispettive tecniche, ma si tratta di un dettaglio valido solo da un certo livello di preparazione in su.


Leone 1947 – Cl188

Acquista ora le scarpe da boxe Leone 1947 - Cl188 su Amazon - Kombatnet

Le Leone 1947 – Cl188 sono scarpe da boxe molto note, in pelle, con chiusura a lacci ed il tacco piatto. Calzano in maniera molto precisa e sono particolarmente morbide, tuttavia la suola molto fine non consente un utilizzo outdoor (comunque sconsigliato con quasi tutte le scarpe da boxe) e qualcuno le trova dure anche per saltare la corda. Si tratta di scarpe per un utilizzo non troppo intenso, adatte per il principiante e l’amatore ma probabilmente sconsigliate all’agonista ed al professionista. Il marchio Leone 1947 è una garanzia e si riflette anche sull’estetica, sicuramente curata. Non ci sono disegni particolari sulla suola all’altezza della base dell’alluce per favorire la rotazione, caratteristica presente in altri modelli elencati in questa pagina.

Pro Pro


Estetica curata

Leggerissime

Buona protezione della caviglia

Adatte ad un outdoor leggero

Contro


Non troppo durevoli

Suola abbastanza rigida


Adidas Combat Speed 5

Acquista ora le scarpe da boxe Adidas Combat Speed 5 su Amazon - Kombatnet

Le Adidas Combat Speed 5 sono scarpe da boxe in gomma e pelle con lacci e chiusura a velcro sulla caviglia, con un minimo tacco. Le finiture sono precise e la struttura è solida. Non sono adatte a chi ha un piede dalla pianta larga. Si tratta di scarpe leggere, comode e con un grande supporto della caviglia, che tuttavia consente una buona mobilità. Il disegno del carrarmato agevola le torsioni sull’avampiede consentendo di trasferire più efficacemente la forza sui colpi.

Pro Pro


Ottimo disegno della suola

Adatte agli stilisti

Grande supporto della caviglia

Contro


Calzata stretta

Durata sotto la media


Venum Elite

Acquista ora le scarpe da boxe Venum Elite su Amazon - Kombatnet

Le Venum Elite sono scarpe in pelle sintetica e maglia, con una ottima suola di gomma dal grip solido ed ottimizzato per l’attaccante. Frutto dell’intenso lavoro di ricerca tra Venum e fighter di fama mondiale come Jorge Linares, Miguel Berchelt e Juan Francisco Estrada, sono state testate in laboratorio, palestra e sul ring di eventi importanti. Forniscono un eccellente supporto alla caviglia ed una buona traspirazione grazie alla rete a nido d’ape, mantenendo resistenza e durabilità.

Pro Pro


Tecnicamente perfette

Grip eccezionale

Soletta ergonomica

Esteticamente al top

Contro


Prezzo elevato

Come scegliere le scarpe da boxe: guida completa

Le caratteristiche della scarpa da pugilato

La scarpa da boxe deve assistere il pugile durante l’allenamento, aiutando il movimento e proteggendo piede, caviglia e dita da infortuni.

La “migliore scarpa da boxenon esiste: esiste quella che meglio aiuta ad allenarsi ed a combattere, sia nello sparring che in combattimento.


Pugili più pesanti avranno bisogno di scarpe resistenti, poiché le sottoporranno a pressioni notevoli: ma anche pugili più leggeri tenderanno a consumare la scarpa, con scivolamenti e tecniche rapide di uscita e rientro.

Per questo esistono vari tipi di scarpe, adatte ai vari stili di pugilato: lo “stilista” (out-fighter), il “picchiatore“, l'”in-fighter” troveranno comode scarpe diverse anche in relazione alla loro fisicità. Se un fighter come Mike Tyson ha sicuramente bisogno di una scarpa resistente e con grande grip (vedi sotto) per sfruttare al meglio la catena cinetica e trasferire la potenza ai colpi, un Lomachenko necessita comunque di una scarpa robusta che usuri poco la suola e che protegga la caviglia durante i suoi spostamenti “alla Matrix” attorno all’avversario.

Gli stivaletti alti da pugilato di solito aiutano a proteggere la caviglia ma possono compromettere la mobilità: le scarpe basse possono avere il problema opposto, ossia lasciare spazio alla caviglia così come al rischio di una distorsione.


La calzata di una scarpa da boxe è solitamente giusta o addirittura stretta: le scarpe da boxe sono progettate per piedi snelli quindi il suggerimento per i pesi massimi è di orientarsi verso una mezza taglia o una taglia superiore rispetto al proprio numero.

La suola di una scarpa da boxe è normalmente piatta: deve essere usata sul ring, su tatami o comunque su superfici piane e soprattutto non è pensata per migliorare o modificare la postura dello sportivo. In alcuni casi ci sono solette interne sagomate in maniera ergonomica per supportare al meglio il piede: possono risultare scomode a chi abbia i piedi piatti.

L’altro elemento fondamentale è il grip, ossia la presa sul suolo che è effettuata dalla suola. Esso dipende dalla forma del carrarmato, che va da disegni estremamente complessi e suole di gomma morbida, con grande grip, adatte a picchiatori che vogliono trasferire completamente la forza nei colpi, a suole quasi lisce, che consentono di muoversi agevolmente attorno all’avversario.


Molte suole presentano una figura circolare all’altezza della base dell’alluce che agevola la torsione del piede sia per gli spostamenti che (argomento controverso…) quando si tirano i ganci.

Va considerato in ogni caso il luogo dove verranno usate: qualche pugile si allena su tatami, altri su parquet/linoleum. Il ring è genericamente ricoperto da un telo, solitamente antiscivolo, di varia fattura: il telo di canapa o di tessuto è meno scivoloso di quello in PVC ma la scivolosità è legata anche ad eventuali stampe o trattamenti antipioggia.

Un altro elemento da considerare è la rigidità della suola: scarpe molto deformabili sono più adatte a pesi leggeri e fighter meno “piazzati sul posto“, mentre i “picchiatori“, soprattutto dai pesi medi in su, possono aver bisogno di suole più rigide per far fronte alle maggiori sollecitazioni meccaniche.


La tomaia, infine (la parte superiore) spesso non viene considerata abbastanza: in realtà si tratta di una parte importantissima della scarpa, che va ad impattare sul movimento delle dita, le protegge in caso di “pestate” accidentali (più comuni di quanto si pensi) e connette con la linguetta e la fodera, fondamentali per proteggere adeguatamente il collo del piede. Tutta la parte superiore della scarpa necessita di attenzione costruttiva (e di analisi attenta da parte dell’acquirente) perché è la parte che contiene il piede e ne garantisce la protezione da eventuali distorsioni, fino alla caviglia.

L’utilizzo di fasce rinforzate unitamente a zone traspiranti è la scelta moderna più diffusa, che consente di unire un buon supporto alla capacità di dispersione del calore.

Un ultimo elemento è legato all’intensità dell’utilizzo che se ne farà: se un amatore che si allena due o tre volte alla settimana potrà usare le sue scarpe, se tenute bene, anche per un anno intero o più, la stessa cosa non si può dire per il fighter professionista, che usa le scarpette da boxe per varie ore al giorno e le sottopone a tantissime sollecitazioni.


Meglio, in tal caso, pensare ad una scarpa di livello superiore, magari più costosa ma che nel lungo periodo si potrebbe rivelare un acquisto più conveniente, oltre che sul piano tecnico, anche su quello economico.

Come trattare le scarpe da boxe

Le scarpe da boxe vanno trattate con cura per massimizzarne la durata e non diminuirne le caratteristiche tecniche.

Una volta utilizzate le scarpe da boxe vanno lasciate all’aria aperta onde evitare il formarsi di cattivi odori ed anche possibili muffe.


Esistono degli spray antibatterici che consentono di eliminare odori e limitano il proliferare di microorganismi all’interno. I cattivi odori possono anche essere limitati inserendo della carta di giornale all’interno delle scarpe da boxe, senza pressarla per evitare deformazioni. La carta deve essere rimossa il giorno seguente.

Esistono inoltre dei sistemi di sanificazione all’ozono, diffusi in varie zone d’Italia (spesso presso le lavanderie self-service) che consentono di eliminare il cattivo odore (va chiarito che l’ozono non ha proprietà sterilizzanti ma solo sanificanti). Le scarpe da boxe (come guantoni e fasce) possono essere trattate con ozono senza alcun problema (in assenza di altri trattamenti).

Le scarpe da boxe non vanno mai messe in lavatrice, salvo diversamente specificato dal costruttore e comunque con un lavaggio estremamente delicato, senza centrifuga, con temperature basse e senza asciugatura rapida. Sarebbe bene evitare di lavarle, tout-court. In caso si fossero sporcate, tentare di rimuovere lo sporco localmente a secco ed asciugarle alla svelta evitando di lasciarle umide per troppo tempo.


Le scarpe da boxe non vanno utilizzate in spiaggia o, peggio, in presenza di salsedine: in caso vanno pulite con un panno umido ed asciugate con della spugna, della carta o un asciugamano.

Se le vostre scarpe da boxe sono umide potete asciugarle all’aria ma non direttamente sotto i raggi del sole: oltre che scolorirsi potrebbero anche creparsi o subire distacchi, a causa del differente coefficiente di dilatazione dei materiali.

Lo stesso vale per il freddo e l’umidità: evitate di lasciarle sulla neve, sotto la pioggia o nella nebbia se non volete ridurre drasticamente la loro durata.


Pro tip: in molti suggeriscono di utilizzare il bicarbonato, magari disciolto in acqua, spruzzandolo all’interno di scarpe, guantoni, caschetti. ATTENZIONE! Il bicarbonato può essere veramente irritante e se non viene pulito adeguatamente può rendere la vostra attrezzatura inutilizzabile: sudore e bicarbonato non vanno assolutamente d’accordo.

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...