Il match di pugilato di Rodolfo Valentino - Kombatnet

Il match-duello di boxe tra Rodolfo Valentino e Frank O’Neil

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Il match-duello di boxe tra Rodolfo Valentino e Frank O’Neil

Forse non tutti sanno che Rodolfo Valentino è stato un appassionato praticante di pugilato ed ha anche combattuto un matchduello con un giornalista, Frank O’Neil, preparato sotto la guida del campione dei pesi massimi Jack Dempsey, il “Massacratore di Manassa“, per vendicare un’offesa subita.

Valentino, il cui vero nome era Rodolfo Pietro Filiberto Raffaello Guglielmi (in seguito con l’aggiunta di Valentina DAntonguella), nacque a Castellaneta, in Puglia, nel 1985 e dopo una breve carriera in Europa si imbarcò per l’America, dove ebbe successo come ballerino e attore nel cinema muto, diventando una icona di stile e diventando il più grande sex symbol dell’epoca. Valentino da quel momento ha incarnato nell’immagine collettiva il concetto di “Latin Lover” consegnando il suo nome alla storia.

Rodolfo Valentino in uniforme da scherma - Kombatnet
Rodolfo Valentino in uniforme da scherma – Kombatnet

Valentino, cultore della forma fisica, era interessato anche ad altre discipline da combattimento: numerose fotografie lo ritraggono in veste di schermidore e di lottatore, attività che reputava complementari al suo allenamento come ballerino.


Rodolfo Valentino lotta con un amico nella sua residenza - Kombatnet
Rodolfo Valentino lotta con un amico nella sua residenza – Kombatnet

Nel luglio del 1926, il Chicago Tribune riportò che in un lussuoso hotel era apparsa una macchinetta per la vendita di polvere di talco (cipria) nel bagno degli uomini. Un editoriale anonimo che ne seguì, presumibilmente scritto dal giornalista John Herrick, usò la notizia per protestare contro l’effeminazione degli uomini americani, contestando l’utilizzo della cipria per i maschi durante i film ed attaccando personalmente Valentino, accusandolo di omosessualità.

Homo Americanus!” riportava l’articolo: “Perché qualcuno non ha annegato Rudolph Guglielmi, alias Valentino, anni fa?“.

Il pezzo fece infuriare Valentino, che sfidò il giornalista a duello tramite un articolo sul Chicago Herald Examiner, accusandolo di tentare di rovinare la sua immagine e facendogli scegliere tra un match di boxe o di lotta, dato che i duelli con pistole o spade erano stati dichiarati illegali, per provare così la sua mascolinità.


Spero di avere l’opportunità di dimostrarti che il polso di uno schiavo può sferrare un vero pugno alla tua mascella cadente“, scrisse Valentino nella sua sfida pubblica, che tuttavia cadde nel vuoto senza risposta.

Poco dopo, Valentino incontrò il giornalista H.L. Mencken per chiedere consiglio su come gestire meglio l’incidente. Mencken consigliò a Valentino di “lasciar correre questa terribile farsa fino allo sfinimento“, ma Valentino insistette, sostenendo che l’editoriale fosse “infame” e continuò a cercare una soluzione per “vendicare l’onta subita“.

Dopo che Valentino sfidò l’anonimo autore del Tribune, FrankBuckONeil, giornalista del New York Evening Journal che si occupava di pugilato si offrì di combattere al posto dell’anonimo collega di fronte ad un gruppo di reporter.


Valentino accettò la sfida e i due si incontrarono sul tetto dell’Ambassador Hotel di New York City, con Jack Dempsey come arbitro.

Il match di pugilato tra Frank O'Neil e Rodolfo Valentino - Kombatnet
Il match di pugilato tra Frank O’Neil e Rodolfo Valentino – Kombatnet

Stando alle cronache dell’epoca ONeil riuscì a tirare solo un colpo prima che Valentino lo mettesse al tappeto. Da bravo gentleman, Valentino lo aiutò subito a rialzarsi e si scusò per il colpo da KO, tra gli applausi dei presenti. Valentino fu dichiarato vincitore del match. “Quel ragazzo ha un pugno come il calcio di un mulo!” dichiarerà poi ONeil.

Dempsey, che allenava Valentino e altre celebrità di Hollywood nella boxe, disse di lui: “Era il più virile e mascolino di tutti gli uomini. Le donne gli ronzavano intorno come mosche attorno al miele. Non riusciva mai a scrollarsele di dosso, ovunque andasse. Che ragazzo fortunato e affascinante“.


Quando Mencken incontrò Valentino lo trovò simpatico e gli sembrò un vero gentiluomo, tanto da scrivere di lui sul The Baltimore Sun una settimana dopo la sua morte:

Non era quell’episodio futile a Chicago che lo tormentava; era l’intera e grottesca futilità della sua vita. Non aveva forse raggiunto, dal nulla, un enorme e vertiginoso successo? Sì, ma quel successo era tanto vuoto quanto vasto – un nulla colossale e disparato. Veniva osannato da urlanti moltitudini? Ogni volta che la folla lo acclamava si vergognava di sé stesso… La cosa, all’inizio, lo aveva solo confuso: ma in quegli ultimi giorni, a meno che io non sia un psicologo peggiore anche dei professori di psicologia, lo stava distruggendo dal di dentro. Peggio, gli stava facendo paura… Da una parte era un giovane uomo che viveva quotidianamente il sogno di milioni di altri uomini. Era per le donne come l’erba gatta per i felini. Aveva ricchezza e fama. Ma era estremamente infelice“.

Nonostante il grande successo negli Stati Uniti Valentino non farà mai richiesta di naturalizzazione e conserverà la nazionalità italiana fino alla morte, nel 1926, per una peritonite, poche settimane dopo il suo unico, vittorioso match di pugilato.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Ti invieremo una mail di conferma: controlla la tua casella e clicca sul link al suo interno!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...