Arti marziali e sport da combattimento: due facce di una stessa medaglia?

ENTRA IN KOMBATNET

Iscriviti ora a Kombatnet – Social Network

SOLO ARTI MARZIALI E COMBAT SPORTS

Arti marziali e sport da combattimento: due facce di una stessa medaglia?


Su Quora, noto social network dove gli utenti possono chiedere risposte a persone competenti in materia, mi hanno chiesto di rispondere alla seguente domanda:

Perché così tanti pugili sembrano avere poca stima di chi pratica le arti marziali?

Questa è stata la mia risposta.


<<Innanzitutto, la disistima è figlia dell’ignoranza: non esistono discipline da combattimento migliori o peggiori di altre, esistono solo praticanti più o meno preparati.

Detto questo: la differenza di vedute tra marzialisti tradizionali e praticanti di sport da combattimento a contatto pieno (e non) ha radici storiche profonde.

Le arti marziali nascono come metodo di difesa ed offesa nella notte dei tempi e vengono codificate per poter essere tramandate da maestro a discepolo in periodi in cui la tradizione orale e la pratica fianco a fianco erano l’unico mezzo per diffondere il sapere.


La loro controparte sportiva, che all’epoca era costituita da esibizioni pubbliche (dall’antica Grecia al Giappone, alla Persia) è cominciata a diventare “antagonista” quando la pratica marziale si è ulteriormente scissa in due.

Gli antichi “marzialisti“, civili o militari, hanno dovuto far evolvere le loro tecniche, a mano o all’arma bianca, per integrarle con l’utilizzo delle armi da fuoco e di strategie più complesse di squadra. Il concetto di scontro fisico “uno ad uno” o “uno a molti” è lentamente stato assorbito da una nuova concezione della pratica militare.

Ora i moderni marzialisti non sono più i monaci che dovevano sviluppare tecniche di difesa dai ladri ed assassini che infestavano i boschi, oppure i contadini che volevano difendersi dai soprusi dei samurai: oggi, con l’evolversi dell’etica, che bandisce lo scontro civile, gli unici a doversi realmente difendere con tecniche marziali atte ad uccidere o neutralizzare una minaccia sono i soldati che operano in squadre d’assalto, oppure personale addetto alla difesa di figure in vista.


Tutto quello che ruota attorno alla preparazione militare nel corpo a corpo è quello che è rimasto delle antiche pratiche marziali realmente applicate quotidianamente.

Le discipline militari sono le moderne arti marziali

Di contro, la disciplina sportiva si è evoluta fino ad arrivare a livelli notevoli, godendo anche di un supporto economico derivante da introiti pubblicitari, sponsorizzazioni e vendite di biglietti, merchandise e via dicendo, consentendo ad atleti di sport da combattimento di diventare noti a livello mondiale e sviluppare la loro preparazione sul piano fisico, accompagnati da stuoli di tecnici come nutrizionisti, cutman, preparatori atletici, psicologi dello sport. Oggi un atleta di punta (prendiamo un Canelo, per dire) di uno sport da combattimento a contatto pieno può godere di una preparazione eccelsa in termini qualitativi rispetto ad un suo collega marzialista tradizionale.

Le antiche pratiche marziali invece, private della loro pratica quotidiana, restano come studio storico della disciplina, intesa come forma d’arte, spesso volutamente ancorate alla loro tradizione. La frammentazione in migliaia di federazioni e stili poi impedisce spesso di godere di un adeguato supporto economico, paragonabile alla loro controparte sportiva.


Alcune arti marziali hanno tentato una fusione con gli sport da combattimento a contatto pieno: Sanda, Kyokushinkai, la stessa Muay Thai hanno introdotto limitazioni e “correzioni” alle loro pratiche d’origine per poter essere praticate in sicurezza su un tatami o su un ring.

Nessuno oggi, ad esempio, può realmente praticare la Muay Boran, se non come studio di una antica arte marziale, per vari motivi: innanzitutto perché i suoi colpi sono effettivamente mortali, in secondo luogo perché sono anacronistici.

In questo contesto storico attuale i pugili (inteso come praticanti di uno sport da combattimento a contatto pieno) sono quelli, quindi, che esperiscono la versione più “dura” possibile della disciplina da combattimento, comprendente KO ed una iperspecializzazione della tecnica in funzione del risultato sportivo.


Arturo Gatty vs Mickey Ward: un match durissimo

Dobbiamo aggiungere anche l’effetto negativo dato dalla narrativa costruita storicamente attorno alle arti marziali, nata ben prima della televisione ma da essa portata a livelli parossistici. Capita spesso che un praticante una arte marziale tradizionale si senta al riparo da ogni pericolo perché “forte” dello studio di antiche tecniche mortali di disarmo o di attacco: questo è fuorviante, tendenzioso e pericoloso.

Questo non significa ovviamente che un marzialista non sia “pericoloso” tout court, anzi: lo studio approfondito di tecniche potenzialmente mortali o invalidanti senza alcuna protezione può rendere il praticante una arma vivente. Un Taekwondoin esperto che dovesse tirare un Eeadan Dwi Chagi (“calcio girato saltato”, equivalente di un Tobi Ushiro Geri per un Karateka) ad una persona potrebbe tranquillamente ammazzarla, considerando che si tratta di un calcio praticato migliaia di volte in palestra e per il quale si riesce ad ottenere una precisione notevole oltre che una forza nel colpo devastante.>>

Chiaramente il discorso può e deve essere approfondito e non può limitarsi ad una risposta su Quora: spero infatti possiate dire la vostra qui di seguito, nella Community di Kombatnet circondati da esperti di arti marziali e discipline da combattimento 🙂


Autore: Yuri Refolo Account verificato
L'orso è il mio animale preferito.
Condividi questa pagina

Partecipa!

Benvenuto in Kombatnet!
Unisciti alla più grande community mondiale di discipline da combattimento!

Commenti

Ancora nessun commento

Kombatnet Wiki

Enciclopedia del combattimento

Collar-and-elbow - Kombatnet Wiki

Collar-and-elbow

Lo stile di lotta denominato Collar-and-elbow (in Irlandese "Coiléar agus Uille" o "Brollaidheacht") è uno stile di lotta nato in Irlanda, caratterizzato dall'utilizzo di una giacca tipica durante il combattimento. È stato praticato in varie zone del mondo con una forte componente etnica irlandese conseguente alla diaspora dall'isola nordeuropea, come gli Stati Uniti e l'Australia. Recentemente gode di una rinnovata attenzione grazie a campionati organizzati da neonate federazioni che ne ripropongono tecniche e regolamenti aggiornati. Leggi tutto l'articolo...
Mattia Faraoni - Kombatnet Wiki

Mattia Faraoni

Mattia Faraoni è un kickboxer e pugile italiano che combatte nei pesi massimi, pluricampione italiano e medaglia di bronzo sia ai mondiali che agli europei WAKO. Leggi tutto l'articolo...
Adimurai - Kombatnet Wiki

Adimurai

L'Adimurai è una antica arte marziale indiana che ha origine a Kanyakumari, conosciuta anche come Capo Comorin, regione nel sud dell'India. È stata praticata in origine nel distretto Kanyakumari dell'antico Tamilakam (l'attuale stato indiano del Tamil Nadu) così come nella Provincia Settentrionale dello Sri Lanka in altre aree vicine nel sudest del Kerala ed è considerata una delle discipline marziali più significative dell'India. Leggi tutto l'articolo...
Che cosa è lo Judo - Arti marziali - Sport da combattimento - Kombatnet Wiki

Judo

Lo Judo (柔道) è un'arte marziale e sport da combattimento giapponese, disciplina olimpica dal 1964, creato nel 1882 da Kanō Jigorō per distinguersi dai suoi predecessori (principalmente il Tenjin Shinyo-ryu jujutsu ed il Kitō-ryū jujutsu) con una enfasi sul "randori" (ossia il combattimento libero) al posto del "kata" (le forme) eliminando poi le tecniche di percussione (striking) e l'utilizzo delle armi. Lo Judo è salito alla ribalta per la sua superiorità in combattimento sopra le precedenti scuole di jujutsu nei tornei tenuti dal Tokyo Metropolitan Police Department (警視庁武術大会, Keishicho Bujutsu Taikai) diventando così l'arte marziale primaria adottata dal dipartimento. Un praticante di Judo si chiama Judoka (柔道家) e veste una uniforme tipica chiamata Judogi (柔道着). L'obiettivo dello Judo da competizione è proiettare un avversario, immobilizzarlo con una presa o sottometterlo con una leva o uno strangolamento. Mentre i colpi e l'utilizzo delle armi erano inclusi in alcune forme (kata) non sono comunemente utilizzate e sono considerate illegali nella pratica competitiva dello Judo. L'organismo che regola lo Judo a livello internazionale è la International Judo Federation ed i praticanti competono nel circuito internazionale professionale IJF. Leggi tutto l'articolo...
Engolo NGolo arte marziale africana - Kombatnet Wiki

Engolo

L'Engolo, o N'Golo, è una disciplina da combattimento rituale diffusa in vari gruppi etnici attorno al fiume Cunene nel sud dell'Angola, principalmente legata alla popolazione Mucupe. La parola Kikongo "Engolo" significa "forza", "potenza". Lo stile di combattimento dell'Engolo include calci, schivate, spazzate, con enfasi su posizioni acrobatiche con una o entrambe le mani a sorreggere il corpo mentre sferra un calcio. Leggi tutto l'articolo...
Chi è il pugile Saul Canelo Alvarez - Kombatnet Wiki

Saul "Canelo" Álvarez

Santos Saúl Álvarez Barragán, noto come Canelo Álvarez o Saúl Álvarez, è un pugile professionista messicano considerato uno dei più grandi pugili viventi. Nato il 18 luglio 1990, Canelo ha vinto più volte il titolo di campione del mondo in più classi, dai pesi medi ai massimi leggeri, oltre ad aver unificato i titoli in tre classi di peso ed essere stato campione lineare in due di esse. Álvarez è il primo e l'unico pugile della storia a diventare campione indiscusso nei pesi supermedi, avendo detenuto le cinture WBA (Super), WBC e The Ring magazine dal 2002 e quelle IBF e WBO dal 2021. Leggi tutto l'articolo...
Duilio Loi pugile - Kombatnet Wiki

Duilio Loi

Duilio Loi è stato un pugile italiano, inserito nella International Boxing Hall of Fame assieme a Nino Benvenuti nella lista dei più grandi pugili di sempre. In 14 anni di carriera come pugile professionista è stato campione d'Italia, campione d'Europa e campione del mondo. Nato a Trieste il 19 aprile 1929 da padre sardo proveniente da Cagliari, capo macchinista di navi mercantili, e madre di Trieste, Loi ha trascorso la sua vita fino all'adolescenza a Genova ed a 16 anni ha cominciato a frequentare la palestra di Dario Bensi. Leggi tutto l'articolo...
Andy Ruiz Jr campione pesi massimi pugilato - Kombatnet News

Andy Ruiz Jr.

Andrés Ponce Ruiz Jr. è un pugile professionista americano, già campione indiscusso dei pesi massimi avendo sconfitto Anthony Joshua e avendo vinto i titoli WBA (Super), IBF, WBO ed IBO nel 2019 diventando il primo pugile maschio di origini messicane a vincere un campionato del mondo dei pesi massimi. A ottobre 2021 era considerato il quinto peso massimo migliore del mondo da ESPN, il sesto secondo la Transnational Boxing Rankings Board e BoxRec, il settimo da The Ring magazine. Leggi tutto l'articolo...
Ernesto Hoost kickboxing K-1 kickboxer heavyweight champion - Kombatnet Wiki

Ernesto Hoost

Ernesto Hoost è un ex kickboxer olandese, 4 volte campione del mondo di K-1. È considerato uno dei più grandi kickboxer di tutti i tempi. Ha debuttato nel 1993 al K-1 World Grand Prix arrivando secondo. Si è ritirato 13 anni dopo, il 2 dicembre 2006 dopo la finale del K-1 World Grand Prix al Tokyo Dome, in Giappone per poi tornare nel 2014 con due vittorie incredibili a 48 anni. Hoost ha battuto giganti del combattimento com'è Peter Aerts,  Francisco Filho, Sam Greco, Jérôme Le Banner, Mark Hunt, Mirko Cro Cop, Andy Hug, Ray Sefo, Musashi, Mike Bernardo, Stefan Leko. Leggi tutto l'articolo...
Francisco Filho Karate Kickboxing K-1 - Kombatnet Wiki

Francisco Filho

Francisco "Chiquinho" Alves Filho è un karateka e kickboxer brasiliano considerato tra i più grandi fighter del pianeta. Ha battuto campioni di livello mondiale come Andy Hug, Sam Greco, Stefan Leko, Ernesto Hoost, Peter Aerts e Remy Bonjasky. Leggi tutto l'articolo...