Come costruire un sacco da boxe fai da te - Kombatnet Blog

Come costruire un sacco da boxe?

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Come costruire un sacco da boxe?

Un sacco da boxe è uno strumento utilissimo per l’allenamento degli sport da combattimento come pugilato, kickboxing, muay thai, savate.

Sul mercato esistono sacchi da boxe di diversa boxe e di prezzi differenti, che vanno da meno di un centinaio di euro a diverse centinaia di euro nel caso di prodotti destinati ad un utilizzo professionale.

É possibile costruire un sacco da boxe da soli?

É sicuramente possibile costruire un sacco da boxe da soli risparmiando rispetto ad un prodotto commerciale ma bisogna dire che è molto difficile raggiungere i livelli costruttivi dei prodotti professionali se non si ha una buona manualità, accesso a materiali di qualità ed una minima disponibilità economica. Tuttavia è comunque possibile costruire un buon strumento di allenamento, magari customizzato secondo le nostre necessità.


Differenti tipi di sacchi da boxe e kickboxing - Kombatnet Blog
Esistono differenti tipi di sacchi da boxe: a “pera”, leggeri, pesanti, lunghi per i calci bassi o corti per il pugilato

I diversi tipi di sacchi da boxe

Esistono numerosi tipi di sacchi da colpire destinati all’esercizio nelle varie discipline da combattimento. Essenzialmente le differenze riguardano forma e peso, che influenzano e sono influenzate poi anche dai materiali costruttivi.

Acquista ora il kit comprendente sacco da boxe RDX guanti catena staffa su Amazon - Kombatnet
Acquista ora il kit comprendente sacco da boxe, guantoni, staffa e catena della RDX su Amazon

La prima domanda che dovrete farvi è: “per cosa lo utilizzerò?

Esistono sacchi leggeri, utilizzati per un lavoro di velocità e reattività e sacchi pesanti che servono a far sviluppare la potenza dei colpi oltre che condizionare gli arti. Se dovete allenare le gambe dovrete utilizzare un sacco medio-lungo in modo da poterlo colpire anche, eventualmente, con low-kick: se troppo corto potrete allenare solo i middle e gli high-kick. Se volete un sacco da pugilato non avrete problemi di lunghezza ma potreste essere interessati a sacchi sferici (a forma di “pera” ) per meglio allenare i montanti. Insomma: forma e peso sono le due variabili da tenere in considerazione, assieme all’utilizzo previsto.


Low kick e ginocchiate al sacco da boxe - Kombatnet Blog
Clicca qui e acquista ora su Amazon il sacco da boxe Leone 1947 da 30kg - Kombatnet
Clicca qui e acquista ora su Amazon il sacco da boxe Leone 1947 da 30kg

Materiale necessario per costruire un sacco da boxe

Per costruire un sacco da boxe da soli serve:

  • Un sacco contenitore
  • stracci e vecchi vestiti senza parti metalliche o dure come zip e bottoni
  • sabbia (opzionale)
  • segatura (opzionale)
  • sacchetti di plastica (opzionali)
  • foglio di materiale plastico (consigliato)
  • nastro adesivo molto resistente
  • gancio
  • catena
  • ammortizzatore

Il sacco contenitore

Una possibilità che consente di risparmiare notevolmente è l’acquisto di un sacco da boxe vuoto pronto per essere riempito.

Altre soluzioni possibili sono il creare un sacco con del PVC molto spesso (come un telo per barche) che però deve essere tagliato bene, rifinito con ottime cuciture per evitare di rompersi di taglio e non si tratta di una lavorazione semplice.


È possibile utilizzare anche altre soluzioni: sacchi derivati da vecchi borsoni con l’apertura da un solo lato, sacchi di iuta, sacchi di plastica. L’importante è che non contengano zip, parti metalliche o dure come bottoni sporgenti se non nella parte in alto, dove il sacco non verrà colpito, per evitare di farsi male.

Ganci e asole per appendere il saccoda boxe - Kombatnet Blog

Il sacco deve avere almeno tre punti di ancoraggio per le catene (o corde) che lo collegheranno al gancio: normalmente ce ne sono tre o quattro e sono importantissimi per poter appendere il sacco correttamente. Devono essere solidi, ben cuciti al sacco principale e spesso sono costruiti con anelli di tessuto molto resistente. Possono essere creati con delle vecchie cinture da automobile o equivalente tessuto robusto: saranno i punti più stressati della struttura.

Il riempimento

Il riempimento di un sacco da boxe può essere effettuato in vari modi. Tipicamente i sacchi in commercio vengono riempiti con pezzi di stoffa, a volte con sabbia, segatura o un mix di entrambe imbustato dentro dei sacchetti di plastica chiusi ermeticamente. Talvolta lo spazio tra il contenuto ed il contenitore viene riempito di materiale isolante per evitare che il sudore penetri all’interno creando muffe. Qualche sacco viene riempito anche di alcuni strati di spugna per renderlo più morbido. In caso si utilizzi della sabbia è bene asciugarla correttamente e stare attenti che non contenga argilla (no alla sabbia di fiume quindi) per evitare che trattenga l’umidità.


Stracci vecchi vestiti riempimento sacco da boxe - Kombatnet Blog

Può essere utile isolare lo spazio dove andrà il riempimento dal contenitore con un foglio di materiale plastico (tipicamente polietilene) per migliorare l’impermeabilità.

Alcuni preferiscono mettere un disco rivestito sul fondo del sacco ed in cima per mantenere la forma: altri preferiscono evitare di inserire un elemento troppo duro da colpire in una zona troppo esposta.

È importante distribuire il contenuto del riempimento in maniera uniforme ed evitare il posizionamento degli elementi più pesanti (come i sacchetti di sabbia o segatura) sul fondo.


Attenzione: un sacco da boxe riempito male non oscilla correttamente.

Per questo i sacchi non si riempiono con sabbia libera: dopo pochi colpi la sabbia si posizionerebbe sul fondo rendendolo durissimo mentre la parte superiore resterebbe troppo morbida ed elastica per un allenamento efficace. Imbustando i sacchetti e posizionandoli in maniera regolare per tutta la lunghezza del sacco è possibile gestire peso e durezza in maniera corretta.

Se un sacco da boxe è troppo duro da colpire (tipicamente nella parte bassa) rischia di causare traumi a nocche, polsi, tibie e collo del piede. Un sacco da boxe dovrebbe avere la stessa consistenza in ogni punto in cui lo si può colpire.


È consigliato pesare il sacco durante il riempimento per avere un’idea di quanto andrà a pesare una volta riempito completamente.

Come e dove appendere il sacco da boxe

Fate molta attenzione ad appendere il sacco ad un supporto che possa reggere sia il peso sia la forza derivante dall’oscillazione. Considerate che le oscillazioni tendono ad allargare il buco quindi verificate che il supporto sia resistente. NON basta appendersi al gancio per testarne la portata.

Evitate inoltre di installare il supporto su travi di legno con un semplice tassello ad espansione, a meno che non si tratti di un prodotto fatto apposta. L’ideale è poter fare affidamento su una struttura in calcestruzzo ed un tassello per quel tipo di materiale.


Le catene o le corde che collegano il gancio al sacco devono essere della stessa misura. Attenzione a tagliarle tutte della stessa lunghezza o vi ritroverete un sacco storto, scomodo da utilizzare e che durerà di meno.

Catene e gancio per sacco da boxe - Kombatnet Blog
Catene e gancio per sacco da boxe

È molto importante appendere il sacco con l’apposito gancio che consente al sacco di ruotare liberamente durante l’allenamento. Alcuni preferiscono utilizzare anche una molla o un ammortizzatore per limitare le oscillazioni: altri pensano invece che questo forzi troppo, in positivo o in negativo, l’oscillazione verticale del sacco e preferiscono non installarlo. Una soluzione possibile è comunque quella di bloccare l’oscillazione fissando in qualche maniera la parte inferiore ad un blocco (come una pila di pesi), che però possono intralciare il movimento dei piedi in prossimità del sacco stesso.

Soluzioni alternative

Un sacco da boxe può essere costruito in molte maniere. Una di quelle più interessanti e rapide è costituita da un travetto di abete avvolto in un tappeto sul quale viene avvitato un grosso perno con anello per buona parte della sua lunghezza. Il tutto viene ricoperto da sacchi della spazzatura per isolare il sudore ed infine ricoperto con del nastro telato da idraulico. Si tratta di una soluzione in economia effettivamente molto rapida da realizzare e tutto sommato efficace. Teniamo però a ricordare che il nastro tenderà a staccarsi con il calore, il sudore ed i colpi e che potrebbe essere un po’ ruvido per la pelle ed in alcuni casi anche per i guantoni.


Un’altra soluzione altrettanto valida è l’unire ed appendere delle vecchie gomme per auto di piccolo formato: è sicuramente una soluzione poco costosa ma se non viene realizzata correttamente ed una gomma si stacca dall’altra può essere anche pericolosa. Il colpitore risulterà probabilmente molto pesante, quindi attenzione ad utilizzare bulloni ed anelli di ottima fattura. L’elasticità delle gomme assorbirà notevolmente il colpo, pur mantenendo una certa durezza all’esterno. Il battistrada potrebbe essere veramente duro da colpire e causare danni alle dita, quindi si raccomanda sempre l’utilizzo di protezioni quando si colpisce un sacco del genere. È comunque molto probabile che i guantoni si rovinino, quindi non utilizzate i vostri Cleto Reyes da 200 euro! Ovviamente la forma irregolare potrebbe essere problematica da utilizzare con alcuni colpi così come essere interessante per allenamenti non convenzionali. Controllate sempre lo stato della struttura sia all’inizio che alla fine del vostro allenamento per evitare brutte sorprese e possibili danni.

Un’altra soluzione altrettanto rapida e poco costosa che imita il sacco ad acqua può essere quella di utilizzare come sacco un parabordo per le navi appeso ad una corda: ha già la predisposizione per l’aggancio e può essere trovato in rete a cifre contenute, oppure recuperato da vecchie navi in disuso. L’unico problema può essere il peso contenuto e l’eccessivo assorbimento dei colpi, tuttavia può essere utilizzato per interessanti allenamenti sulle schivate.

Boa parabordo per navi come sacco da boxe - Kombatnet Blog

Esistono numerose altre soluzioni come colpitori da terra costruiti con pile di copertoni usati delle auto o colpitori da muro costruiti con parti di esse, ma non è scopo di questo articolo analizzarle.


Se avete dubbi, domande o avete già costruito il vostro sacco potete scrivere un post, caricare un video o immagini del vostro lavoro nella Community di Kombatnet. Buon allenamento!

Leggi anche:

Questa pagina può contenere link in affiliazione con Amazon: Kombatnet riceve una commissione su ogni acquisto idoneo generato.

Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Mike Tyson e Cus D'Amato - Kombatnet

Cus D'Amato

Constantine "Cus" D'Amato (17 gennaio 19084 novembre 1985) è stato un manager e allenatore di boxe americano che ha guidato e plasmato le carriere di pugili come  Floyd Patterson, José Torres e Mike Tyson, tutti inseriti nell'International Hall of Fame della boxe. Diversi allenatori di boxe di successo, tra cui Teddy Atlas e Kevin Rooney, sono stati istruiti da D'Amato. D'Amato era un sostenitore dello stile di boxe "peek-a-boo", in cui il pugile tiene i guanti al viso con guardia molto chiusa e schiva lateralmente per entrare nella guardia avversaria e connettere alla corta distanza, stile che fu criticato da alcuni perché si credeva che un attacco efficiente non potesse essere lanciato da quella posizione. Leggi tutto l'articolo...
Guido Vianello - Kombatnet

Guido Vianello

Guido Vianello è un pugile italiano che combatte nei pesi supermassimi. Conosciuto anche come The Gladiator, è nato a Roma il 9 maggio 1994. Nel 2016 si è qualificato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro prendendo il posto di Roberto Cammarelle che si è ritirato dal pugilato nell'aprile 2016. Vianello è diventato professionista nel 2018, unendosi alla Top Rank Boxing. Leggi tutto l'articolo...
Gus Lesnevich - Kombatnet

Gus Lesnevich

Gus Lesnevich Gustav George Lesnevich (22 febbraio 1915-28 febbraio 1964) è stato un pugile americano, detentore del titolo di campione del mondo dei pesi massimi leggeri (era alto 1,75 m). Durante gli anni quaranta del Novecento regnò assieme a grandi campioni in un'epoca d'oro per la nobile arte, condividendo la scena con nomi come Joe Louis, Rocky Graziano e Sugar Ray Robinson. Leggi tutto l'articolo...
Martine Michieletto - Kombatnet

Martine Michieletto

Martine Michieletto è una kickboxer e thaiboxer italiana, campionessa ISKA di K-1 nei pesi piuma e già campionessa WKU di Muay Thai, vincitrice ad ONE Fight Night 11 contro Amber Kitchen. Ad ottobre 2022 è classificata come la sesta migliore donna kickboxer pound-for-pound da Beyond Kick. Nata il 21 settembre 1991 ad AostaMichieletto ha praticato atletica a livello  agonistico per molti anni. Ha iniziato a praticare sport da combattimento nel 2010 sotto la guida del M° Manuel Bethaz nell'ASD Fighting Club Valle d'Aosta, passando professionista solo due anni dopo e combattendo agevolmente sotto ogni regolamento (K-1Fight CodeMuay Thai Full Rules). Leggi tutto l'articolo...
Chatri Sityodtong - Kombatnet

Chatri Sityodtong

Chatri Trisiripisal, noto durante il suo periodo da fighter anche come Chatri Sityodtong e Yodchatri Sityodtong, è un imprenditore thailandese e istruttore di arti marziali che vive a Singapore, fondatore e CEO di ONE Championship. Leggi tutto l'articolo...
Giacobbe Fragomeni - Kombatnet

Giacobbe Fragomeni

Giacobbe Fragomeni, nato il 13 agosto 1969 a Milano, è un ex pugile italiano, campione del mondo 2008 WBC nei pesi massimi leggeri. Leggi tutto l'articolo...
Krav Maga - Kombatnet

Che cos'è il Krav Maga?

Il Krav Maga, che in ebraico significa "combattimento a contatto" (קרב מגע, pronunciato /ˌkrɑːv məˈɡɑː/ KRAHV mə-GAH), è un sistema di combattimento sviluppato per le Forze di Difesa Israeliane (IDF). È noto per il suo focus su situazioni reali e la sua estrema efficienza, derivando da una combinazione di tecniche utilizzate in aikido, judo, karate, pugilato e lotta. Leggi tutto l'articolo...
Sandro Lopopolo - Kombatnet

Sandro Lopopolo

Sandro Lopopolo, all'anagrafe Alessandro Lopopolo, è stato un pugile italiano, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Roma del 1960 e Campione del Mondo dei pesi superleggeri. Leggi tutto l'articolo...
Nicolino Locche - Kombatnet

Nicolino Locche

Nicolino Locche (2 settembre 1939 - 7 settembre 2005) è stato un pugile argentino di Tunuyán, Mendoza, che ha detenuto il titolo mondiale dei pesi welter junior dal 1968 al 1972. Locche è spesso citato come uno dei migliori pugili difensivi di tutti i tempi ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2003. Leggi tutto l'articolo...
Suntukan Panantukan Pangamot Pakamot Sumbagay Mano Mano - Kombatnet

Suntukan

Il Suntukan è la componente di striking delle arti marziali filippine. Nella regione insulare centrale delle Filippine di Visayas è conosciuto come Pangamot, Pakamot, Sumbagay o come Mano-mano e spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali della scuola di Dan Inosanto come Panantukan. Sebbene sia chiamata anche boxe filippina, questo articolo riguarda l'arte marziale filippina e non deve essere confuso con lo sport occidentale della boxe praticato nelle Filippine. Leggi tutto l'articolo...